10 Set 2019

Governo: “Non è più tempo di considerare l’ambiente una variabile indipendente”

Scritto da: WWF

Il Conte bis ha l'occasione di tradurre le parole in fatti attuando politiche di sistema: c'è bisogno di un'azione concertata per rispondere alla sfida climatica, alla perdita di biodiversità e allo spreco di risorse naturali. Lo afferma il WWF commentando i contenuti ambientali del Programma di Governo.

Salva nei preferiti

Il Conte Bis è sostenuto, almeno sulla carta, da forze politiche che sui temi ambientali hanno una convergenza mai registrata prima. Per il WWF è dunque un’occasione unica perché l’Italia dia un segnale forte su un’urgenza planetaria come quella ambientale.

 

Il peso dei contenuti ambientali del Programma del Governo Conte 2 è rilevante, con echi importanti su temi di rilievo globale come lo sviluppo sostenibile, la risposta alla crisi climatica, l’economia circolare, l’eco-innovazione, la messa in sicurezza del territorio, l’agricoltura biologica e l’acqua come bene comune. Ma la sfida, osserva il WWF Italia, si pone su un altro piano: il Governo italiano nel suo complesso deve concepire e attuare politiche di sistema che consentano di affrontare la sfida del Green New Deal e della transizione ambientale (pur citati nel Programma di Governo) in maniera coordinata e univoca, perché l’ecosostenibilità delle scelte è elemento essenziale e imprescindibile dell’innovazione e dell’efficienza del sistema economico e del suo vantaggio competitivo sulla scena globale.

giuseppe-conte

 

Il WWF ha fatto due proposte per adeguare l’azione di Governo a queste sfide: quella di rafforzare e adeguare il ministero dell’Ambiente, attualmente marginale, trasformandolo sull’esempio francese, in un Ministero della transizione ecologica e la sostenibilità; l’altra di costituire presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri un Tavolo per la Giusta Transizione, in collegamento con la Cabina di Regia Benessere Italia, che serva a definire una visione generale del ruolo e delle prospettive dell’economia sostenibile del futuro, condivisa da tutti gli stakeholder interessati.

 

Non è più tempo di considerare l’ambiente una variabile indipendente, quando le scelte in campo ambientale sono centrali. Non è più tempo di dimostrare sensibilità e impegno su singoli temi, c’è bisogno di un’azione concertata per rispondere alla sfida climatica, alla perdita di biodiversità e allo spreco di risorse naturali”.

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Ardea, tutela e divulgazione ambientale nel napoletano e non solo
Ardea, tutela e divulgazione ambientale nel napoletano e non solo

Al via il primo Action Bootcamp Transistor, il futuro della Sicilia dipende da noi
Al via il primo Action Bootcamp Transistor, il futuro della Sicilia dipende da noi

Laura Cocco: “L’olio d’oliva in Sardegna è un fattore identitario, ma bisogna valorizzarlo”
Laura Cocco: “L’olio d’oliva in Sardegna è un fattore identitario, ma bisogna valorizzarlo”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

A Gaza è l’intelligenza artificiale a scegliere chi sarà ucciso – #918

|

Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo

|

MAG4, la mutua autogestione piemontese, si schiera contro il mercato delle armi

|

Percorsi Spericolati, continua la formazione per sviluppare progetti innovativi per le aree interne

|

Cosa faresti se finissi su un’isola deserta? Esperimento di filosofia a scuola

|

Val Pennavaire in rete: la nuova e inaspettata zuppa di sasso

|

Gaetano, terapista forestale dei Monti Lattari: “La foresta mi ha guarito”

|

Cuscini Bio, la moda etica e quel giocattolo dentro a una fornitura tessile

string(9) "nazionale"