11 Gen 2017

Senza compiti né zaino: la “scuola possibile” di Torino

Scritto da: Elena Risi

Niente compiti e zaini, banditi i voti. Nasce a Torino la “scuola possibile”, una rivoluzionaria scuola elementare che intende responsabilizzare i bambini valorizzandone i talenti e rispettando il loro tempo libero.

Salva nei preferiti

A partire da settembre aprirà a Torino la “scuola possibile”, un progetto di istruzione scolastica innovativa che non prevede l’assegnazione di compiti a casa né la valutazione degli allievi secondo il tradizionale sistema del voto. L’istituto – una scuola privata – sorgerà all’interno del Basic Village di via Foggia grazie a un’idea di Laura Milani, direttrice dell’Istituto di arti applicate e design Laad.

 

Le classi di questa scuola speciale ospiteranno un massimo di 15-18 ragazzi in modo che ognuno di loro potrà essere seguito al meglio, puntando sia sullo sviluppo delle capacità creative sia sul graduale accrescimento della loro autonomia. L’obiettivo è infatti quello di concentrare a scuola l‘apprendimento, così – anziché studiare per ore sui libri – il tempo libero può diventare un momento da dedicare all’espressione della propria personalità e ad attività che fanno parte della “scuola-vita”.

????????????????????

La giornata scolastica si svolgerà dalle 8 alle 17 e l’orario sarà scandito da diversi “moduli” della durata di 80 minuti, ognuno di questi verrà intervallato da lunghe pause durante le quali mangiare e giocare. L’insegnamento verterà intorno a cinque aree tematiche principali: alfabetizzazione, educazione all’immagine, educazione scientifica, educazione al suono e educazione al movimento. In ciascuna area di insegnamento si farà ricorso in maniera crescente e graduale all’uso della lingua inglese.

 

Anche per la valutazione del rendimento non ci si affiderà ai metodi tradizionali e, anziché ricorrere ai voti, i bambini dovranno misurarsi con la realizzazione di progetti diversi a seconda dell’area disciplinare. Alla fine dell’anno ci sarà comunque la possibilità (non obbligatoria) di dare un esame in una scuola tradizionale per tenere il polso del livello di apprendimento del bambino.

bambino-va-male-a-scuola-pagella

La scuola ha un costo di 7-8 mila euro l’anno a prevede l’assegnazione di borse di studio. Per il momento partirà solo il progetto di scuola primaria ma è già in cantiere, da qui a tre anni circa, la prosecuzione di questa esperienza scolastica anche per gli anni della scuola secondaria.

 

Certo la “scuola possibile” di Torino fa venir voglia di tornare in classe, ma c’è da sottolineare che non è l’unico né il primo metodo di apprendimento innovativo che ha bandito dalla didattica zaino e compiti per casa. Un numero sempre crescente di iniziative, pubbliche e private, sta abbracciando questo approccio, tanto che già da diverso tempo il progetto Scuole senza zaino ha iniziato a dare voce alle varie esperienze, pubbliche e private, fiorite in numerose città d’Italia.

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Patti Digitali: la comunità si unisce per aiutare genitori e figli a rapportarsi con la tecnologia
Patti Digitali: la comunità si unisce per aiutare genitori e figli a rapportarsi con la tecnologia

Rina e basta, il libro per bambini sulla ricerca di identità ambientato nel mar Ligure
Rina e basta, il libro per bambini sulla ricerca di identità ambientato nel mar Ligure

Educazione democratica nella scuola pubblica, si può fare?
Educazione democratica nella scuola pubblica, si può fare?

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Dalle crepe nel modello standard alla teoria delle stringhe. La scienza è in crisi? – #967

|

Kalabria Eco Fest ed Economia del Bene Comune: fare impresa etica in Calabria è possibile?

|

Inaugurata la bibliocabina con cassetta delle lettere, tra cultura e introspezione

|

Il video racconto da Selargius, tra chi ha lasciato tutto per presidiare e chi fra gli ulivi ha trovato comunità

|

PFAS e i cantieri TAV: tutte le acque contaminate, dal Veneto alla Val di Susa

|

Change!, la mostra che parla di Po, siccità e crisi climatica

|

Il volontariato che fa scoprire il mondo: la storia di Emily, giovane wwoofer

|

Open Accessible Cooking, il progetto di Elena e Andrea per una cucina accessibile

string(9) "nazionale"