Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
14 Apr 2015

Sarà l’agricoltura naturale a salvarci?

Scritto da: Redazione

Quali sono le alternative alla produzione del cibo industriale? A quale fetta di mercato può rivolgersi un consumatore che ha […]

Quali sono le alternative alla produzione del cibo industriale? A quale fetta di mercato può rivolgersi un consumatore che ha a cuore la tutela del territorio e che desidera cibarsi di alimenti sani? I produttori di Genuino Clandestino propongono la loro alternativa a Vicenza in un incontro di tre giorni.

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

ATTIVATI

 

gcavicenza

Genuino clandestino  è un gruppo informale di contadini che si definisce rete di comunità in lotta per l’autodeterminazione alimentare. Della rete fanno parte produttori di ogni regione d’Italia, ed è per questo che da sempre il gruppo cerca di organizzare incontri a carattere nazionale.

 

 

Questa volta l’appuntamento è Vicenza, la città che dal 2007 è in presidio contro la costruzione di una nuova base statunitense. Affianco al presidio, nel 2008 è nato anche un gruppo di acquisto solidale, il Gas No Dal Molin, nato dall’idea che la terra si possa tutelare dalla militarizzazione e dalla cementificazione anche e soprattutto grazie alla piccola agricoltura contadina.

 

Dal 17 al 19 aprile i contadini di Genuino Clandestino, assieme ai protagonisti del Gas No Dal Molin, si incontreranno al centro sociale Ex Bocciodromo per discutere di produzione del cibo, garanzia partecipata, Ogm, grandi opere, e soprattutto di buona agricoltura, un’agricoltura naturale fatta di tutela del territorio, “opposta a quella portata avanti dalle multinazionali che saranno ospitate a Milano durante l’Expo 2015″ spiegano gli organizzatori.

 

Visualizza Genuino Clandestino sulla Mappa dell’Italia che Cambia!

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Ha senso vietare il burqa? – Io Non Mi Rassegno #323

|

Come coltivare un orto biologico? Scopriamolo insieme a Let Eat Bi!

|

Il cambiamento? Sei tu! Torna Vivi Consapevole Live

|

Cura del territorio ed economia circolare per salvare le montagne italiane

|

La produzione di energia – Io rifaccio casa così #4

|

Donne in cammino: nasce il Festival delle Ragazze in Gamba

|

Cannistrà, il piccolo borgo trasformato in bene comune dai cittadini

|

TuttiConnessi, la raccolta solidale che rigenera e dona PC agli studenti