Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
7 Feb 2019

La facilitazione: come mettere radici ai propri sogni

Scritto da: Redazione

La facilitazione è uno strumento di trasformazione sociale capace di rendere un gruppo, una comunità o un team più coeso ed efficace. Dall’esperienza degli ecovillaggi, ecco una buona pratica a supporto del lavoro di gruppo. “Mettendo radici ai nostri sogni” è il titolo del laboratorio introduttivo di Facilitazione di processi partecipativi che si terrà il 16 e 17 febbraio a Rivalto, in provincia di Pisa.

Sabato 16 e domenica 17 febbraio, presso la sede del progetto di ecovillaggio “Piumani in campo”, si terrà “Mettendo radici ai nostri sogni” un laboratorio introduttivo di Facilitazione di processi partecipativi, a cura di Efstathios Mavridis, detto Delfino, attivista e facilitatore, abitante dell’ecovillaggio storico Lakabe in Spagna.

 

Dalle ore 9:00 di sabato 16 febbraio alle ore 18:00 di domenica 17 febbraio si svolgeranno le sessioni di lavoro dedicate all’esplorazione delle premesse e dei concetti chiave della facilitazione: la comunicazione, le relazioni e le dinamiche di gruppo, il conflitto, la leadership e la governance, l’intelligenza collettiva e l’organizzazione strutturale di un gruppo. Per chi viene da lontano, sarà possibile pernottare la sera di venerdì 15, godendo della calorosa e coinvolgente accoglienza dei Piumani, una comunità intenzionale ecosostenibile aderente a RIVE – Rete italiana villaggi ecologici.

mani_piumani_facilitazione_ecovillaggi_francescaguidotti

Grazie alla lunga esperienza sul campo, Efstathios Mavridis proporrà i contenuti in modo prevalentemente esperienziale, favorendo non solo il passaggio di competenza ma anche l’acquisizione immediata di tecniche spendibili nel proprio gruppo, comunità, team lavorativo, associazione, ente o organizzazione.

 

Cresciuto in Grecia, Efstathios Mavridis, fin da quando ha 15 anni frequenta gruppi non gerarchici di azione sociale e politica. A 25 anni lascia la sua terra e parte per il mondo con in mente una domanda: “Cosa serve ai nostri gruppi per diventare umanamente sostenibili e crescere insieme?”. Così approda a all’ecovillaggio di Lakabe (Navarra, Spagna), esempio virtuoso e duraturo di gestione del Bene Comune, dove vive da 10 anni. “Anche se non ho trovato una ricetta per rispondere alla mia domanda – afferma Delfino – l’ampia formazione in facilitazione e l’esperienza sul campo mi hanno permesso di riempire una cassetta degli attrezzi per comprendere e appoggiare i processi di gruppo”. Oltre alla formazione IIFAC-E, è facilitatore di Forum-ZEGG, una tecnica di indagine emozionale sviluppata nello storico ecovillaggio Zegg in Germania. “La facilitazione – afferma – è quanto di meglio posso offrire al mondo come contributo culturale e politico nel momento storico e sociale che stiamo attraversando in Occidente”.

 

Il laboratorio del 16-17 febbraio, è quindi un’occasione per conoscere la facilitazione e il docente, in vista del corso di Facilitatore di primo livello certificato IIFAC-E  (Istituto internazionale di facilitazione e cambiamento – Europa) che si svolgerà da Marzo a Novembre, presso l’ecovillaggio La Torre di Mezzo che ha sede a Montecuccoli, sul Monte Calvana, tra Barberino di Mugello (FI) e Vernio (PO).

 

Per informazioni sul laboratorio introduttivo (Rivalto, Pisa), clicca qui oppure contatta:
Corinna: 320 01.19.353
Waira 329 28.94.570 o scrivi a piumani.in.campo@gmail.com
Per informazioni sul Corso di facilitazione di primo livello certificato IIFAC-E (Montecuccoli, Barberino di Mugello) scrivi a: Francesca Guidotti, 333 64.44.255 – ecovillaggiecohousing@gmail.com

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Chi sta guadagnando dalla crisi? – Io Non Mi Rassegno #106

|

“Pronto? Come stai?”. Ai tempi del coronavirus la solidarietà passa per il telefono

|

Fuori è chiuso, un racconto collettivo dei giorni dell’emergenza

|

Caffè sospeso online, uno spazio di condivisione per uscire dall’isolamento

|

Eppur si muove! Anche se restiamo a casa, non siamo fermi

|

Ridi, ama, vivi: Lara Lucaccioni e la coerenza cardiaca – Meme #32

|

Coronavirus, l’ambiente sorride: nel nord Italia cala lo smog

|

Violenza domestica, troppo lavoro e diritti negati: le donne al tempo del coronavirus

Copy link
Powered by Social Snap