3 Giu 2019

Un milione di europei scrivono la storia per gli animali negli allevamenti

Scritto da: Redazione

È stato raggiunto il milione di firme a sostegno della Iniziativa dei cittadini europei (ICE) End the Cage Age: si tratta della maggiore mobilitazione popolare di sempre a favore degli animali negli allevamenti.

Nel settembre dell’anno scorso Compassion in World Farming (CIWF) ha unito le proprie forze a quelle di 170 altre organizzazioni di protezione animale, ambientale e dei consumatori di tutta Europa per lanciare l’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) #EndTheCageAge, con lo scopo di porre fine all’uso delle gabbie per gli animali negli allevamenti nella UE.

pigs-3967549_960_720
Il 30 maggio è stato raggiunto il traguardo storico di un milione di firme. Le 20 associazioni italiane dichiarano: “Quella di oggi è una pietra miliare per la protezione degli animali negli allevamenti Siamo profondamente orgogliosi di questo traguardo, che è una vittoria di tutta la coalizione”.

 

Le associazioni aggiungono: “La lotta per porre fine all’uso delle gabbie non è finita. Dobbiamo continuare a raccogliere firme per fare sì che il parlamento europeo capisca che sono tanti, tantissimi i cittadini europei che vogliono che tutti gli animali siano liberi di muoversi e non passino una vita di sofferenza dietro alle sbarre di una squallida gabbia”.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

 

Negli ultimi otto mesi, la campagna End the Cage Age ha organizzato eventi di promozione in tutta Italia e in Europa, ottenendo copertura mediatica internazionale. Recentemente è stata anche lanciata la piattaforma del Cage Fighter, uno strumento unico che consente a tutti i cittadini di aprire un profilo e raccogliere firme digitali.

 

Le associazioni italiane che hanno aderito alla coalizione sono: Animal Law, Animal aid, Animal Equality, CIWF Italia Onlus, Lega Nazionale Difesa del Cane, Legambiente, Amici della Terra, Il Fatto Alimentare, Terra Nuova, Slow Food, Confconsumatori, Lega per l’abolizione della caccia, Jane Goodall Institute, Terra! Onlus, Animalisti Italiani, ENPA, LAV, Partito animalista, LEIDAA, OIPA, LUMEN.

chicks-3974791_960_720

Annamaria Pisapia, direttrice di CIWF Italia e membro del comitato di cittadini europei che ha lanciato la petizione, ha dichiarato: “La giornata di oggi è storica: un milione di cittadini europei ha detto forte e chiaro NO alla sofferenza degli animali in gabbia. E’ importante però che non ci fermiamo qui e continuiamo a raccogliere firme fino a settembre, quando l’anno di raccolta firme terminerà, per garantire alla campagna un successo senza precedenti”.

 

Sono oltre 300 milioni gli animali (scrofe, galline, conigli, anatre, quaglie e vitelli) che ogni anno in Europa vivono tutta o parte della loro vita in gabbia, senza potersi muovere liberamente. L’ICE #EndtheCageAge porterà un cambiamento epocale nel sistema alimentare e agricolo, dando l’opportunità di migliorare la vita a centinaia di milioni di animali ogni anno. Conclude Pisapia: “Di tutti i sistemi usati nell’allevamento intensivo, la gabbia è uno dei peggiori. Il suo livello di crudeltà è altissimo. È giunto il momento di evolverci e lasciarci alle spalle la pratica primitiva e barbara di tenere gli animali dietro le sbarre – una vita passata in una gabbia non è vita”.

 

Note

1.    La Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) End the Cage Age è sostenuta da un network di oltre 170 organizzazioni non governative, non solo di protezione animale ma anche ambientaliste e di tutela dei consumatori. E’ la prima volta nella storia che un così grande numero di organizzazioni europee si è unito per gli animali allevati a fini alimentari. La ICE è stata iniziata da Compassion in World Farming, la maggiore organizzazione internazionale per la protezione ed il benessere degli animali negli allevamenti. Per maggiori informazioni, visitare  www.endthecageage.eu.

 

2.    La petizione dell’ICE durerà fino a settembre 2019, che segnerà un anno dal lancio. Durante l’anno di campagna deve essere raccolto un minimo di un milione di firme convalidate di cittadini dell’UE.

 

3.    La Commissione europea raccomanda la raccolta di almeno 1,2 milioni di firme di sostegno per passare la soglia di 1 milione di firme valide. Questo a causa della possibilità di una certa percentuale di firme ritenute non valide, pertanto l’ICE End the Cage Age, che ha raggiunto oggi il milione, continuerà a raccogliere le firme. Sulla base di ICE precedenti si stima che vi potrebbe essere il 20% di dati non validi. Questo dipenderà da molte variabili tra cui duplicati, numeri di documenti errati, data di nascita, stato di residenza e grafia illeggibile (su petizioni cartacee).

 

 

Articoli simili
I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”
I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”

Anche le grandi aziende alimentari contro le gabbie negli allevamenti
Anche le grandi aziende alimentari contro le gabbie negli allevamenti

“Per noi è solo una questione di soldi”: immagini shock dagli allevamenti che riforniscono Mc Donald’s e altri
“Per noi è solo una questione di soldi”: immagini shock dagli allevamenti che riforniscono Mc Donald’s e altri

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

#maipiùstragi, oggi c’è la grande manifestazione contro la ‘ndrangheta – #555

|

Hortus, l’orto urbano aeroponico che insegna a ridurre il consumo dell’acqua

|

Giocherenda: per un gruppo di migranti il gioco è diventato uno strumento di riscatto e inclusione

|

Da giornalista di moda a giardiniera: la nuova vita di Laura Bianchi

|

24 tappe in tutta Italia per promuovere il turismo responsabile: ecco il programma di IT.A.CÀ

|

L’agricoltura Permarigenerativa: quando la permacultura incontra le agricolture rigenerative – Meme #40

|

Modicaltra, i cittadini si mettono insieme per rigenerare la città e fermare il consumo di suolo

|

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo