5 Mag 2015

"Come un albero": consumare con lentezza

Scritto da: Redazione

Mentre a Milano inaugura la monumentale Esposizione Universale sul cibo, nel resto d’Italia continuano a lavorare realtà su piccola scala, […]

Salva nei preferiti

11119301_881995341866465_436605009623904503_nMentre a Milano inaugura la monumentale Esposizione Universale sul cibo, nel resto d’Italia continuano a lavorare realtà su piccola scala, attente alla qualità e alle relazioni umane: centinaia di gruppi, associazioni e reti che credono in un modo diverso di produrre, distribuire e consumare cibo.

 

Nel cuore di Roma si trova l’angolo bar di “Come un albero” . Non si tratta di un locale qualsiasi, piuttosto una casa, all’interno della quale focacce e tisane sono servite con precisione e attenzione. Così come attentamente sono considerati i lavoratori di questa realtà.

 

 

“Come un albero” è un associazione di promozione sociale che si occupa di disabilità in un’ottica di inclusione. Nel 2007 l’associazione ha aperto una sede a Roma. Battezzata “Casa museo dello sguardo sulla disabilità”, la sede è organizzata come una vera e propria casa: un appartamento con sei stanze con tanto di cucina, camera da letto e salone. Nell’anticamera c’è un accogliente angolo bar con in mostra tisane, focacce e torte fatte in casa.

 

Il bar, racconta Stefano Onnis, responsabile di Come un albero, è un progetto di inserimento lavorativo frutto di un lungo percorso, che oggi impiega sei persone disabili. “Abbiamo lavorato con i nostri ragazzi sull’accoglienza e l’igiene, sulla gestione degli spazi e dei tempi – spiega Stefano – lavoriamo su piccoli numeri, a ritmi differenti, ma questo è il nostro valore aggiunto”.

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Sport paralimpici: a che punto siamo in Italia? Ne parliamo con Efrem Morelli
Sport paralimpici: a che punto siamo in Italia? Ne parliamo con Efrem Morelli

Disability Film Festival: parlare di disabilità oltre gli stereotipi pietistici o eroici
Disability Film Festival: parlare di disabilità oltre gli stereotipi pietistici o eroici

Giornata nazionale delle disabilità intellettive: ecco perché è urgente parlarne
Giornata nazionale delle disabilità intellettive: ecco perché è urgente parlarne

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

A Gaza è l’intelligenza artificiale a scegliere chi sarà ucciso – #918

|

Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo

|

MAG4, la mutua autogestione piemontese, si schiera contro il mercato delle armi

|

Percorsi Spericolati, continua la formazione per sviluppare progetti innovativi per le aree interne

|

Cosa faresti se finissi su un’isola deserta? Esperimento di filosofia a scuola

|

Val Pennavaire in rete: la nuova e inaspettata zuppa di sasso

|

Gaetano, terapista forestale dei Monti Lattari: “La foresta mi ha guarito”

|

Cuscini Bio, la moda etica e quel giocattolo dentro a una fornitura tessile

string(9) "nazionale"