5 Mag 2015

"Come un albero": consumare con lentezza

Scritto da: Redazione

Mentre a Milano inaugura la monumentale Esposizione Universale sul cibo, nel resto d’Italia continuano a lavorare realtà su piccola scala, […]

11119301_881995341866465_436605009623904503_nMentre a Milano inaugura la monumentale Esposizione Universale sul cibo, nel resto d’Italia continuano a lavorare realtà su piccola scala, attente alla qualità e alle relazioni umane: centinaia di gruppi, associazioni e reti che credono in un modo diverso di produrre, distribuire e consumare cibo.

 

Nel cuore di Roma si trova l’angolo bar di “Come un albero” . Non si tratta di un locale qualsiasi, piuttosto una casa, all’interno della quale focacce e tisane sono servite con precisione e attenzione. Così come attentamente sono considerati i lavoratori di questa realtà.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

 

 

“Come un albero” è un associazione di promozione sociale che si occupa di disabilità in un’ottica di inclusione. Nel 2007 l’associazione ha aperto una sede a Roma. Battezzata “Casa museo dello sguardo sulla disabilità”, la sede è organizzata come una vera e propria casa: un appartamento con sei stanze con tanto di cucina, camera da letto e salone. Nell’anticamera c’è un accogliente angolo bar con in mostra tisane, focacce e torte fatte in casa.

 

Il bar, racconta Stefano Onnis, responsabile di Come un albero, è un progetto di inserimento lavorativo frutto di un lungo percorso, che oggi impiega sei persone disabili. “Abbiamo lavorato con i nostri ragazzi sull’accoglienza e l’igiene, sulla gestione degli spazi e dei tempi – spiega Stefano – lavoriamo su piccoli numeri, a ritmi differenti, ma questo è il nostro valore aggiunto”.

 

 

Vuoi cambiare la situazione
della disabilità in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Francesco Cannadoro: “Racconto il drago del mio Tommi per far comprendere davvero la disabilità”
Francesco Cannadoro: “Racconto il drago del mio Tommi per far comprendere davvero la disabilità”

Radio 32, l’ascolto come atto rivoluzionario di inclusione e affermazione del mondo della disabilità
Radio 32, l’ascolto come atto rivoluzionario di inclusione e affermazione del mondo della disabilità

ExpressCare, la piattaforma che aiuta le persone non autosufficienti e ribalta il paradigma del familismo
ExpressCare, la piattaforma che aiuta le persone non autosufficienti e ribalta il paradigma del familismo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi