12 Feb 2018

Il maestro dai capelli rossi che promuove le buone pratiche

Scritto da: Elena Risi

Un racconto rivolto ad adulti e bambini che promuove il riuso e valorizza l’artigianato. “Il maestro dai capelli di rossi” di Maria Varsalona è una favola pensata per intrattenere lettori di tutte le età e soprattutto per diffondere le buone pratiche di un’economia sostenibile.

Salva nei preferiti

SenzanomeUn bimbo curioso e creativo per raccontare la bellezza del saper fare artigiano. Il protagonista del racconto di Maria Varsalona – “Il maestro dai capelli rossi” – ama disfare gli oggetti per trasformarli in nuovi giochi e grazie alla sua capacità di risvegliare il fanciullo interiore nelle persone intorno a lui, diventa “maestro” per grandi e bambini.

 

Il progetto dell’autrice nasce come un racconto breve, pubblicato nel 2016 da LarioFiere nell’antologia Mondo Artigiano, ma oggi aspira a diventare qualcosa in più. Arricchito dalle illustrazioni dell’artista Nella Valentini e rivisitato il testo originario, oggi il piccolo “maestro dai capelli rossi” vorrebbe trasformarsi in un progetto più ampio, un’occasione di incontro con le scuole o un momento artistico multidisciplinare di sinergia tra diverse espressioni artistiche (come ad esempio musica o teatro).

 

Il racconto di Maria Varsalona, rivolto a adulti e piccini, non vuole essere solo puro intrattenimento fiabesco ma un’occasione di risveglio, per stimolare nei lettori la capacità di riscoprire la poesia insita in ogni cosa intorno a noi. «Per trovare bellezza non bisogna cercare lontano – specifica Maria Varsalona – ma solo guardarsi intorno con nuovi occhi». Questo è lo spirito attraverso il quale l’autrice desidera veicolare un messaggio che valorizzi le buone prassi di economia sostenibile, promuovendo il riuso e valorizzando l’artigianato.

 

Anche la scelta narrativa va in questa direzione. Il racconto breve può arrivare a tutti e il formato agile (32 pagine) può raggiungere anche il lettore più disinteressato e frettoloso.

5876701_orig

«Non parlo della Luna o di Marte, cogliere la bellezza intorno a noi significa anche saper usare ciò che abbiamo già – conclude l’autrice – ed è importante che un’espressione artistica veicoli questo messaggio, senza elitarismo né intellettualismo. Per arrivare a tutti».

 

 

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Educere: per educare bisogna “tirare fuori” e non inculcare nozioni
Educere: per educare bisogna “tirare fuori” e non inculcare nozioni

CUS Genova, dallo sport all’educazione ambientale per cambiare in meglio la comunità
CUS Genova, dallo sport all’educazione ambientale per cambiare in meglio la comunità

Cosa faresti se finissi su un’isola deserta? Esperimento di filosofia a scuola
Cosa faresti se finissi su un’isola deserta? Esperimento di filosofia a scuola

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’esercito israeliano attacca a Rafah, è strage di Civili, Israele sarà isolato? – #938

|

Salviamo il fiume Sarno: continua la lotta per la bonifica del fiume più inquinato d’Europa

|

Arriva Equa, l’app che ti dice quanto è sostenibile un prodotto

|

Scalo Sogni: il viaggio in solitaria di Ettore Campana arriva sulle vette del Caucaso

|

Una carta deontologica per raccontare la disabilità esiste già, ma bisogna applicarla

|

La VegToria, la nuova fattoria vegana sulle alture di Genova

|

Olga Karatch: “Contro la guerra patriarcale, dobbiamo dare voce alle donne per la pace”

|

WWOOFing all’Ecosfera: un viaggio alla scoperta della permacultura e di connessioni umane

string(9) "nazionale"