24 Feb 2017

Ecovillaggio Montale: studenti europei a scuola di sostenibilità

L'insediamento abitativo ecologico Ecovillaggio Montale ha ospitato un gruppo di studenti greci per uno stage di cura del verde con metodi sostenibili. L'obiettivo è stato quello di creare un ponte fra due Paesi con una cultura e un ambiente simili e trasmettere conoscenze ed esperienze capaci di formare una cultura ecologica.

Modena - Ecovillaggio Montale è un insediamento abitativo in provincia di Modena realizzato con avanzate tecniche di bioedilizia, che in tre anni ha evitato l’emissione di Co2 pari a 400 tonnellate producendo ossigeno anche per i quartieri limitrofi. Il 13 febbraio, questo spazio ha ospitato una delegazione di studenti greci per una lezione sulla cura del verde nell’ambito del progetto YouNet, associazione che forma studenti europei attraverso l’ospitalità delle aziende italiane.

ev1«L’obiettivo di questo progetto che abbiamo avviato in Ecovillaggio Montale – commenta la coordinatrice Camilla Guerrati – è uno scambio di buone pratiche per consentire di apprendere metodologie innovative sulla manutenzione del verde, sull’agricoltura biologica, biodinamica, sinergica, gli orti urbani. In definitiva apprendere in Italia, da regioni virtuose come l’Emilia Romagna, quelle tendenze più rispettose dell’ambiente».

Attraverso una intensa esperienza sul campo, YouNet vuole favorire la crescita formativa diretta di stagisti europei. Un percorso legato alla promozione della sostenibilità che partendo da una visione centrata sugli aspetti ecologici accoglie la dimensione del benessere dell’uomo nell’ambiente, quindi il miglioramento della qualità di vita, il comfort abitativo dentro e fuori casa.

La giornata formativa ha visto la presenza di alcuni operai dell’amministrazione comunale di Castelnuovo Rangone. L’approccio della formazione e osservazione sul campo, (“job shadowing”) ha consentito loro di entrare in contatto con le buone pratiche utilizzate per costruire le case ecologiche e di toccare con mano elementi di bioarchitettura che coniugano il massimo comfort ai minimi consumi energetici.

Ecovillaggio Montale, “case study” e modello di quartiere a impatto zero, è stato descritto nelle sue specificità sostenibili dall’imprenditrice e fondatrice Silvia Pini e dall’agronomo del paesaggio Marcella Minelli, che ha illustrato le scelte progettuali in Ecovillaggio finalizzate al comfort ambientale complessivo e al fondamentale recupero delle acque piovane, secondo la quale «il confronto con altre realtà è sempre stimolante. La Grecia poi è un Paese del Mediterraneo come il nostro, quindi abbiamo molto in comune, non solo da punto di vista botanico, ma anche e soprattutto dal punto di vista culturale e quindi di approccio al verde nel bene e nel male».

ev2

Questa esperienza ha offerto la possibilità di acquisire nuove competenze e conoscenze e di arricchirsi sul fronte dell’innovazione che fa bene all’ambiente. Da diversi anni, in collaborazione con istituti scolastici primari e secondari del territorio modenese, Ecovillaggio Montale contribuisce nel proprio piccolo a formare la coscienza sostenibile dei futuri abitanti del Pianeta attraverso lezioni frontali in classe, esperienze di stage e di apprendimento diretto sul campo.

Significativo è stato il fatto che gli studenti provenissero da un paese che sta attraversando un periodo particolarmente difficile, come sottolinea Silvia Pini: «Dopo la grande crisi economica che ha generato depressione, particolarmente in Grecia ma anche in Italia, questo interscambio è stato particolarmente proficuo e fonte di speranza soprattutto quando ci si stimola reciprocamente a fare per cambiare».

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Verso una nuova leadership, tra responsabilità individuale e visione d’insieme
Verso una nuova leadership, tra responsabilità individuale e visione d’insieme

La Via del Cambiamento: ecco perché non è un normale percorso di “crescita personale”
La Via del Cambiamento: ecco perché non è un normale percorso di “crescita personale”

La Via del Cambiamento, il cammino di evoluzione personale e spirituale calato nella pratica
La Via del Cambiamento, il cammino di evoluzione personale e spirituale calato nella pratica

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Ancora sulle elezioni in Sardegna: l’analisi – #887

|

La Tuscia si mobilita per dire “no” al deposito nazionale di scorie radioattive

|

Un parco eolico nel Supramonte: in Sardegna un’overdose di energia destinata ad andare altrove

|

Paola Gianotti: da Helsinki a Parigi in bici per raccontare la ciclabilità

|

Se lo conosci non lo eviti: ecco come mi sono preparata a una settimana di digiuno

|

Martina, Emma e la sindrome di down: a volte “lasciar andare” è un atto d’amore

|

Cosingius: le scarpe tradizionali sarde che si ispirano all’economia circolare – Io Faccio Così #400

|

Riduzione dei rifiuti, riuso e riutilizzo: a Reggio Calabria c’è Fare eco, per un mondo più pulito

string(9) "nazionale"