19 Feb 2020

Figli, la responsabilità quotidiana di restare insieme

Scritto da: Matteo Ficara

Come cambia una relazione quando si diventa genitori? Come affrontare le sfide della quotidianità familiare e lavorativa senza soccombere? Perché scegliere di restare quando si sente l'impulso di scappare? Questi i temi al centro del film “Figli”, una riflessione e rappresentazione della famiglia, dell'umanità intera e della nostra responsabilità di restare uniti.

Il trend demografico non cambia da dieci anni e le previsioni sono che non cambierà per altri dieci: aumenterà il numero di anziani, diminuirà la fertilità. Probabilmente anche per la questione “figli”.

“Figli” è anche il titolo dell’ultimo film di Mattia Torre (scenografia) e Giuseppe Bonito (regia), che si impegnano nel raccontare parte della complessa realtà della famiglia. La rappresentazione narra in particolar modo dell’Italia e dei problemi che si possono incontrare nel Bel Paese, ma nulla vieta di estenderla a parte del mondo occidentale.

La commedia ha un giusto ritmo che, aiutato dalla divisione in brevi capitoletti e da pezzi “tragicomici”, nell’insieme ti permette di immedesimarti e riflettere. Le scelte di stile scandiscono bene una narrazione simpatica, perfetta per portarti ad esplorare o rivivere eventi di vita familiare che possono capitare a chiunque, come: un nuovo arrivo, il bioritmo che cambia, la relazionalità messa alla prova, il rapporto con la primogenita all’arrivo del secondo figlio, i difficili incastri tra lavoro, spazio personale e responsabilità.

Ti trovi ad arrivare alla fine impersonandoti più volte da una parte o dall’altra, in quei “Tu non mi vedi!”, “Non mi aiuti, faccio tutto io!” e “Andrà tutto bene”, che vicendevolmente si tirano e si rispondono Valerio Mastandrea e Paola Cortellesi, nei panni dei due genitori. Nel vedere la pellicola sei un po’ padre, un po’ madre, un po’ figlio e non sai mai dire con certezza chi sia “nel giusto”. E forse questo è il messaggio più importante e più bello, il più antico, ma quello che non si finisce mai di raccomandare, che arriva dal film: siamo diversi e non c’è “una sola ragione”.

In quella quotidianità amorevole che viene ad instaurarsi ad un certo punto in una relazione (ad esempio dopo un po’ che si vive insieme o dopo i primi anni di vita di un figlio), ci si trova con una novità che ricombina il tutto e ci porta fuori dagli schemi, modificando le regole del gioco e della quotidianità. Si esce dalla “zona di comfort”. È in questo modo che crolla il sistema famiglia, spesso tenuto insieme su equilibri precari (e non solo per il lavoro e l’aspetto economico, ma anche affettivo).

Figli di Matia Torre
Foto tratta da Wikipedia. Utente: Tiscordi – trailer ufficiale, Copyrighted

Il film è la cronistoria di un cambiamento, di un evento irrinunciabile e meraviglioso, ma allo stesso tempo impegnativo oltre il possibile: “figli”, qualcosa che è sempre oltre ogni aspettativa e progetto, nel bello e a volte anche nel brutto. E così, dall’oasi felice della vita “prima”, “dopo” tutto diventa una sfida: la notte con i pianti, il capirsi con il partner, gli impegni di lavoro, il “chi fa cosa”, le cene fuori, gli interessi che cambiano e anche compleanni e feste diventano difficoltà insormontabili.

Che fare, allora? “Figli” è, allo stesso tempo, questa domanda e la sua risposta. È una tesi a favore della famiglia, o meglio, di quelli che “decidono di restare famiglia”, che riescono a dare concretezza a quel “Andrà tutto bene”, che viene ripetuto mille volte, con tutti i volti possibili: convinto, certo, dubbioso, speranzoso, mentito, sincero.

Tutto il film ti mette alla prova: è pervaso dai baratri esistenziali personali, di coppia e di famiglia (anche se le pochissime scene sulla vita della figlia primogenita ci fanno capire che è dedicato ai genitori), che vengono portati all’estremo, fino al disperato desiderio di “farla finita”: lasciare il lavoro, lasciare il partner e rifarsi una vita, lasciare i figli o, addirittura, lasciare la vita (e in questi momenti di pathos il film gioca bene le sua carta tragicomica). Eppure poi si torna sui propri passi e anche allo scenario peggiore la risposta diventa: “Andrà tutto bene. Resto”.

Quegli apici di difficoltà ci permettono di proiettarci in avanti, nel desiderio di esserci ancora, nella progettualità e nell’impegno, con l’intima consapevolezza che – insieme, restando – le cose, tutte le cose, si potranno affrontare e superare. Sono momenti in cui cerchi uno spiraglio e lo trovi in uno spazio che è sia indietro, sia avanti: nasce dal ricordare il bello di quello che c’è e che si è costruito insieme, con impegno, fatica ed amore; e nel decidere di volerlo ricreare anche per il futuro.

La riflessione sul “restare”, sulla responsabilità personale, sulle scelte che prendiamo ogni giorno – soprattutto nei momenti di difficoltà – per costruire il futuro, può essere estesa anche oltre allo schema della famiglia: non riguarda solo genitori e figli, ma anche ogni individuo, una coppia con le sue difficoltà di relazione, una famiglia alle prese con un cambio di vita, una società che si affanna dietro il “da farsi” e perde il motivo di quello che fa.

Dietro ad ogni sipario c’è una vita spesso incompresa, inascoltata – “Tu non mi vedi!” – di persone che si sentono invisibili agli occhi di altri e che vorrebbero un aiuto, perché si sentono schiacciate dal peso del mondo e dalla sua velocità pressante: “Non mi aiuti, faccio tutto io!”.

“Figli” riguarda tutti coloro che sono “figli” e quindi ognuno di noi: chi vive la difficoltà della relazione umana, chi vorrebbe gridare la sua sofferenza, chi non trova il proprio posto o modo di stare al mondo, chi si sente solo e invisibile, chi prova a fare del suo meglio ma gli mancano le forze, chi desidererebbe soltanto un po’ di ascolto ed un abbraccio.

Figli è il nome che si potrebbe dare all’umanità intera, alla specie, perché ci ricorda il valore della vita, delle scelte di oggi per il futuro. “Figli” è ricordarci che “Andrà tutto bene” se staremo insieme, facendo rete, facendo umanità, stringendoci e aiutandoci, mettendo i passi uno dopo l’altro, nella direzione del futuro. È un richiamo a prenderci la responsabilità di re-stare (insieme).

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Articoli simili
L'Europa ha consumato tutte le proprie scorte di pesce

Dopo gli incendi, che fare?

“Il tuo Parco”, rigenerazione e partecipazione lungo il fiume Po a Torino

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’asse anti cinese di Joe Biden – #527

|

La cosmetologa Gloriana Assalti: “Non vergognatevi del vostro corpo, valorizzatelo”

|

Da Tunisi a Milano in bicicletta: “Lo faccio per sostenere chi salva vite umane”

|

Pnrr: nominati i commissari grandi opere, ma alcuni sono sotto processo

|

23 maggio: trent’anni dopo la strage di Capaci è ora di vedere di nuovo la gente incazzata

|

Cosa sta succedendo al procuratore anti ‘ndrangheta Gratteri, in Calabria

|

Chiusa di Pesio: il Comune dove i muli si prendono cura del verde pubblico

|

Abitare insieme: dal buon vicinato alla comunità solidale, impariamo a vivere con altre persone