25 Giu 2019

La Cucina di Alù : grani antichi e km 0 per promuovere l'economia della Sicilia

Scritto da: Gabriele Giannetto

Sorge a Palermo “La Cucina di Alù”, una panetteria naturale che utilizza grani antichi e vende prodotti siciliani provenienti da agricoltura biologica, bioetica e biodinamica. Un’idea imprenditoriale consapevole per promuovere l’economia locale e l'alimentazione sana.

La cucina di Alù è una cucina naturale dove si panifica usando solo grani antichi siciliani moliti a pietra e lievitati con pasta madre. Si trova in una zona residenziale di Palermo a pochi passi dal teatro Politeama. Prepara cibi sani e genuini, usa grani antichi e metodi tradizionali, l’atmosfera è accogliente e pronta a soddisfare tutti i desideri del cliente.

 

 

“Dalla mattina alla sera, in tutti i momenti della giornata, che sia una colazione, una merenda, un pranzo o una cena si cerca di offrire un prodotto diverso, un prodotto che solitamente non si trova né nella grande distribuzione né dai piccoli artigiani”, spiega la fondatrice Alessandra Prestigiacomo.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

 

Di notevole importanza non sono solo i prodotti utilizzati, ma anche i metodi di cottura. Come la cottura al vapore o al forno, metodi medianti i quali si riesce ad esaltare le caratteristiche dell’alimento, mantenendone, al tempo stesso, inalterate le proprietà nutritive.

 

Il percorso che porta alla nascita della Cucina di Alù affonda le sue radici nello studio e nella formazione della sua fondatrice, Alessandra, che da adolescente si diploma in chimica con specializzazione in tecnologie alimentari e, dopo aver rilevato l’azienda di famiglia nel settore dell’artigianato, si pone il problema di garantire un’alimentazione sana ai propri figli.  Il percorso però prende avvio a seguito di un grave malattia della madre, alla quale viene suggerita un’alimentazione sana e un nuovo modo di cucinare. Nel 2014 nasce così la Cucina di Alù e nel 2015 si aprono le porte al pubblico. Dopo qualche difficoltà iniziale e un po’ di scetticismo, oggi, rappresenta a pieno titolo una realtà riconosciuta nel contesto palermitano, con una clientela affezionata.

6 La Cucina di Alù

La Cucina di Alù propone tutti i giorni tantissimi prodotti: tutte le verdure di stagione, le zuppe, i legumi, vari primi del giorno tra i quali gli spaghetti di riso con verdure saltate, la caponata di melanzane al forno, il cous cous vegetariano, i dolci, i muffin, i biscotti e le crostate con confetture biologiche. Oltre a diversi tipi di pane fatti esclusivamente con grani antichi siciliani.

 

Alessandra tiene a precisare i motivi che si celano dietro la scelta del grano antico siciliano: essendo, infatti, tale grano autoimmune e autoctono cresce spontaneamente e si protegge da solo dalle malattie, a differenza delle farine raffinate che sono composte perlopiù da grani geneticamente modificati e quindi non nutrienti.

 

Queste sono le considerazioni alla base di unache punta a promuovere l’economia locale. La maggior parte dei prodotti venduti sono siciliani e provenienti da agricoltura biologica, bioetica e biodinamica. Infine, con l’idea di promuovere una certa cultura sull’alimentazione e di poter dare visibilità ai piccoli produttori locali, si organizzano in negozio eventi/mercatini, specialmente nel fine settimana, dove avviene la vendita diretta e c’è anche spazio per la narrazione delle storie che questi prodotti portano con sé.

 

 

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Humus Job, la rete di aziende etiche per un’agricoltura consapevole – Io faccio così #328
Humus Job, la rete di aziende etiche per un’agricoltura consapevole – Io faccio così #328

Busket, la start-up che sostiene e mette in rete i panificatori artigianali
Busket, la start-up che sostiene e mette in rete i panificatori artigianali

Al via la nuova stagione della Rete Museale Biellese
Al via la nuova stagione della Rete Museale Biellese

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Le “follie” del Centro America, fra criptovalute e nuove dittature – Io Non Mi Rassegno #386

|

Italia a piccoli passi: due mamme in viaggio per raccontare il Bel Paese

|

Etichetta Consapevole: voi sapete come leggerla?

|

La storia di Lorenza: “Così la ceramica mi ha insegnato a vivere la vita con lentezza”

|

Asili nel bosco, una “foresta di relazioni” per un futuro migliore

|

Humus Job, la rete di aziende etiche per un’agricoltura consapevole – Io faccio così #328

|

Ricominciamo 2021: il Casentino riparte all’insegna di arte, musica e natura

|

Impariamo dagli animali a stare bene con noi stessi e con gli altri