18 Dic 2019

Womanboss Academy: un corso per donne (e) imprenditrici

Alessia D'Epiro, formatrice, ha ideato un'accademia dedicata alle donne che vogliono fare impresa. Definirla così però è riduttivo, poiché il percorso con cui le accompagna durante la formazione si fonda tanto sulla realizzazione professionale quanto su quella personale.

Womanboss Academy è un nome che rischia di spiazzare, che potrebbe avere quasi un retrogusto machista. Una scelta certamente provocatoria. Quella di riappropriarsi di un termine che in inglese non ha un omologo femminile – che si ottiene aggiungendo banalmente female prima di boss. Un invito all’autodeterminazione, a credere in se stesse, a emanciparsi prima di tutto da un paradigma culturale che, in quanto tale, risiede solo nelle nostre menti.

Womanboss Academy
Alessia D’Epiro, business designer e formatrice, fondatrice di Womanboss Academy

Anzi, no. Risiede anche nei numeri. Perché in un paese dove le donne rappresentano il 51% della popolazione, solo il 22% delle imprese è femminile e di esse la quasi totalità – il 97% – è costituita da micro imprese. È per questo che gli obiettivi dell’Agenda 2030 sull’inclusione e sulla gender parity sono i binari lungo cui si muove Alessia D’Epiro, business designer e formatrice, fondatrice di Womanboss Academy.

“Autorealizzazione” è la parola chiave: il percorso di coaching e formazione proposto dall’accademia non si limita a dotare le partecipanti di strumenti tecnici per far decollare la loro idea imprenditoriale. L’obiettivo principale è essere felici, libere e realizzate, “sviluppare la propria leadership e la propria imprenditorialità, per costruire una realizzazione professionale che nutra e sostenga la propria realizzazione personale”.

Parole che apparentemente cozzano con il mondo del lavoro e dell’impresa, ma che in realtà introducono un nuovo punto di vista, ispirato anche alle teorie dell’economista Genevieve Vaughan, che parla di un’economia materna, del dono, dell’abbondanza, in contrasto con un’economia patriarcale dello scambio, che fa del saccheggio la base per la ricchezza di pochi.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

WOMANBOSS RETREAT 2

Alessia non inizia sommergendo le aspiranti imprenditrici di grafici da riempire e modelli SWOT da compilare. Le ascolta. Si fa raccontare le loro storie – di vita, non solo di lavoro –, chiede loro di confidarle i sogni più arditi, di confessare le paure e le incertezze, di aprirsi, emozionarsi e prepararsi a una nuova fioritura. Che, certamente, potrà e dovrà avvenire anche grazie alla trasmissione di know-how e competenze tecniche. 

La partecipazione è riservata a venti donne, un numero ristretto che consente di lavorare con tranquillità, dedizione, affiatamento ed empatia. Per questo l’accademia prevede dodici mesi di formazione online, insieme a tre workshop di formazione dal vivo e a sessioni individuali di mentoring e coaching. Vengono inoltre proposte attività di mindfulness, easy economics, mentoring, evoluzione – ovvero il Metodo MEME© – per la sviluppare prosperità personale e professionale di ciascuna.

Italia Che Cambia ha il piacere di accompagnare Alessia e tutto lo staff di Womanboss Academy in questo percorso di avvicinamento all’accademia che partirà a marzo. Approfondiremo le tematiche del corso e, più in generale, quelle legate a un nuovo modello economico ispirato sempre più al femminile e a principi etici e sostenibili. Per farlo racconteremo anche le storie di coloro che hanno già compiuto questo cammino e che possono testimoniare come davvero esso possa cambiare la vita, anche al di fuori del lavoro.

Se siete interessate a saperne di più cliccate qui!

Articoli simili
Gli altri siamo noi: una mostra interattiva per superare i pregiudizi
Gli altri siamo noi: una mostra interattiva per superare i pregiudizi

Io faccio così #169 – Studenti e detenuti in uno spettacolo di luci e ombre

Ad Asti arriva “Babel Festival” dove si incontrano linguaggi, culture e visioni comuni

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Scuola, salute, green pass, crisi ambientale: ecco le soluzioni possibili

|

Green pass obbligatorio: l’Italia è in fermento – Aspettando Io Non Mi Rassegno #3

|

Oggi si celebrano le contadine, le donne che stanno rilanciando l’agricoltura

|

Da Giulia che pianta alberi a Rosa Maria, alfiera delle minoranze: arrivano i giovani changemakers

|

Ci trasferiamo in un paese del Sud Italia? Qualcosa sta avvenendo a Civita, in Calabria

|

Università in cammino: la scuola senza voti che torna alle origini dell’insegnamento

|

Terre del Magra, la cooperativa di comunità che valorizza il territorio e supporta gli abitanti