1 Dic 2015

Biosociale: filiera corta e biologica a Ferrara

Scritto da: Annalisa Fabbri

A Ferrara è nato Biosociale, un gruppo di aziende agricole biologiche che hanno deciso di unirsi per creare un circuito produttivo e distributivo virtuoso, etico e attento alla naturalità dei prodotti. E grazie alla collaborazione con alcune cooperative, il progetto ha anche un risvolto sociale.

Immaginate tanti piccoli agricoltori che cominciano a cooperare tra di loro e che gli stessi producano frutta a verdura esclusivamente da agricoltura biologica. Immaginate di poter scegliere e ordinare gli ortaggi dei quali avete bisogno direttamente dal computer di casa vostra in assoluta comodità, e con la massima trasparenza sui prezzi e sulla produzione di ogni singolo alimento. A Ferrara, dall’entusiasmo di Antonella, Davide e Francisco, è nato BioSociale.

 

IMG-20151130-WA0004

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all'Italia che Cambia

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Una collaborazione di piccole attività imprenditoriali nel settore agricolo sparse sul vasto territorio ferrarese, tutte con la notifica di produttore biologico certificato. L’obiettivo è creare un circuito economico virtuoso che avvicini produttori e acquirenti in un filiera corta e sostenibile.

 

Il funzionamento è analogo a quello dei gruppi d’acquisto: la consegna è settimanale ed è possibile ordinare sia telefonicamente sia sul sito biosociale.it una vera e propria cassetta di frutta e verdura, variabile nel corso delle settimane secondo le produzioni locali, che successivamente verrà ritirata negli ormai numerosi punti di ritiro sparsi in tutta la provincia ferrarese e su richiesta direttamente a domicilio, la consegna avviene in bicicletta nei punti facilmente raggiungibili.

 

Ad oggi si preparano circa 70 cassette a settimana e a queste è possibile integrare tanti altri prodotti trasformati come pasta, riso, farine e uova anch’esse di produzione rigorosamente Bio.

 

biosociale3

 

Il centro di smistamento di Biosociale si trova a Marborghetto di Boara, paesino adiacente alla cittadina ferrarese, presso il coworking Campo Resilia, ma il progetto viene sostenuto da cooperazioni agricole e sociali sparse in tutta la provincia e in continua espansione anche grazie alla collaborazione e alla partecipazione attiva di cittadini ed enti pubblici auspicando un incremento sempre maggiore dei terreni messi a disposizione per nuove produzioni.

 

Da sottolineare la collaborazione costante con le cooperative sociali, che si concretizza sostenendo e assegnando mansioni a persone a rischio di esclusione sociale, permettendo loro di integrarsi nel mondo del lavoro in base alle loro attitudini.

 

Il progetto, in continua espansione, ha ottenuto in breve tempo un forte riscontro e numerosi apprezzamenti, anche grazie ad una crescente attenzione a ciò che mangiamo e la sicurezza che questi cibi vengano prodotti nel rispetto della natura, conservando al loro interno tutte le proprietà vive che la terra ci offre.

 

 

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5