25 Feb 2014

Slow fashion, a Genova una bottega artigianale di moda di qualità

“Spesso la nostra società sembra caratterizzata da un dualismo forte tra la cura del proprio aspetto e il rispetto per […]

“Spesso la nostra società sembra caratterizzata da un dualismo forte tra la cura del proprio aspetto e il rispetto per il Pianeta, come se le due cose fossero inconciliabili. Da quel che ho capito, però, vivere e praticare in modo sostenibile, magari seguendo i principi della decrescita, significa non sprecare, non buttare le cose e farle durare il più a lungo possibile; non necessariamente deve significare rinunciare al bello, al ricercato, alla qualità delle stoffe e dei tessuti”.
(da “Io faccio così” pag. 88)
10313291545_34cec96093_h
Rosanna Pagliarini con il supporto della figlia Caterina ha avviato a Genova una sorta di bottega artigianale di moda di qualità. In questo spazio si insegna a cucire e a confezionare i propri abiti, fornendo i tessuti necessari. I prezzi non sono certo alla portata di tutti, ma il concetto che muove questo tipo di attività è assolutamente in linea con i tempi che stiamo vivendo: a prodotti di basso costo e bassa qualità se ne sostituiscono altri più cari (comunque molto meno cari che quelli della “moda tradizionale”), ma molto più duraturi (ed esteticamente superiori). Una volta appresa una tecnica, inoltre, “i clienti” possono realizzare i propri capi di abbigliamento autonomamente, riducendo ulteriormente la spesa ai soli tessuti.

Per saperne di più leggi:
 
io-faccio-cosi-libro-70810Daniel Tarozzi
Io faccio così-libro
Viaggio in camper alla scoperta dell’Italia che cambia
 
 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
L’economia circolare di Relicta: pellicole biodegradabili che si sciolgono in acqua – Io Faccio Così #397
L’economia circolare di Relicta: pellicole biodegradabili che si sciolgono in acqua – Io Faccio Così #397

Oltree, il sogno di Barbara di un’impresa etica ispirata all’economia circolare
Oltree, il sogno di Barbara di un’impresa etica ispirata all’economia circolare

Daniela Ducato e il Terzo Paesaggio: valorizzare le zone marginali per riscoprire la vita che pulsa – Dove eravamo rimasti #26
Daniela Ducato e il Terzo Paesaggio: valorizzare le zone marginali per riscoprire la vita che pulsa – Dove eravamo rimasti #26

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Ancora sulle elezioni in Sardegna: l’analisi – #887

|

La Tuscia si mobilita per dire “no” al deposito nazionale di scorie radioattive

|

Un parco eolico nel Supramonte: in Sardegna un’overdose di energia destinata ad andare altrove

|

Paola Gianotti: da Helsinki a Parigi in bici per raccontare la ciclabilità

|

Se lo conosci non lo eviti: ecco come mi sono preparata a una settimana di digiuno

|

Martina, Emma e la sindrome di down: a volte “lasciar andare” è un atto d’amore

|

Cosingius: le scarpe tradizionali sarde che si ispirano all’economia circolare – Io Faccio Così #400

|

Riduzione dei rifiuti, riuso e riutilizzo: a Reggio Calabria c’è Fare eco, per un mondo più pulito

string(9) "nazionale"