21 Ott 2019

Membership “Cittadinodellarte”, come diventare protagonista del cambiamento

Cittadellarte ha lanciato una campagna - rivolta a un target di pubblico eterogeneo per età, interessi e provenienza geografica - che permetterà agli aderenti di vivere 'attivamente' Cittadellarte diventando ambasciatori di un mondo sostenibile e orientato alla responsabilità sociale.

La cittadella dell’arte biellese apre le proprie mura con un ponte inedito: per attraversarlo e immergersi in questo ‘mondo’, dove è l’arte a regnare virtuosamente, non sono richiesti armi o poteri da romanzo fantasy, ma una volontà concreta di impegnarsi per un cambiamento sociale responsabile. Il riferimento è a Cittadellarte, che ha sentito l’esigenza di coinvolgere e condividere con la community i propri valori, in particolare quelle pratiche artistiche da sempre al servizio della responsabilità collettiva. Nell’ottica di un rafforzamento del coinvolgimento sociale, la Fondazione Pistoletto ha lanciato la membership Cittadinodellarte: da una parte questa novità ha la funzione di promuovere i servizi che già attivi a Cittadellarte, ma è anche tesa a creare un flusso d’impatto sociale attraverso il coinvolgimento della comunità.

La fundraiser ideatrice dell’iniziativa ai nostri microfoni
“Cittadellarte – esordisce Cecilia Cappa dell’Ufficio Fundraising di Cittadellarte – non è solo una fondazione artistica, ma un luogo di scambi e ritrovo, di passaggio di persone oltre che di idee, dove si può fare formazione, mangiare, frequentare moduli di alta formazione e molto altro ancora. Chi aderirà alla campagna – continua – non sarà soltanto un ‘member’, ma parte attiva della vita e delle nostre attività. Sarà anche grazie a questo supporto che continueremo a portare avanti la rete di progetti locali e internazionali”.

membership cittadinodellarte come diventare protagonista cambiamento 1571327785

Perché, quindi, diventare cittadinidellarte? «Vogliamo – risponde – “condi-vivere” pratiche e progetti con la community locale e internazionale. Cittadellarte offre tante opportunità, estremamente eterogenee, per arricchire la vita professionale e culturale”. Da sottolineare, infatti, l’ampio ventaglio di proposte, articolate in base ad età, territorio, passioni e prezzo degli interessati per venire incontro a tutte le esigenze. “Come cittadinodellarte – conclude Cecilia Cappa – chiunque potrà usufruire di tutti i vantaggi. Le proposte hanno sicuramente come comune denominatore l’arte, ma vissuta da protagonista e non attraverso una teca trasparente».

L’invito ad aderire
«Diventa cittadinodellarte. Entrerai a fare parte – si legge in una nota sul sito di Cittadellarte – di una comunità internazionale che condivide passione per l’arte contemporanea e promuove valori di cambiamento.
Sarai primo ambasciatore di un mondo sostenibile e orientato alla responsabilità sociale e potrai partecipare in prima persona alla vita di Cittadellarte attraverso numerose iniziative: attività dedicate, sconti, anteprime delle mostre e accessi privilegiati agli eventi con artisti e curatori. Tutto il ricavato è destinato a supportare le attività di Cittadellarte. La tua iscrizione ci permette di mantenere in vita e arricchire la proposta artistica e formativa che da sempre ci caratterizza».

Articolo tratto da: Journal Cittadellarte

Articoli simili
Collateral102: a Torino il cinema si fa indipendente

La “biblioteca a casa tua” che porta la cultura a domicilio
La “biblioteca a casa tua” che porta la cultura a domicilio

Io faccio così #80 – Ascanio Celestini: “L’Italia? Sta migliorando, ma non si dice”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Condannati ad estinguerci (ma è davvero così?) – #424

|

Al via le proteste di Extinction Rebellion Italia per chiedere giustizia climatica

|

A testa alta: “Vaccini e green-pass qual è la verità?” Un appello al mondo della scuola

|

#59 – Sant’Anna di Valdieri: il borgo recuperato dalle donne che credono nella montagna

|

Viviamo il capodanno 2022 in stile comunitario, progettando un ecovillaggio?

|

Alberi autoctoni da ripiantare dopo le feste per un Natale sostenibile

|

La terra dei Piripkura incontattati invasa e distrutta per la produzione di carne

|

L’abete rosso sacrificato per il Natale del Vaticano sta morendo ma “parla” ancora