12 Ott 2017

Festival del Cinema Adelio Ferrero. Quattro giorni di cinema ad Alessandria

Scritto da: Alessia Canzian

Ospiti d’eccezione, proiezioni e dibattiti che spaziano dal rapporto tra cinema e fumetto, al ruolo delle serie televisive nella cinematografia contemporanea: una quattro giorni tutta da scoprire ad Alessandria, dove per il primo anno il famoso premio di critica cinematografica Adelio Ferrero si trasforma in un Festival.

Salva nei preferiti

Alessandria - Dal 12 al 15 ottobre si svolgerà ad Alessandria la primissima edizione del Festival del Cinema Adelio Ferrero. Una prima edizione che, tuttavia, ha alle sue spalle trentaquattro anni di omonimo Premio di critica cinematografica, un premio storico del cinema, rivolto soprattutto a giovani aspiranti critici cinematografici.

Adelio Ferrero fu il primo presidente del Teatro Comunale di Alessandria e sarà proprio questo teatro il luogo in cui avranno sede, insieme alla sede dell’associazione Cultura e Sviluppo, questi quattro giorni di visioni, proiezioni, dibattiti e incontri con esponenti del cinema e della critica italiana.

Il Festival inizierà giovedì 12 ottobre alle 19 presso la sede dell’Associazione Cultura e Sviluppo con un convegno in onore a Marco Ferreri e al suo cinema controcorrente e al limite del rivoluzionario. Durante il dibattito saranno proiettate parti dei suoi film.

Un altro grande omaggio sarà dedicato a Dario Argento, in onore dei quaranta anni dall’uscita di Suspiria sul grande schermo. “Nella serata di sabato 14 ottobre, proietteremo Suspiria nella versione restaurata in digitale”, ci conferma Barbara Rossi, presidente dell’associazione La voce della luna, partner del Festival.

festival adelio ferreo alessandria 1507794061

Venerdì 13 si parlerà di cinefilia e dell’esperienza del cineclub “Movie” di Torino con, tra gli altri ospiti d’eccezione, Steve Della Casa e Ugo Nespolo. In serata sarà proiettato il film “Compagna di viaggio”, con Asia Argento e Michel Piccoli. Dopo la proiezione avrà luogo il dibattito con il regista Peter Del Monte.

Una cosa estremamente innovativa saranno gli “apericritica”, degli aperitivi pensati per parlare di cinema in modo meno formale. Durante l’apericritica di sabato 14, si parlerà delle contaminazione del cinema attraverso le serie televisive. A indagare questa nuova frontiera cinematografica sarà Emanuela Martini, grande critica italiana, oltreché attuale direttrice del Torino Film Festival.

Sempre sabato 14, in mattinata, si svolgerà un workshop di critica cinematografica per universitari e studenti degli istituti di istruzione secondaria superiore. Il laboratorio intende indagare le modalità con cui fare critica cinematografica attraverso il web; sarà condotto dal professor Umberto Mosca dell’Università di Torino.

Domenica 15, giornata conclusiva, si partirà già in mattinata con la proiezione del film “Poltrone Rosse”, durante la proiezione sarà presente in sala il regista Francesco Barilli. Nel pomeriggio sarà indagato il curioso connubio cinema – fumetto. In prima serata sarà presentata la performance sonora degli studenti del conservatorio A. Vivaldi di Alessandria.

Su immagini di “La Passione di Giovanna D’Arco” e “Vampyr” del famoso regista e sceneggiatore danese C. T. Dreyer, sarà eseguita una sonorizzazione in diretta dall’orchestra del conservatorio.

Associazioni cittadine, istituti di istruzione superiore, patrocinio sia del Comune, sia della Regione, e una collaborazione con la Federazione Italiana Cineforum; questa la sinergia che ha permesso di organizzare un evento così innovativo. Quattro giorni intensi e ricchi di ospiti d’eccezione, per questa prima edizione che vuole essere anche una sfida. Una sfida che ha portato diverse associazioni a lavorare insieme e a collaborare per la realizzazione di un Festival che vuole essere non solo per cinefili, ma per tutti gli amanti del cinema.

Pertanto, non ci resta che farci accompagnare in questo viaggio tra film, critica e aperitivi a tema, sperando che questa prima edizione sia solo l’inizio di un sempre più famoso Festival cittadino.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Chi furono i primi abitanti della Sardegna? Un viaggio lungo 11mila anni
Chi furono i primi abitanti della Sardegna? Un viaggio lungo 11mila anni

Simularte: inclusione e valorizzazione del territorio passano per la musica
Simularte: inclusione e valorizzazione del territorio passano per la musica

Carla e Francesco: “Il nostro Stardust* loft, uno spazio creativo dove si incontrano arte e talenti”
Carla e Francesco: “Il nostro Stardust* loft, uno spazio creativo dove si incontrano arte e talenti”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Processo Italcementi: la collina dei veleni – INMR Sardegna #26

|

A Chioggia c’è un albergo sociale gestito da persone fragili

|

Festa del libro, a Zafferana Etnea scuole e collettività insieme per promuovere la lettura

|

Navi da crociera: ecco cosa è emerso dall’inchiesta sul loro impatto

|

Come si fa una comunità energetica (per davvero): ne parliamo con Gianluca Ruggieri – Meme! #47

|

Kento, il rapper militante che usa l’hip hop per “far uscire” i giovani dal carcere

|

Alex Zanotelli: “Disobbedienza civile per difendere la legge 185 sull’export di armi”

|

Alice Pomiato, alias aliceful: “La partecipazione sociale è la cosa più sostenibile che ci sia”

string(8) "piemonte"