21 Ott 2019

Membership “Cittadinodellarte”, come diventare protagonista del cambiamento

Cittadellarte ha lanciato una campagna - rivolta a un target di pubblico eterogeneo per età, interessi e provenienza geografica - che permetterà agli aderenti di vivere 'attivamente' Cittadellarte diventando ambasciatori di un mondo sostenibile e orientato alla responsabilità sociale.

Salva nei preferiti

Biella - La cittadella dell’arte biellese apre le proprie mura con un ponte inedito: per attraversarlo e immergersi in questo ‘mondo’, dove è l’arte a regnare virtuosamente, non sono richiesti armi o poteri da romanzo fantasy, ma una volontà concreta di impegnarsi per un cambiamento sociale responsabile. Il riferimento è a Cittadellarte, che ha sentito l’esigenza di coinvolgere e condividere con la community i propri valori, in particolare quelle pratiche artistiche da sempre al servizio della responsabilità collettiva. Nell’ottica di un rafforzamento del coinvolgimento sociale, la Fondazione Pistoletto ha lanciato la membership Cittadinodellarte: da una parte questa novità ha la funzione di promuovere i servizi che già attivi a Cittadellarte, ma è anche tesa a creare un flusso d’impatto sociale attraverso il coinvolgimento della comunità.

La fundraiser ideatrice dell’iniziativa ai nostri microfoni
“Cittadellarte – esordisce Cecilia Cappa dell’Ufficio Fundraising di Cittadellarte – non è solo una fondazione artistica, ma un luogo di scambi e ritrovo, di passaggio di persone oltre che di idee, dove si può fare formazione, mangiare, frequentare moduli di alta formazione e molto altro ancora. Chi aderirà alla campagna – continua – non sarà soltanto un ‘member’, ma parte attiva della vita e delle nostre attività. Sarà anche grazie a questo supporto che continueremo a portare avanti la rete di progetti locali e internazionali”.

membership cittadinodellarte come diventare protagonista cambiamento 1571327785

Perché, quindi, diventare cittadinidellarte? «Vogliamo – risponde – “condi-vivere” pratiche e progetti con la community locale e internazionale. Cittadellarte offre tante opportunità, estremamente eterogenee, per arricchire la vita professionale e culturale”. Da sottolineare, infatti, l’ampio ventaglio di proposte, articolate in base ad età, territorio, passioni e prezzo degli interessati per venire incontro a tutte le esigenze. “Come cittadinodellarte – conclude Cecilia Cappa – chiunque potrà usufruire di tutti i vantaggi. Le proposte hanno sicuramente come comune denominatore l’arte, ma vissuta da protagonista e non attraverso una teca trasparente».

L’invito ad aderire
«Diventa cittadinodellarte. Entrerai a fare parte – si legge in una nota sul sito di Cittadellarte – di una comunità internazionale che condivide passione per l’arte contemporanea e promuove valori di cambiamento.
Sarai primo ambasciatore di un mondo sostenibile e orientato alla responsabilità sociale e potrai partecipare in prima persona alla vita di Cittadellarte attraverso numerose iniziative: attività dedicate, sconti, anteprime delle mostre e accessi privilegiati agli eventi con artisti e curatori. Tutto il ricavato è destinato a supportare le attività di Cittadellarte. La tua iscrizione ci permette di mantenere in vita e arricchire la proposta artistica e formativa che da sempre ci caratterizza».

Articolo tratto da: Journal Cittadellarte

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo
Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo

Spazi personali e collettivi: la cultura del gesto in Sardegna
Spazi personali e collettivi: la cultura del gesto in Sardegna

Jorge Eielson, l’artista peruviano che ha scelto Bari Sardo come dimora per l’eternità
Jorge Eielson, l’artista peruviano che ha scelto Bari Sardo come dimora per l’eternità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

A Gaza è l’intelligenza artificiale a scegliere chi sarà ucciso – #918

|

Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo

|

MAG4, la mutua autogestione piemontese, si schiera contro il mercato delle armi

|

Percorsi Spericolati, continua la formazione per sviluppare progetti innovativi per le aree interne

|

Cosa faresti se finissi su un’isola deserta? Esperimento di filosofia a scuola

|

Val Pennavaire in rete: la nuova e inaspettata zuppa di sasso

|

Gaetano, terapista forestale dei Monti Lattari: “La foresta mi ha guarito”

|

Cuscini Bio, la moda etica e quel giocattolo dentro a una fornitura tessile

string(8) "piemonte"