13 Dic 2017

Io faccio così #192 – Naturale è meglio: la bioedilizia ed il design di Madeinterra

Scritto da: Elena Risi

L'habitat perfetto è quello in armonia con la natura. Ne è convinta Madeinterra, azienda che ha sviluppato una gamma di prodotti per la bioedilizia, l’arredo e il design interamente naturali e sostenibili. Un esempio significativo è quello della canapa, fibra dalle mille proprietà.

Bari - Costruire restando in armonia con l’ambiente  e rispettando il benessere dell’uomo. Per “Madeinterra”, start up di bioedilizia e eco-design nella provincia di Bari, tutto riparte dalla natura e dalla natura prende forma. Coccio pesto, terra cruda, paglia, canapa, grassello di calce, sono solo alcuni dei materiali più usati dall’azienda.

“Per immaginare una nuova edilizia abbiamo rimesso mano agli studi di Vitruvio” – spiega Marco Ferrarelli, designer e cofondatore dell’azienda – “abbiamo ripensato la sua tecnica e abbiamo riproposto nuove soluzioni per le case di oggi”. Tutto fila: se il fondatore dell’architettura occidentale utilizzava nel 15 a.C. materiali ancora oggi disponibili in natura, di certo valeva la pena approfondire le loro potenzialità. Anche perché grazie all’aiuto della tecnologia moderna la gestione dei materiali è oggi molto più agevole.

Considerata  la parità dei costi, la bioedilizia offre vantaggi considerevoli perché i composti naturali hanno un ciclo di vita infinito e le prestazioni energetiche sono notevolmente superiori a quelle proprie delle costruzioni in calce o laterizio. Un ulteriore vantaggio sta nella possibilità di recuperare le materie prime direttamente in natura. “Non facciamo muovere i materiali – sottolinea Ferrarelli – siamo noi che ci spostiamo”.

14657537_1670121229968464_6972633915614232814_n

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Un esempio molto significativo è quello della canapa, una fibra dalle mille proprietà che può essere utilizzata per cappotti termici, sottotetti, termo-intonaci o per la realizzazione di oggetti da arredamento. Anche in questo caso la filiera è ultra corta. Dal 2013 infatti è sorto a Crispiano un impianto di trasformazione della canapa industriale, il primo nel sud Italia, che può rappresentare un’occasione di svolta per l’economia agricola e artigianale di tutto il meridione. Si tratta dello stabilimento della South Hemp Techno che, attraverso la trasformazione primaria delle paglie di canapa, produce fibre e canopulo, entrambi materiali ecosostenibili dalle spiccate proprietà tecniche utili per l’industria e l’artigianato.

Per ricominciare dalla terra c’è bisogno di educare i bambini di oggi fin da piccoli. Per questo madeinterra ha pensato anche a loro, proponendo una linea di ecogiochi – Le costruzioni  – che li stimoli alla sperimentazione attraverso mattoncini biosostenibili e elementi di legno provenienti solo da foreste gestite in maniera corretta e responsabile. Un’idea perfetta per educare e divertire.

Intervista: Andrea Degl’Innocenti
Riprese e montaggio: Paolo Cignini

Articoli simili
Progettare e realizzare in bioedilizia: cosa abbiamo fatto nel concreto e come? – Io rifaccio casa così # 3
Progettare e realizzare in bioedilizia: cosa abbiamo fatto nel concreto e come? – Io rifaccio casa così # 3

Ripensare l'abitare #2 – Le case ecologiche tra realtà e pregiudizi

Felcerossa, la casa di paglia dove si sperimenta il vivere sostenibile in autosufficienza – Io faccio così #308
Felcerossa, la casa di paglia dove si sperimenta il vivere sostenibile in autosufficienza – Io faccio così #308

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Criptofollie – #422

|

Torino incontra gli innovatori sociali che cambiano il mondo con la forza dei loro sogni

|

Domenico Chionetti: “Le mie giornate al G8 al fianco dei disobbedienti”

|

Scienza e religione: dopo secoli di conflitto siamo giunti a un nuovo connubio?

|

Ecco i mobility manager, per unire aziende e istituzioni nel nome di una mobilità sostenibile

|

La nuova vita di Nicola in Madagascar: “Tsiryparma sostiene le foreste e i loro abitanti”

|

CreativeMornings Ancona: incontrarsi a colazione e parlare di… – Io Faccio Così #336

|

La Dog Therapy arriva tra i banchi di scuola per donare il sorriso ai bambini