15 Apr 2024

Alare di Luana Cotena: la moda come manifesto di innovazione sociale e creatività

Alare di Luana Cotena, start-up nata a Napoli dall’intuizione di una giovane Fashion Eco Designer, si propone di usare il linguaggio della moda per dare voce alle storie di “anime disfatte in cerca di libertà”. Attraverso i suoi abiti, unici e creati a partire da racconti autentici di vita, affidati alla sensibilità di Luana da una comunità virtuale, ma coesa, Alare indaga tematiche sociali e ambientali e si ribella a canoni di bellezza imposti, ad etichette e taglie convenzionali e a un modello di moda insostenibile per la società e per l’ambiente.

Salva nei preferiti

Campania - Alare di Luana Cotena è una realtà in procinto di diventare una start-up innovativa, nata a Napoli e diffusa in tutta Italia. Tutto ha avuto inizio con una domanda sui social: «Hai mai subito body-shaming?». Era il 2021, il mondo era chiuso dentro casa per la pandemia e Luana Cotena stava lavorando alla sua tesi magistrale in Fashion EcoDesign. E mentre le persone si raccontavano e affidavano a lei le loro storie, ha preso vita l’idea di Alare di Luana Cotena, un progetto che mira a diventare un laboratorio creativo in cui distruggere tutti gli schemi precostituiti di bellezza e di ri-costruirli attraverso un nuovo linguaggio, basato sul rispetto dell’unicità di ciascuno.

Alare di Luana Cotena
LA PICCOLA RIVOLUZIONE DI LUANA COTENA

Luana vuole farsi portavoce di un desiderio collettivo di rivoluzione. In un momento storico in cui si tremava all’idea del contatto con gli altri, Luana ribalta le regole e dà vita a un’aggregazione di anime, facendo un uso costruttivo dei suoi social media. Da questo desiderio nasce “Alare di Luana Cotena”, il cui nome deriva proprio dalla fusione delle parole “Alma” e “Disfare”, e che vuole dare voce a tutte quelle “anime disfatte che ambiscono alla libertà”. Il termine Alare rimanda anche all’apertura delle ali d’uccello, il simbolo di libertà per eccellenza.

«Per me la moda è un linguaggio», mi ha raccontato Luana. «Sin da piccola sono stata circondata dalle storie e ho imparato l’importanza di saper ascoltare. Così, quando ho cominciato a creare abiti, è stato naturale voler narrare storie attraverso di essi». Con Alare di Luana Cotena, la moda si trasforma in un mezzo per comunicare messaggi sociali.

LE STORIE COLLETTIVE NARRATE DA ALARE DI LUANA COTENA

«Questa concezione si è creata a partire dal desiderio di aiutare il prossimo. Ascoltando le storie che mi vengono affidate, provo a creare abiti che siano un rifugio per chi vuole vivere libero da etichette e discriminazioni e che riescano a valorizzare l’unicità di ciascun individuo. Per questo li chiamo “abiti/messaggio” e per questo ognuno di loro ha un nome: sono l’esito di un processo che ha trasformato in qualcosa di tangibile, con una forma e un tessuto, le emozioni e le idee di un coro di voci».

Alare di Luana Cotena vuole distaccarsi dalla tendenza della moda contemporanea che vede la bellezza come qualcosa di standardizzato e industrializzato. «Gli abiti che creo abbracciano i tre concetti di corpo, anima e libertà. Ogni corpo è unico, come unica è l’anima che lo abita. E le anime non hanno etichette, non hanno genere e non hanno una nazione di provenienza».

Alare di Luana Cotena2
BISOGNA DISFARE PER RI-CREARE

Il messaggio di solidarietà e di lotta che Luana Cotena sta gridando con Alare non riguarda solo i singoli esseri umani, ma ogni creatura vivente, compreso il pianeta stesso in cui viviamo. In Alare di Luana Cotena, la questione ambientale ha importanza quanto quella sociale. «I miei abiti nascono dallo studio della muscolatura del corpo umano e sono creati a partire da tessuti che dovevano essere buttati via, come scarti industriali o di guardaroba sovraccarichi. Questi tessuti vengono recuperati e destrutturati, al fine di realizzare un capo totalmente diverso. In alternativa, utilizzo tessuti che sono delle combinazioni naturali, come il bambù e la viscosa, che è un tessuto che prediligo perché al tatto ricorda molto la seta».

Luana sa bene che l’industria tessile è responsabile di enormi emissioni di gas serra e che il proliferare di fast fashion sta velocemente creando ingenti danni all’ambiente. «Per me è importante recuperare ciò che dovrebbe essere buttato per donargli una nuova vita. Tutto questo viene fatto valorizzando l’arte sartoriale, poiché tutti gli abiti sono realizzati a mano».

Le anime non hanno etichette, non hanno genere e non hanno una nazione di provenienza

ALARE DI LUANA COTENA, UNA VOCE PER NAPOLI

Luana è sempre orgogliosa di specificare che Alare di Luana Cotena nasce nella sua città, Napoli. «Anche se ormai si sta diffondendo in tutta Italia, il suo cuore è qui». E in un certo senso, la città di Napoli, con le sue contraddizioni e diversità, è stata una fonte di ispirazione inconscia. «Napoli è una città che regala ai suoi abitanti la capacità di rimodellare quello che ci fa male. Alare di Luana Cotena è nato da un dolore, ma io so che il dolore può diventare prosperità e questo, ad insegnarmelo, è stata proprio la mia città».

DECOSTRUIRE IL FALLIMENTO

Gli abiti di Alare di Luana Cotena vogliono dare voce a chi voce non ha, e Napoli stessa è una città che ha bisogno di essere protetta e valorizzata. Per questo, Luana ha scelto di ambientare il prossimo spot, “anime del popolo”, interamente a Napoli. «“Anime del popolo” è la storia di tanti giovani che raccontano il loro senso di fallimento. Al sud è difficile vivere di quel che si ama, il sogno diventa un hobby e presto si avverte la necessità di trovare fortuna in un’altra terra.

L’abito che li abbraccia vuole far sapere che il fallimento non è un momento di fine, ma di attesa, di conoscenza e di costruzione, e che ci permette di vivere il “dopo” con più forza e consapevolezza. Ci sono momenti in cui abbiamo l’impressione di non star andando da nessuna parte, di non avere possibilità, di non avere speranze. Ecco, vorrei far passare il messaggio che questi momenti, che viviamo tutti, non sono di arresto, ma di attesa. La fortuna non è un luogo, la fortuna siamo noi. Ognuno di noi ha dentro di sé delle risorse, bisogna solo trovare il modo di tirarle fuori. Ognuno di noi può realizzare i suoi sogni, perché siamo tutte anime della stessa terra».

Alare di Luana Cotena3

Luana vuole comunicare a tutti questo messaggio di speranza, proprio mentre sta realizzando il suo sogno, con determinazione, entusiasmo, ma soprattutto con dolcezza e sensibilità. Alare di Luana Cotena sta crescendo ben oltre le sue aspettative e la sua immaginazione. Lo scorso ottobre, hanno partecipato a Freebility, un evento benefico e inclusivo promosso da Elena Travaini e da altre associazioni e che si è tenuta lo scorso ottobre a Milano. Lì, si è tenuta la prima sfilata di moda umana, dove per la prima volta gli abiti\messaggio hanno attraversato la passerella e raccontato la propria storia.

Nel 2023, Alare di Luana Cotena ha vinto il premio Start Cup Campania 2023 come miglior progetto che promuove il principio delle pari opportunità e l’imprenditoria femminile e ha ottenuto, in seguito, l’accesso all’edizione italiana diAWE – Academy for Women Entrepreneurs. Quella di Alare di Luana Cotena è una realtà appena nata, ma già diventata grande, perché si nutre di grandi sogni, di forti speranze e, soprattutto, del potere di molte voci unite da un unico desiderio: quello di libertà.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Le erbacce di Napoli, un gruppo di giovani che prova a costruire nuove relazioni tra specie differenti
Le erbacce di Napoli, un gruppo di giovani che prova a costruire nuove relazioni tra specie differenti

Vivaio del cambiamento: un weekend gratuito per promuovere protagonismo e attivismo giovanile
Vivaio del cambiamento: un weekend gratuito per promuovere protagonismo e attivismo giovanile

Con la Festa della Primavera a Caltanissetta si fa comunità
Con la Festa della Primavera a Caltanissetta si fa comunità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Terremoti ai Campi flegrei: la paura e i piani di evacuazione incompleti – #936

|

Dalla Sardegna arriva l’intelligenza artificiale locale e sostenibile che “parla” con le piante

|

Mindful eating: l’approccio a un’alimentazione consapevole promosso da Marina e Paola

|

A Capaci nasce MuST23, un museo interattivo come luogo di riscatto civile e sociale

|

Eirenefest: dall’arte all’ambiente, tre giorni di festa per la pace e la nonviolenza

|

Al via il trekking alla scoperta dei parchi naturali italiani

|

Voglia di riconnettersi con la natura? Seguite Il Richiamo del Bosco

|

Il forno di Vincenzo: un progetto di comunità è la risposta alla X Fragile

string(6) "napoli"