15 Set 2015

A far le cose bene… Ci vuole il tempo che ci vuole!

Scritto da: Daniela Bartolini

Mostra-Mercato, dimostrazioni, laboratori gratuiti intorno alle manualità e ai "saper fare" di ieri e di oggi. Sabato 19 e domenica 20 Settembre a Stia.

A far le cose bene… Ci vuole i tempo che ci vuole, lo sanno bene gli artigiani che per il quarto anno si ritroveranno a Stia tra il Museo dell’Arte della Lana ed il Museo del Bosco e della Montagna per una due giorni dedicata alla valorizzazione dell’artigianato e dei mestieri di un tempo.

Il pomeriggio di sabato 19 settembre sarà dedicato agli approfondimenti con un convegno intorno alla sericoltura, ovvero la produzione della seta, nella tradizione locale e nelle manifatture italiane.

Artigianato, Natura e Creatività sono i denominatori comuni di questo evento organizzato dall’Ecomuseo del Casentino e dal Museo dell’arte della Lana di Stia.
Quest’anno la mostra mercato si svolgerà all’interno del Salone a Volta del Lanificio di Stia, domenica 20 settembre dalle 10 alle 19 con gli artigiani all’opera ed i laboratori didattici per bambini a cura dei Musei ed Ecomusei del Casentino. Laboratori per avvicinarsi ai mestieri del passato, per giocare con l’artigianato tra fili di lana, per avvicinarsi alle stelle con gli amici del Planetario del Parco o inseguire la storia tra draghi d’oriente e primi passi da archeologi.

E una mostra-mercato per riscoprire antiche tecniche e nuove evoluzioni dell’arte dell’artigianato. Un momento di scoperta e di confronto che parte e passa anche dal territorio: la mattina di domenica è dedicata alla pedala-cultura. Al ritmo lento della bicicletta da Stia al Castello di Porciano, dalla Pieve di Romena a Pratovecchio, per ritornare al Museo di Stia. Un tour guidato tra pievi e castelli con bici propria o con le biciclette a pedalata assistita messe a disposizione dall’organizzazione. 

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza