13 Lug 2016

Aumentano nel 2016 i Comuni “Rifiuti free”

Scritto da: Elena Risi

Aumentano in Italia i comuni “Rifiuti free”: sono 525 le realtà che superano il 65% di raccolta differenziata e producono meno di 75 chilogrammi annui per abitante di rifiuto secco indifferenziato. Risultati ottenuti grazie alla responsabilizzazione dei cittadini che stanno gradualmente abbandonando la cultura dell'usa e getta a favore di un'economia circolare.

L’Italia si sta avviando verso Rifiuti Zero? Forse il risultato non è dietro l’angolo ma certo è che il “Premio Comuni Ricicloni 2016” di Legambiente ha riservato una sorpresa inaspettata: le realtà che producono meno di 75 chili a persona di rifiuti secchi indifferenziati sono passati da 356 a 525, coinvolgendo una popolazione di circa 3 milioni di cittadini (cioè il 7% della popolazione nazionale). Le ricette seguite per raggiungere il risultato sono diverse ma l’obiettivo comune è quello di seguire i principi di un’economia circolare e abbandonare progressivamente la cultura dell’usa e getta che per anni ha dominato incontrastata in tutto il mondo Occidentale.

 

bins_2974712b

 

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Se è vero che a livello nazionale, l’Italia è ancora qualche punto al di sotto della media europea in materia di riciclo rifiuti – il nostro Paese sfiora il 21% contro la media UE al 27% – stiamo comunque facendo alcuni passi avanti. Secondo l’Istituto Superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale (ISPRA) tra il 2011 e il 2013 l’Italia è riuscita a ridurre del 6,9% i rifiuti destinati alla discarica.

 

E oltre ai comuni virtuosi d’Italia, anche grandi brand e imprese economiche si sono date da fare, mettendo in campo le idee più estrose per ridurre al minimo la produzione dei rifiuti. Già da un paio d’anni la Timberland ha annunciato di aver raggiunto un accordo con la Omni Unite (produttore e distributore di pneumatici) per creare una linea di pneumatici riciclabili al termine del ciclo vita e trasformarli in suole delle scarpe. Poi c’è l’Orange Fiber, il tessuto ideato da due giovani siciliane – Adriana Santanocito e Enrica Arena – che hanno dato vita a un tessuto “vitaminico” ricavato dalle bucce delle arance. E ancora, a Spresiano (in provincia di Treviso) è nato un impianto per riciclare pannolini da cui è possibile produrre plastica in granuli.

 

Il principio alla base di tutto è uno, gli scarti che diventano risorse. D’altronde la filiera del riciclo dell’organico batte l’inceneritore su tutti i fronti: aumenta i posti di lavoro, diminuisce i costi di produzione e giova all’ambiente.

 

 

Articoli simili
Puliamo Terlizzi: i cittadini si mobilitano contro i rifiuti e la cultura del degrado
Puliamo Terlizzi: i cittadini si mobilitano contro i rifiuti e la cultura del degrado

Valentina, la custode di condominio che promuove riciclo creativo e buone pratiche
Valentina, la custode di condominio che promuove riciclo creativo e buone pratiche

"Succompost" dagli scarti delle arance?

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Overshoot Day 2022 italiano è già arrivato – #521

|

Le persone piccole: come crescono i bambini e le bambine nella comunità educante di un ecovillaggio

|

Apre il Covo degli Orsi, la nuova “casa rossa” per i genitori dei pazienti del Gaslini

|

“Dal lato all’altro della finestra di una RSA, il telefono ci unisce”

|

Guerra in Ucraina: come viene raccontata e percepita in Russia?

|

I(n)spira-Azioni racconta gli effetti dei cambiamenti climatici con Luca Barani e The Climate Route – #6

|

Alice In The Lab: le creazioni etiche di una giovane che ha scelto di vivere in modo ecologico

|

Una Mappatura Collettiva per trasformare i luoghi abbandonati della città in beni comuni