17 Mag 2024

Zero Waste Italy: unire le forze per chiedere una legge per incentivare riparazione e riuso

Scritto da: Redazione

Sono già diversi gli Stati che hanno messo nero su bianco le linee guida per combattere l'obsolescenza programmata e garantire il diritto a riparare, riusare, riciclare. Per stimolare un percorso analogo anche in Italia, la rete Zero Waste Italy chiama tutti a raccolta lunedì 20 maggio a Roma in occasione di un evento – di cui Italia che Cambia è media partner – che vuole unire le forze per raccogliere voci sul tema del diritto alla riparazione.

Salva nei preferiti

Roma, Lazio - Ridurre i rifiuti e promuovere la riparazione e il riuso sono obiettivi fondamentali per la transizione ecologica e l’economia circolare. Zero Waste Italy, organizza un incontro sulla riparazione e il riuso insieme a Right to Repair e Reware e a un vasto cartello di associazioni.

L’incontro proposto da Zero Waste Italy si pone nel solo e persegue l’impegno iniziato con la Pedalata su Roma nell’ottobre 2023, evento in occasione del quale furono consegnate oltre 30.000 firme alla Commissione Ambiente della Camera dei Deputati per chiedere una legge nazionale per incentivare la riparazione e il riuso.

Zero Waste Italy

Appuntamento a lunedì 20 maggio a Roma, presso la Città dell’Altra Economia, Campo Boario dell’ex-Mattatoio in Largo Dino Frisullo, dalle ore 18:30 alle ore 20:30, per discutere ed elaborare la bozza di una proposta di legge – sul modello di quelle già esistenti in Svezia, Austria, Francia e in diverse regioni tedesche – per “mettere a terra” l’alternativa all’usa e getta e lavorare nel solco sempre più pressante degli impegni normativi UE al fine di incentivare la riparabilità di beni e prodotti consentendone la riusabilità e l’allungamento del loro ciclo di vita.

L’obiettivo dell’incontro è anche quello di fare rete e unire le forze per raccogliere anche altre voci sul tema del diritto alla riparazione. La bozza della proposta di legge, in elaborazione, mira a favorire la transizione ecologica e l’economia circolare, creando nuove opportunità professionali nel settore della riparazione e del riuso – i “riparatori” –, nuovi posti di lavoro, occasione sociale di inclusione di soggetti vulnerabili e buone pratiche a tutti gli effetti in grado di ridurre la produzione di scarti e rifiuti. Attualmente, senza alcuna incentivazione, il settore del riuso conta oltre 100.000 posti di lavoro, un numero che potrebbe triplicare con provvedimenti legislativi adeguati.

Zero Waste Italy

All’ incontro parteciperanno attivisti ma anche operatori del settore, rappresentanti industriali, associazioni dei consumatori e istituzioni – comprese quelle parlamentari –, al fine di confrontarsi anche attorno a provvedimenti recentemente varati come il decreto ministeriale 119 del settembre 2023 relativo alla preparazione per il riutilizzo.

Zero Waste Italy sottolinea l’importanza di accelerare e facilitare la transizione ecologica con provvedimenti legislativi mirati, evitando polemiche sterili e impegnandosi per una gestione responsabile e sostenibile delle risorse. Media partner dell’evento sono EconomiaCircolare.com e Italia che cambia.

Attualmente, senza alcuna incentivazione, il settore del riuso conta oltre 100.000 posti di lavoro, un numero che potrebbe triplicare con provvedimenti legislativi adeguati

Il titolo dell’incontro sarà dunque “Il diritto alla riparazione, l’Italia accetta la sfida? Buone pratiche, opportunità e ostacoli nell’applicazione della direttiva europea. Lancio della campagna che chiede l’introduzione di un bonus riparazione anche in Italia”. Interverranno Nadia Ramazzini, giurista ambientale, Patty L’Abbate, Vicepresidente Commissione ambiente della Camera dei Deputati, Rossano Ercolini, Presidente di Zero Waste Italy, Danilo Boni, Referente area riuso e riparazioni Zero Waste Italy.

E ancora, Ugo Vallauri, The Restart Project / Right to Repair Europe (da remoto), Daniele Gizzi, Responsabile U.O. Ambiente e Sostenibilità Confartigianato, Walter Ruggeri, Consulting e Networking – WeFix.it, Raniero Maggini, Responsabile delle Politiche dell’Ambiente e del Territorio – Cittadinanzattiva, Nicolas Denis, Socio di Reware, Francesco Loparco, OZ Officine Zero. Modera Raffaele Lupoli di EconomiaCircolare.com. Seguirà la presentazione del libro di Rossano Ercolini Noi siamo oceano. Manifesto per un’ecologia del cambiamento.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
La sostenibilità in mostra: a Palma Campania Naturae trasforma la spazzatura in arte
La sostenibilità in mostra: a Palma Campania Naturae trasforma la spazzatura in arte

L’economia circolare di Relicta: pellicole biodegradabili che si sciolgono in acqua – Io Faccio Così #397
L’economia circolare di Relicta: pellicole biodegradabili che si sciolgono in acqua – Io Faccio Così #397

Oltree, il sogno di Barbara di un’impresa etica ispirata all’economia circolare
Oltree, il sogno di Barbara di un’impresa etica ispirata all’economia circolare

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Assalto eolico: l’isola dice no- INMR Sardegna #34

|

Oltre la paura: Trame di legalità tra festival, antiracket e normalità – Calabria sarai Tu #1

|

Campi estivi in natura 2024, ecco quali sono i migliori in base alle esigenze

|

Con Four Seasons Natura e Cultura si viaggia in modo sostenibile alla scoperta dell’Italia e del mondo

|

Un cammino lento attraverso la natura dell’appennino e le sue comunità

|

Agroecologia, sostenibilità, comunità: la Sardegna al centro del festival “Challenge Naturalmente locale”

|

Clara Vitaggio, enologa tra vin de garage e ricerche sui vitigni reliquia

|

Rina e basta, il libro per bambini sulla ricerca di identità ambientato nel mar Ligure

string(9) "nazionale"