23 Dic 2019

Sei un’aspirante imprenditrice e vuoi capire se la tua idea può funzionare?

Scritto da: Francesco Bevilacqua

A marzo prenderà il via Womanboss Academy, l'accademia dedicata alle donne che vogliono fare impresa. Per le aspiranti imprenditrici che vogliono capire meglio se è il percorso giusto per loro, l'ideatrice Alessia D'Epiro propone una pre-selezione. Ecco di cosa si tratta.

Salva nei preferiti

Comincia tutto dalla relazione. Fra donna e donna, prima ancora che fra formatrice e allieva. È per questo che Alessia, ideatrice della Womanboss Academy – ne abbiamo parlato qui e nei prossimi giorni la conosceremo meglio con un’intervista approfondita –, ha organizzato una pre-selezione per incontrare le aspiranti imprenditrici che hanno un’idea in testa ma non si sentono ancora pronte a buttarsi a capofitto nella sua realizzazione.

«Prendersi del tempo per valutare e conoscerci è il momento principale, un po’ come preparare il terreno prima della semina», spiega Alessia. «Le preselezioni ci servono per conoscerci a vicenda e per definire gli obiettivi».

“A che punto sei ora? Dove vuoi arrivare?”. Sono queste le domande che la coach di Womanboss Academy invita a rivolgersi. Tramite un questionario che verrà somministrato a chi si iscriverà alle pre-selezioni, Alessia potrà conoscere le esigenze di ciascuna e comprendere se la Womanboss Academy è il percorso che fa per lei: «Una volta ricevute e analizzate le risposte al questionario, invierò il mio feedback in merito a quanto il profilo e le necessità delle iscritte si allineano con i contenuti dell’accademia».

Il costo per l’iscrizione alle pre-selezioni – poco più che simbolico – è di 47 euro, che verranno scalati dalla quota d’iscrizione all’accademia che partirà a marzo. In cambio vengono offerti una sessione di coaching individuale e due libri che saranno molto utili anche dal punto di vista della cultura d’impresa, per capire se l’idea imprenditoriale può funzionare.

In uno dei due libri – Donne che creano impresa, pubblicato da Infinito Edizioni – vengono raccontate le storie di donne che ce l’hanno fatta, per scoprire anche come ci sono riuscite: «40 delle 60 partecipanti alle edizioni degli ultimi quattro anni di Womanboss Academy hanno aperto una partita IVA», racconta Alessia. «Sembrano poche, ma lanciare un’attività è un atto che richiede coraggio, unitamente alla capacità di sostenere il progetto nel tempo dal punto di vista economico».

Le preselezioni sono il “momento zero”, servono a stimolare una sensazione razionale e irrazionale su quello che aspetta le aspiranti imprenditrici. E a stabilire una relazione: «Sarà importante anche incontrarci dal vivo – conclude Alessia – per costruire il gruppo umano che parteciperà poi all’accademia». 

Se siete interessate a saperne di più cliccate qui

Nel 2022 Alessia D’Epiro ha lanciato un nuovo progetto, Conscious Business Plan, perché diritti e inclusione non riguardano più solo il mondo delle donne e il tema gender non può limitarsi solo a una distinzione tra universo maschile e universo femminile. Il suo nuovo obiettivo è sostenere tutte quelle iniziative capaci di fare del bene al territorio e alla comunità attraverso l’impresa.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Salvia Materviva e l’etichettatura trasparente: “È la carta d’identità dei nostri prodotti”
Salvia Materviva e l’etichettatura trasparente: “È la carta d’identità dei nostri prodotti”

Dalla Sardegna arriva l’intelligenza artificiale locale e sostenibile che “parla” con le piante
Dalla Sardegna arriva l’intelligenza artificiale locale e sostenibile che “parla” con le piante

I gelsi e la talpa, l’azienda agricola che vende “siciliano” e promuove il consumo critico
I gelsi e la talpa, l’azienda agricola che vende “siciliano” e promuove il consumo critico

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Assalto eolico: l’isola dice no- INMR Sardegna #34

|

Oltre la paura: Trame di legalità tra festival, antiracket e normalità – Calabria sarai Tu #1

|

Campi estivi in natura 2024, ecco quali sono i migliori in base alle esigenze

|

Con Four Seasons Natura e Cultura si viaggia in modo sostenibile alla scoperta dell’Italia e del mondo

|

Un cammino lento attraverso la natura dell’appennino e le sue comunità

|

Agroecologia, sostenibilità, comunità: la Sardegna al centro del festival “Challenge Naturalmente locale”

|

Clara Vitaggio, enologa tra vin de garage e ricerche sui vitigni reliquia

|

Rina e basta, il libro per bambini sulla ricerca di identità ambientato nel mar Ligure

string(9) "nazionale"