25 Feb 2014

Slow fashion, a Genova una bottega artigianale di moda di qualità

“Spesso la nostra società sembra caratterizzata da un dualismo forte tra la cura del proprio aspetto e il rispetto per […]

“Spesso la nostra società sembra caratterizzata da un dualismo forte tra la cura del proprio aspetto e il rispetto per il Pianeta, come se le due cose fossero inconciliabili. Da quel che ho capito, però, vivere e praticare in modo sostenibile, magari seguendo i principi della decrescita, significa non sprecare, non buttare le cose e farle durare il più a lungo possibile; non necessariamente deve significare rinunciare al bello, al ricercato, alla qualità delle stoffe e dei tessuti”.
(da “Io faccio così” pag. 88)
10313291545_34cec96093_h
Rosanna Pagliarini con il supporto della figlia Caterina ha avviato a Genova una sorta di bottega artigianale di moda di qualità. In questo spazio si insegna a cucire e a confezionare i propri abiti, fornendo i tessuti necessari. I prezzi non sono certo alla portata di tutti, ma il concetto che muove questo tipo di attività è assolutamente in linea con i tempi che stiamo vivendo: a prodotti di basso costo e bassa qualità se ne sostituiscono altri più cari (comunque molto meno cari che quelli della “moda tradizionale”), ma molto più duraturi (ed esteticamente superiori). Una volta appresa una tecnica, inoltre, “i clienti” possono realizzare i propri capi di abbigliamento autonomamente, riducendo ulteriormente la spesa ai soli tessuti.

Per saperne di più leggi:
 
io-faccio-cosi-libro-70810Daniel Tarozzi
Io faccio così-libro
Viaggio in camper alla scoperta dell’Italia che cambia
 
 

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Articoli simili
Innovazione, Startup e Saper fare
Innovazione, Startup e Saper fare

MUSE FabLab: promoviamo la cultura della riparazione
MUSE FabLab: promoviamo la cultura della riparazione

Obsolescenza programmata: così è nata la truffa del consumismo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Giornalista, un mestiere pericoloso – #523

|

Una chitarra e zaino in spalla: il viaggio di Mosè, giovane musicista che promuove il cammino lento

|

MigrArt, sette anni di migrazioni raccontate da un collettivo artistico

|

Quanto conta la salute? La storia di BB ce lo insegna

|

La morte di Shireen e un conflitto che sembra un labirinto senza vie d’uscita

|

Spiegare la guerra ai bambini: c’è un modo giusto per farlo?

|

Facciamo il sapone, il libro che spiega l’autoproduzione ai più piccoli

|

La storia di Mathias, il contadino che ha guidato la sua gente nella battaglia contro una multinazionale