25 Gen 2018

Un viaggio alla scoperta dell’Economia del Bene Comune

Scritto da: Paolo Cignini

Inizia oggi un viaggio a puntate alla scoperta della Federazione italiana dell’Economia del Bene Comune: storie di imprenditori che hanno messo in pratica il Bilancio del Bene Comune, scuole, consulenti e sostenitori che rendono viva questa nuova esperienza nel sogno di un'economia migliore.

Tra luglio e settembre 2017 Italia che Cambia e la Federazione italiana dell’Economia del Bene Comune hanno avviato insieme una collaborazione allo scopo di approfondire, attraverso dei mini-documentari con articoli di approfondimento, le esperienze più significative e caratterizzanti a livello imprenditoriale ed educativo che hanno deciso in Italia di far propri i principi e le linee guida suggeriti dalla matrice dell’Economia del Bene Comune.

 

Della storia della Federazione internazionale vi avevamo parlato su Italia che Cambia con un’apposita storia: nata nel 2011, l’Economia del Bene Comune nasce dalla spinta dell’economista, divulgatore e scrittore austriaco Christian Felber e si tratta di una vera e propria proposta di un sistema economico alternativo fondato su valori che promuovono il bene comune, ponendosi l’obiettivo di conciliare l’ambizione al profitto delle aziende con una condotta che contribuisca al bene della collettività.

 

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

 

La Federazione italiana dell’Economia del Bene Comune è nata nel 2013, grazie alla spinta di alcune persone accomunate dal desiderio di diffondere, mettere in pratica e ispirare processi di cambiamento imprenditoriale. Dopo il nostro primo incontro nel 2016, abbiamo deciso insieme alla Federazione Italiana dell’Economia del Bene Comune di intraprendere un viaggio che racconti le esperienze più interessanti in Italia sul tema: imprenditori, consulenti, scuole e professionisti che hanno deciso, nonostante le difficoltà, di mettere in pratica ciò in cui credono. Ve lo racconteremo a partire da oggi, con questa prima presentazione, per altri dodici appuntamenti settimanali: una storia a settimana, con un video approfondito e un articolo come da nostro stile narrativo.

 

Dopo questo primo “ripasso” di oggi sull’Economia del Bene Comune, la prossima settimana entreremo nel cuore dello strumento principale di applicazione dei principi dell’Economia del Bene Comune: il Bilancio e la matrice dal quale si ricava. Bernhard Oberrauch, attuale presidente della Federazione italiana dell’Economia del bene comune, e Stella Catto, Segretaria della Federazione, ci spiegheranno dettagliatamente come è strutturato il Bilancio e quali sono le modalità di realizzarlo per un’azienda.

I consulenti dell’economia del bene comune in italia

I consulenti dell’economia del bene comune in italia

Ci dedicheremo poi per alcune puntate a scoprire le storie e le valutazioni di alcuni degli imprenditori che hanno realizzato il Bilancio dell’Economia del Bene Comune: Almacabio, Pur SüdTirol, Engl Hanns costruzioni, Euroform, Triade Bio e Sinergas. Scopriremo l’esperienza della Scuola superiore WFO Kafka di Merano e di come vengono insegnati i principi dell’Economia del Bene Comune tra i ragazzi. Incontreremo rappresentanti territoriali della Federazione italia come Lidia di Vece (che è anche la vice-presidente della Federazione italiana dell’Economia del Bene Comune ndr), Sara Didoni e alcuni dei consulenti come Francesco Badalini e Sandri Vittori, fino ai sostenitori come Margareta Maria Pabon Molina.

 

 

Nella speranza di poter approfondire in futuro altre storie del variegato e sempre più ricco mondo di esperienze dell’Economia del Bene Comune in Italia, auguriamo ai nostri lettori un buon viaggio nei nostri racconti e ringraziamo tutti coloro, sostenitori e intervistati, che hanno reso possibile questa bella e arricchente collaborazione. Buona lettura e buona visione!

 

 

 

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Il Cile è pronto a rivoluzionare la costituzione! – Io Non Mi Rassegno #371

|

Ossa forti e in buona salute per tutta la vita

|

Fondo Forestale Italiano: compriamo boschi per salvarli dall’abbattimento

|

La ‘ndrangheta non è un alibi, la Calabria può cambiare

|

Jonida Xherri e la sua arte partecipata che unisce i popoli

|

Il ciclo mestruale e il ciclo della vita. Un miracolo che si ripete ogni mese – Amore Che Cambia #5

|

Ammàno: “Torno in Calabria per fare il contadino”

|

Lo sviluppo delle aziende nella transizione ecosostenibile