3 Apr 2017

Carovane Migranti: il viaggio nelle strade dell’integrazione

Scritto da: Roberto Vietti

Un insieme di gruppi e associazioni hanno iniziato a collaborare insieme per la difesa dei diritti dei migranti, per la loro dignità e giustizia. E' una lotta contro il degrado del territorio, del razzismo, dello schiavismo, delle perforazioni nell'Adriatico. Si combatte per la libertà di spostamento degli umani.

TORINO – C’è così tanto Sole che i miei occhi hanno difficoltà a mettere a fuoco Roberto e Karen, che mi attendono in un incrocio di un grande corso della città torinese, appena fuori dal centro.

Riconosciuti, ci salutiamo ed attendiamo l’arrivo di Fulvio e Asanka. Noto subito l’eterogeneità del gruppo, sia in termini di età che di provenienza geografica. E’ bello vedere collaborare insieme persone di generazioni o radici culturali diverse: l’arricchimento culturale e sociale deve passare dalla conoscenza e dall’incontro nella diversità.

carovane migranti viaggio strade integrazione 1490541458

Decidiamo di sederci nel dehors di un bar a pochi metri dal punto d’incontro, per godere del Sole così tanto generoso quest’oggi. L’eterogeneità si palesa anche nella scelta delle bevande: latte macchiato, acqua e menta, caffè decaffeinato, bicchiere di vino bianco e succo d’arancia. Avevamo qualche dubbio sul fatto che Fulvio riuscisse a ricordare tutti e cinque gli ordini, ma ci siamo dovuti ricredere.

Iniziamo così una lunga chiacchierata. Karen, dal sorriso avvolgente, annuncia che di lì a pochi giorni sarebbe partita per Roma per parlare di Carovane Migranti al “The 19 milion project”: un summit internazionale organizzato nella capitale dove giornalisti, organizzazioni, cittadini si riuniscono per discutere e proporre iniziative future sul tema dei diritti umani di immigrati e perseguitati nel mondo.

E’ emozionata dal fatto che dovrà presentare in pubblico il progetto di Carovane Migranti, ma Fulvio e gli altri la tranquillizzano, consci delle sue capacità.

CONTINUA LA LETTURA DELL’ARTICOLO COMPLETO SUL BLOG “DAI TERRITORI”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente

|

Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore

|

Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia

|

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo