12 Giu 2014

Io gioco con la Terra. L'Asilo nel bosco mette radici a Ostia antica

Scritto da: Sabina Bello

In Italia, oltre che mettersi al passo con i tempi, c’è chi si impegna a mettersi a passo con il […]

In Italia, oltre che mettersi al passo con i tempi, c’è chi si impegna a mettersi a passo con il tempo, quello atmosferico. La novità è a pochi passi dagli scavi di Ostia Antica, in una zona dove la luce, la campagna e la bellezza proprio non mancano, in altre parole un fazzoletto di mondo che per i bimbi è tutto da vivere. Per dare valore a tutto ciò che c’è già in questa Terra l’esperienza che sta mettendo radici è l’Asilo nel Bosco.

 

senza titolo

 

Nell’Asilo nel Bosco il motto che accompagna è “Non esiste cattivo tempo, ma solamente abiti sbagliati” ed è proprio questo che intendevamo con il metterci al passo. Anche perché in Europa di Asili nel Bosco ce ne sono già moltissimi, a partire da paesi non proprio esotici quali Danimarca, Germania, Inghilterra, Svizzera, giusto per citarne alcuni. L’idea è semplice: impostare la giornata e le attività all’aperto, attrezzandosi con galosce e tute da pioggia se necessario e guardando alla parte esterna come uno stimolo costante, per ritrovare poi all’interno una possibilità per “rintanarsi”, ritirarsi ed essere accolti. Un luogo circoscritto da cui sperare di uscire non è la prospettiva migliore per gli occhi curiosi di un bambino!

 

Il progetto partirà a settembre, ma per spiegarvi meglio cos’è un Asilo nel Bosco vorremmo invitarvi di persona alla presentazione in anteprima il 15 Giugno, alle 11.00, perché le cose semplici parlano meglio da sole.

 

Locandina Asilo nel BoscoL’associazione Manes  e L’Emilio  hanno scelto di dare vita a questa nuova avventura, il cui valore aggiunto è altissimo ed apre sin dall’infanzia la possibilità di riuscire a cogliere un aspetto dell’Italia tra i meno trascurabili: la sua grande ricchezza naturale, che ben si accompagna con quella artistica e culturale.

 

La ricchezza talvolta è meno complicata di quel che si crede. La ricchezza sono le innumerevoli foglie che cadono in autunno su cui poter saltare, la brillantezza dei fiori con cui possiamo dipingere, la molteplicità delle sensazioni che la nostra mano può sperimentare toccando la terra, piantando un seme, accarezzando la pioggia. Ricchezza è tutto ciò che posso vedere da una casa sull’albero, le infinite forme delle nuvole, tutto ciò che posso ascoltare mentre mi nascondo nell’erba alta di un campo, tutti gli odori della Natura al lento passare delle ore di una giornata.

 

Per un bambino tutta questa ricchezza vale di più. Valgono maggiormente i tentativi di arrampicarsi, i loro giochi segreti, il silenzio del mondo sotto la pioggia. Vale di più lo spazio, che non si son ancora abituati ad usare in maniera univoca e che diventa quindi luogo di sperimentazione. Vale in maniera diversa il tempo, perché per un’ora giocata con impegno, un’ora magica, non esiste un valore in denaro.

 

Tutte queste verità sono importanti perché ogni bimbo, ogni bimba, giunge nuovo alla vita e tutto ha ancora da assaggiare da scoprire, affinchè possa costruirsi il proprio bagaglio di odori, sapori, sensazioni, suoni, colori da portarsi lungo la vita.

 

I confini di una stanza rischiano di essere troppo stretti per affrontare tutta questa grandezza. Troppo stretti per trovare la calma, la forza, la curiosità necessarie per crescere giorno per giorno. I bimbi attraversano delle sfide importanti, sia nel corpo con tutte le abilità che questo apprende, che nella loro interiorità che si va costituendo pian piano, nei dubbi e paure che a volte fronteggiano.

 

senza titolo-2 (1)

 

Il bimbo è un artista che ha bisogno di un giusto spazio e un giusto tempo per esprimersi. La Natura rimane per eccellenza il luogo più ricco di stimoli e di strumenti. Quello che possiamo fare come adulti è proteggerli, proteggere quei luoghi, quelle possibilità ed esperienze che a partire dall’infanzia sono così dense e significative.

Per questo l’incontro fra Manes e l’Emilio è importante, perché giorno per giorno lavorano per far sì che l’esperienza dell’Asilo nel Bosco non venga a mancare proprio nel nostro territorio, così degno di essere abitato. La bellezza che non sappiamo riconoscere è un tesoro perduto, l’Italia in cui ci riconosciamo al punto da regalarne un pezzetto a un bambino è un tesoro che porteremo sempre con noi.

 

 

Peri info:
asilonelbosco2014@libero.it
www.lemilio.it
www.associazionemanes.it
info@lemilio.it
06.52169061 – 348.9332959
Scarica la locandina: clicca qui

 

Per saperne di più leggi:

io-faccio-cosi-libro-70810Daniel Tarozzi

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Io faccio così
Viaggio in camper alla scoperta dell’Italia che cambia

 

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
A Torino nascerà un bosco urbano per migliorare la vivibilità in città
A Torino nascerà un bosco urbano per migliorare la vivibilità in città

“Salviamo i parchi liguri”: confermato il dietrofront della giunta Toti
“Salviamo i parchi liguri”: confermato il dietrofront della giunta Toti

“Stop al taglio indiscriminato delle alberature stradali!”
“Stop al taglio indiscriminato delle alberature stradali!”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza