30 Ago 2017

Futurando: la bioedilizia al centro del festival della sostenibilità

Scritto da: Paolo Cignini

Organizzato in collaborazione con Italia che Cambia, sta per tornare a Perugia Futurando, il festival della sostenibilità. Quest'anno al centro dell'evento, giunto alla sua settima edizione, vi saranno gli esempi di nuova edilizia ad alta tecnologia ecologica, anello finale di una catena virtuosa che parte dalla coltivazione delle materie prime e utilizzazione di materiali naturali, passando per le fasi di lavorazione di queste per finire nella realizzazione di edifici sani, autosufficienti, ecologici, antisismici e a basso impatto ambientale.

Salva nei preferiti

Giunge alla sua settima edizione il festival della sostenibilità Futurando, che si terrà il 16 e 17 settembre 2017 a Villa Taticchi, nella località di Ponte Pattoli in provincia di Perugia. Il festival è organizzato in collaborazione con Italia che Cambia e le associazioni Canapamo, LUMI  e  WikiGaia.

Fut018

Tema centrale del festival di quest’anno sarà l’abitare nel futuro, con  particolare attenzione alla canapa per il suo enorme potenziale e le infinite diramazioni. La frase di presentazione del festival, “Costruendo il futuro dal campo alla casa”, ci invita verso un percorso dove cibo, benessere, piccola impresa e nuove tecnologie sono anelli collegati di una catena virtuosa che, partendo dalla coltivazione delle materie prime e dall’utilizzazione di materiali naturali finisce nella realizzazione di edifici sani, autosufficienti, ecologici, e a basso impatto ambientale.

Aspetti fondamentali, legati al territorio, che saranno trattati e valorizzati all’interno del Festival saranno anche le caratteristiche antisismiche di questi nuovi modelli abitativi, che si collega alla proposta appoggiata anche da Italia che Cambia per una ricostruzione delle aree colpite e devastate dai terremoti del 2016 con criteri davvero antisismici, con materiali leggeri, di basso impatto ambientale ed eco-compatibili.

Un calendario molto fitto di presentazioni, laboratori e conferenze guiderà i partecipanti nel percorso appena elencato: saranno presenti imprese e professionisti impegnati nello sviluppo di modelli abitativi e tecnologie costruttive, ricercatori che lavorano all’implementazione di nuove tecnologie, produttori agricoli che si stanno spostando verso produzioni destinate alla bioedilizia, artigiani che stanno sviluppando nuove professionalità necessarie al processo in tutte le sue fasi. Sarà inoltre possibile  toccare con mano materiali e campioni di moduli costruttivi.  I bambini potranno costruire una casa di paglia e delle macchine per la produzione di energia e ci sarà un mercatino di prodotti biologici regionali.

Futurando-2016-092

La particolare attenzione alla canapa è un’ulteriore conferma di una ritrovata curiosità del territorio umbro per questo versatile materiale, già documentata su questo giornale nei mesi precedenti.  A Futurando i visitatori troveranno un percorso che consentirà loro di seguire la canapa dalla produzione, attraverso le fasi di trasformazione, per finire con materiali e prodotti che si potranno toccare con mano.

Inoltre in una serie di mini-conferenze, professionisti e aziende presenteranno i loro progetti e prodotti, dai materiali stessi ad esempi del loro utilizzo in costruzioni ecologiche ed antisismiche. Ci si allaccerà anche a progetti in corso o in via di sviluppo che pensano alla ricostruzione post-terremoto in un modo organico, combinando produzione agricola e artigianale con la costruzione di edifici ecologici, antisismici ed autosufficienti, utilizzando materiali locali, tecniche tradizionali combinate alle più avanzate tecnologie costruttive disponibili.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Isolamento con la lana di pecora: l’idea di Brebey per un’edilizia sostenibile e circolare
Isolamento con la lana di pecora: l’idea di Brebey per un’edilizia sostenibile e circolare

Cà del Buio: l’imprenditore Paolo Bassetti apre le porte al primo b&b CasaClima ligure
Cà del Buio: l’imprenditore Paolo Bassetti apre le porte al primo b&b CasaClima ligure

Il sogno realizzato di Christoph e Philipp: ricostruire la filiera della canapa
Il sogno realizzato di Christoph e Philipp: ricostruire la filiera della canapa

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Papua Nuova Guinea, la frana, la tragedia e i 2000 morti di cui non si parla – #939

|

Viola Walk Home, l’app che “accompagna” le persone per farle sentire più sicure

|

Riverberi, a Milano il festival della sostenibilità per diffondere il cambiamento

|

Oasi in ospedale WWF, a Palermo il primo spazio verde del progetto

|

Tra le case abbandonate, il cortometraggio ambientato nei vecchi borghi fantasma dell’Appennino

|

Salviamo il fiume Sarno: continua la lotta per la bonifica del fiume più inquinato d’Europa

|

Arriva Equa, l’app che ti dice quanto è sostenibile un prodotto

|

Scalo Sogni: il viaggio in solitaria di Ettore Campana arriva sulle vette del Caucaso

string(9) "nazionale"