18 Lug 2023

Centro Essere, un luogo che accoglie e supporta la crescita personale, di coppia e familiare

A Valverde nell’ottobre 2020, in piena pandemia, è nato Centro Essere, dall’idea di Martina e Roberta. Uno spazio dedicato alla cura e all’ascolto di tutti coloro che hanno bisogno di un supporto, dai più piccoli ai più grandi. Un lavoro multidisciplinare e di squadra che coinvolge vari professionisti e contribuisce al percorso di crescita e di evoluzione dell’individuo.

Salva nei preferiti

Catania - Circa dieci anni fa Martina e Roberta – pedagogista la prima, psicologa clinica la seconda – si sono conosciute durante un’esperienza lavorativa. Subito è nata una forte alchimia professionale e personale, agevolata anche dalla passione che entrambe hanno per i bambini e per un’etica comune del lavoro comune. Insieme ad altre due colleghe hanno così dato vita a Piccole Stelle sulla Terra, un’associazione che si occupa di disturbi specifici dell’Apprendimento (DSA). 

Nel tempo è diventata sempre più forte in loro la voglia di fornire maggiori servizi e riunire una rete di professionisti multidisciplinari all’interno di un unico luogo. Un posto dove poter dare risposte e supporto a chiunque ne avesse bisogno. È da questa esigenza che nell’ottobre 2020 è nato a Valverde il Centro Essere, uno spazio per ogni essere umano: sia per coloro che vengono a chiedere supporto, che per i professionisti che hanno voglia di interfacciarsi con altri colleghi cercando di evitare la settorializzazione delle professioni mediche. Un vero e proprio lavoro di squadra.

All’interno del Centro Essere si trovano infatti psicologi, psicoterapeuti, educatori all’infanzia, neuropsichiatri infantili, logopedisti, pedagogisti, nutrizionisti, osteopati e ostetriche. Un’equipe multidisciplinare per supportare non solo bambini con disturbi specifici dell’apprendimento o della neurodiversità, ma anche singoli, coppie e genitori nel loro percorso di crescita. Una “casa” dove accogliere emozioni e confronto, esprimere dubbi e difficoltà, trovare supporto psicologico e professionale.   

centro essere

«Amo il mio lavoro e ho sempre sognato di svolgerlo, sin da piccola. Ho sempre dato importanza alle relazioni, a un approccio che non guarda solo l’individuo, ma il sistema all’interno del quale vive, coppia, famiglia… Lo spazio che abbiamo trovato ci ha suggerito e permesso di concretizzare quanto sognavamo, come ad esempio, di essere uno dei pochissimi centri che nel 2020 teneva in presenza corsi di accompagnamento al parto. Abbiamo potuto preservare le relazioni in un periodo così complicato con conseguenze che continuiamo ad affrontare quotidianamente», racconta Roberta Trovato. 

Sono infatti tante le richieste di aiuto che Roberta e i suoi colleghi ricevono da parte di molti universitari e genitori che, dopo i lunghi mesi trascorsi a casa a causa della pandemia, hanno paura ad affrontare quella che prima era la “normalità”: incontrare le persone, confrontarsi con i professori, mandare i propri figli all’asilo. Molti genitori chiedono aiuto perché ai propri figli manca una fetta importante del percorso scolastico. 

Facciamo quello che ci piace e lo facciamo con immenso amore. Questa è la nostra carta vincente

Accogliendo la varietà delle richieste in questi pochi anni, il Centro Essere ha cambiato più volte forma, si è evoluto, subendo e apportando novità. Come, del resto, accade nel percorso di ogni singolo essere umano. Martina, ad esempio, ha fatto un passo indietro sulla co-conduzione del Centro, anche se è sempre presente con lo spirito e con l’impegno, e nel frattempo sono nate altre idee e collaborazioni.

Grazie alla presenza di un assistente all’infanzia, Laura Angela Zappalà, il Centro Essere è in grado di supportare i genitori che chiedono aiuto per la “selettività alimentare”, ovvero tutti quei bambini che mangiano poco o quasi nulla, che fanno fatica a dormire, che non riescono a staccarsi dal seno della propria mamma, che fanno fatica a parlare. Oppure per i genitori che non sanno come affrontare l’arrivo del secondo figlio o che vogliono vivere una genitorialità consapevole

centro essere 2

«Li accompagniamo passo dopo passo e, tra di noi, ci confrontiamo per mettere in atto il percorso più giusto per ogni singolo bambino e per i vari componenti della famiglia. In base alle situazioni diamo suggerimenti: un percorso logopedico o con la nutrizionista per una corretta salute alimentare oppure incontri con l’ostetrica per dare consigli sull’allattamento, sulla sessualità. Da poco, ad esempio, abbiamo organizzato un evento a cui hanno partecipato tante ragazze sul tema delle mestruazioni. C’è bisogno di cura, attenzione verso l’altro e ascolto. Vogliamo essere utili per chi viene a chiederci aiuto», racconta Roberta. 

Alla base della visione del Centro Essere c’è dunque la voglia di dare supporto e di guardare all’individuo con un approccio olistico che permette di individuare al meglio i punti di forza e di debolezza, per vivere al meglio il percorso di crescita e di evoluzione.

«Mi auguro che Centro Essere col tempo possa crescere come punto di riferimento per il sostegno di bambini in difficoltà, per nuclei familiari, mamme, coppie, e che aumentino anche i professionisti che vogliono collaborare con questo progetto. È un’idea e bisogna crederci, scommettendo. Quello che ci contraddistingue è la passione per il lavoro che svolgiamo, solo così si può dare il massimo senza spingersi oltre. Facciamo quello che ci piace e lo facciamo con immenso amore. Questa è la nostra carta vincente», conclude Roberta. Del resto, come insegnano i saggi, è soprattutto con l’amore che si può cambiare il mondo.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Il nuovo Centro diurno per anziani affetti da Alzheimer accoglie i primi 24 pazienti
Il nuovo Centro diurno per anziani affetti da Alzheimer accoglie i primi 24 pazienti

BenEssere al Castello: a Piovera il festival su discipline olistiche e salute
BenEssere al Castello: a Piovera il festival su discipline olistiche e salute

Ma siamo veramente più longevi? – A tu per tu #5
Ma siamo veramente più longevi? – A tu per tu #5

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Aurore boreali, Sar, che succede ai nostri cieli? – #937

|

La VegToria, la nuova fattoria vegana sulle alture di Genova

|

Olga Karatch: “Contro la guerra patriarcale, dobbiamo dare voce alle donne per la pace”

|

WWOOFing all’Ecosfera: un viaggio alla scoperta della permacultura e di connessioni umane

|

Favola Industriale Blues: con l’arte si racconta cosa accade intorno al polo petrolchimico di Siracusa

|

Dalla Sardegna arriva l’intelligenza artificiale locale e sostenibile che “parla” con le piante

|

Mindful eating: l’approccio a un’alimentazione consapevole promosso da Marina e Paola

|

A Capaci nasce MuST23, un museo interattivo come luogo di riscatto civile e sociale

string(7) "sicilia"