12 Nov 2019

Arvaia e la Food Coop Camilla: cibo e comunità si incontrano… dal Veneto a Bologna

Scritto da: Redazione

La città di Bologna è da anni luogo di sperimentazione di esperienze innovative volte ad avvicinare cittadini e agricoltori al fine di costruire un'alternativa alla grande distibuzione organizzata e al tradizionale modello di produzione alimentare. Ne sono esempio due progetti che hanno fatto scuola in Italia e che saranno al centro di una visita in programma in 17 novembre organizzata dal distretto di economia solidale Oltre Confin: la CSA Arvaia e la Food Coop Camilla.

Bologna, Emilia-Romagna - Bologna è una delle fucine di cambiamento più interessanti, vivaci ed innovative sul panorama nazionale. La CSA (Comunità che Supporta l’Agricoltura) Arvaia è un grande e importante esempio, che ha favorito e aiutato la nascita di tante altre CSA in Italia, compresa la CSA Veneto nel Distretto Oltreconfin. La visita ad Arvaia è quindi un importante momento di ispirazione, rafforzamento dei legami comunitari, formazione, coinvolgimento e dialogo. 

arvaia

Nello stesso fermento sociale di Arvaia è recentemente nata Camilla, una delle prime FoodCoop italiane, che noi visitiamo anche nell’intento di innescare anche nei nostri territori un processo simile. La FoodCoop è un tassello fondamentale per costruire un’alternativa concreta alla Grande Distribuzione Organizzata: un supermercato autogestito, che riduce i costi basando il suo funzionamento sull’impegno collettivo dei soci.

L’economia solidale sperimenta dinamiche innovative, possibilità di distribuzione non sperimentate nei nostri territori ed in grado di intercettare nuovi partecipanti e venire maggiormente incontro alle esigenze di tante famiglie che devono trovare un equilibrio tra  gli impegni quotidiani e le spinte trasformative.

camilla food coop

In Veneto nel DES OltreConfin si sono già avviate due CSA (la prima tra Treviso e Mestre e la seconda su Padova) e dando seguito a una riflessione e progettazione continua sul territorio che coinvolge gli enti pubblici patrocinanti e la società civile intendiamo promuovere il viaggio del 17 novembre per allargare e richiamare altri per la partecipazione a questi progetti innovativi. 

La partenza è prevista dalla stazione dei treni di Treviso alle ore 8.00 ed il rientro verso le 19.00 circa.

Tappe intermedie:
8.30 Preganziol Terraglio municipio
9.00 Mestre stazione dei treni
9:30 Casello Padova zona industriale

Programma della giornata:

  • ore 11.00 arrivo all’Emporio Camilla. Visita guidata.
  • ore 13.00 pranzo porta&offri consumato in una sala dell’Emporio
  • ore 14.00 partenza per Arvaia e visita della CSA
  • ore 17.30 partenza per il rientro

Costi 17€ complessivi: 13€ per il viaggio andata e ritorno in pullman (potrebbe subire variazioni a seconda del numero di partecipanti) + 4€ per sostenere e ringraziare le due realtà che ci ospitano e ci dedicano tempo.

Per info e prenotazioni: scrivere un messaggio whatsapp o SMS al +39 333 1308057 o inviare un email a oltreconfin@gmail.com

Articoli simili
Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente
Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

HelloPet!: in ospedale, al fianco del proprio cane
HelloPet!: in ospedale, al fianco del proprio cane

Elena Sardo: “Vi racconto come l’aromaterapia mi ha cambiato la vita”
Elena Sardo: “Vi racconto come l’aromaterapia mi ha cambiato la vita”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale