Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
6 Apr 2018

Pick App, il car pooling della provincia di Biella

Scritto da: Alessandra Profilio

Vuoi visitare un museo, assistere ad un concerto o partecipare ad un evento culturale? Non andarci da solo, scegli il car pooling e condividi il viaggio in auto: a beneficiarne saranno l’ambiente e le tue relazioni sociali!
Abbiamo intervistato Riccardo Ruggeri che ci ha parlato di Pick App, la guida intelligente della provincia di Biella.

Dall’idea di due giovani biellesi nasce Pick App, il servizio di carpooling pensato per facilitare gli spostamenti all’interno della provincia di Biella e, attraverso la condivisione dell’auto, favorire la socialità e la mobilità pulita. Dopo una fase di sperimentazione il progetto è pronto per partire nel comune di Pollone. Il servizio è rivolto ai ragazzi migranti e a tutte le persone che avranno bisogno di un passaggio da o verso il paese. Per saperne di più abbiamo intervistato Riccardo Ruggeri, musicista e co-ideatore di Pick App.

Cos’è Pick App e come nasce?

Pick app nasce da un’idea mia e di un mio amico, Gianfilippo Caligari, in seno all’associazione di cui faccio parte: Groove aps. L’idea iniziale era quella di un servizio per la nightlife di Biella. Abbiamo iniziato così a fare esperimenti e poi abbiamo deciso di virare su un servizio più generalista, non rivolto esclusivamente a chi frequenta i locali notturni.

Come funziona?
Sul sito non viene indicata una destinazione qualunque (come avviene ad esempio su Blablacar) ma dei centri di interesse culturale, sociale e di intrattenimento sul territorio biellese, chiamati “stanze” (Vrooms, come il rumore della macchina). Accedendo al sito si cerca la Vroom di interesse – che può essere un evento o un luogo come un museo o una scuola – e lì sono visibili gli annunci di ricerca o offerta di passaggio. Non entriamo nel merito di trattazioni economiche: noi facciamo solo incontrare domanda e offerta, siamo dei facilitatori.

Con quali risorse avete lanciato Pick app?
Siamo riusciti ad avviare la fase iniziale del progetto quando abbiamo vinto un bando. Due anni fa abbiamo iniziato così una sperimentazione nelle scuole superiori del biellese.
Abbiamo organizzato incontri con i ragazzi per trovare insieme il modo migliore per far interagire la popolazione studentesca con il portale e per capire come risolvere alcune criticità (legate a minorenni, assicurazioni, genitori). È partita così, anche in collaborazione con la provincia di Biella, questa fase di sperimentazione. Da lì sono emersi diversi problemi tecnici sul sito e sull’applicazione che con il tempo abbiamo risolto. Questa fase di ristrutturazione è finita da poco.

Quali sono i prossimi passi?
Da fine aprile saranno attivi i nuovi supporti tecnici e inizieremo una fase di sperimentazione con il comune di Pollone. Si tratta di un paese decentralizzato dove vi sono particolari problematiche di mobilità, dal momento che il trasporto pubblico è carente. Cercheremo così di supportare tutti coloro che si muovono da e verso quel comune, tra cui i migranti che al momento si trovano nel CAS (Centro di Accoglienza Straordinaria) del paese. Per presentare il servizio stiamo organizzando degli incontri, il prossimo è previsto il 27 aprile presso la biblioteca di Pollone. Vi terremo aggiornati tramite la pagina Facebook di Pick App.

Avete ricevuto supporto da parte delle istituzioni?
Sì, la provincia di Biella, tramite l’assessorato alle politiche giovanili ci ha supportato nella fase iniziale del progetto e ha partecipato con noi al bando. Noi da anni facciamo pressione sulle amministrazioni locali per intraprendere con loro percorsi indirizzati verso la mobilità sostenibile. Molte realtà locali ci hanno ascoltato con curiosità, anche se finora non ci hanno supportato economicamente.

Qual è la situazione a Biella dal punto di vista della mobilità pulita?

Non ci sono molte soluzioni di mobilità sostenibile a Biella, non esistono ad esempio servizi di bike sharing come a Torino e Milano. La mobilità è complessa perché Biella, come tante città italiane, ha un centro e poi tantissimi paesi satelliti. Non è peraltro una città di passaggio, quindi anche i treni sono limitati. Forse nei prossimi mesi cambierà qualcosa per quanto riguarda il servizio ferroviario locale e le autostrade. Non vi è però molta attenzione verso la mobilità interna. Noi da qualche anno cerchiamo di sensibilizzare: le scuole si sono mosse, la provincia anche, adesso speriamo nel supporto dei comuni, anche per quanto riguarda la comunicazione.

Una cosa positiva successa a Biella è che si sono creati dei gruppi Facebook formati da persone che percorrono le stesse tratte (ad esempio verso Torino o Milano) e sono molto frequentati. Nell’ultimo anno e mezzo ho la percezione che qualcosa stia cambiando. Con Pick App speriamo di inserirci in questo cambiamento. Noi abbiamo iniziato a pensare alla mobilità sostenibile circa sei anni fa e adesso siamo felici di vedere che questa consapevolezza si stia diffondendo e stia diventando effettivamente una necessità.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La crisi del petrolio e la potenza degli oceani – Io Non Mi Rassegno #110

|

Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!

|

Un modello di produzione e distribuzione alimentare sostenibile e resiliente

|

Coronavirus e sostegno economico a lavoratori, stagisti e imprese: facciamo il punto!

|

“La salute non è in vendita”: sei richieste per salvare la sanità pubblica

|

“La condivisione ci salverà!”: Gabriele e tutti i volontari dell’emergenza coronavirus

|

Una app per rimettere in pista le piccole botteghe verso una nuova economia

|

Ashoka: la rete degli imprenditori sociali che stanno trasformando il mondo – Io faccio così #285

Copy link
Powered by Social Snap