25 Mar 2020

A Biella #resistiamoalvirus: l’importanza della lettura ai tempi dell’epidemia

Scritto da: Luca Deias

L’Assessore Massimiliano Gaggino (Cultura, Eventi e Manifestazioni, Innovazione Tecnologica) ha inviato i cittadini a partecipare a un'iniziativa letteraria: realizzare un breve video, in cui si legge una poesia o un estratto di un libro, inviandolo alla Biblioteca di Biella che pubblicherà il contributo nei propri canali social.

Biella - Scuole chiuse, eventi annullati, attività sportive sospese, smart working. L’emergenza Coronavirus, in tutta la nostra penisola, ha cambiato la quotidianità degli italiani e parte coloro che sono impegnati in attività che rientrano nell’ambito della “prima necessità” o nella attività lavorative rimaste aperte, il tempo da trascorrere nella propria abitazione è, per molti, aumentato.

Intorno all’hashtag #iostoacasa si stanno costruendo molte campagne social e avvisi pubblicitari e quindi sì, restiamo nelle nostre mura, al sicuro dal contagio. Questa è un’occasione, come si è solito dire, per fare di necessità virtù, cogliendo eventuali aspetti virtuosi da una situazione negativa. Ecco quindi che il tempo nella propria abitazione, se non rivolto allo smart working o alle operazioni domestiche, può diventare opportunità per riprendere alcuni hobby lasciati in sospeso.

La cultura, in quest’ottica, potrebbe avere una valenza importante: limitando gli spostamenti all’essenziale, perché non dedicare il nostro tempo libero – nel caso se ne abbia la possibilità – alla cara vecchia carta, intesa come la classica e intramontabile lettura? La difficoltà, spesso, risulta trovare il tempo necessario per immergersi tra le parole di un romanzo o di un saggio.

Chi, durante la settimana è oberato dal lavoro d’ufficio, magari si ritrova – nel weekend – a voler semplicemente staccare la mente, organizzandosi momenti d’intrattenimento con amici e con la propria sfera familiare. Questa, però, è l’occasione per tornare a osservare la nostra libreria, prendere tra le mani un libro acquistato o preso in prestito tempo fa e nuotare tra le parole composte dall’autore che l’ha scritto. Se vogliamo sentire vicini gli amici e i familiari geograficamente lontani, usiamo questo topic come oggetto di confronto. Consigliamo libri, condividiamo passioni.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Forse, è anche in quest’ottica che l’assessore a Cultura, Eventi e Manifestazioni, Innovazione Tecnologica della Città di Biella Massimo Gaggino ha lanciato una proposta a tinte letterarie. Il politico ha invitato a realizzare un video – della durata massima di 2 minuti – durante il quale i cittadini partecipanti devono essere ripresi mentre leggono una poesia, una filastrocca, un estratto di un libro o qualunque testo che ritengono significativo.

La qualità e la tecnica non sono importanti: basta far uso del comporto fotografico del proprio smartphone o utilizzare una videocamera, inviando poi quanto prodotto all’indirizzo mail biblioteca@comune.biella.it. L’iniziativa, lanciata giovedì scorso in collaborazione con la Biblioteca Civica di Biella (nella figura della direttrice Anna Bosazza), prevede che i video vengano pubblicati – dopo aver verificato il contenuto di quanto ricevuto – nella pagina Facebook Biblioteche Città di Biella.

Il primo a pubblicare un contenuto video è stato proprio Gaggino, seguito poi da altri biellesi e follower della pagina. In questo momento di lontananza, il digitale può finalmente avvicinare le persone, con la lettura come strumento chiave per concretizzare questo processo socio-culturale. Nella fase attuale, in cui prevalgono barriere fisiche e metaforiche, questa semplice iniziativa dedicata alla lettura e alla condivisione di una poesia o di un un libro – magari inerenti, anche a livello allegorico, alla criticità che stiamo vivendo – può espandersi e avvicinare le individualità, creando una collettività (per ora) virtuale. Più parole (dal cuore) e cultura per tutti. Sono questi i contagi che vorremmo.

Articolo tratto da: Journal Cittadellarte

Articoli simili
Steve McCurry: “Lottiamo per l'ambiente e contro ogni forma di razzismo”

Le Parole e il Silenzio: Ritorno a casa
Le Parole e il Silenzio: Ritorno a casa

Letture e nuovi progetti per piccoli spettatori con la compagnia NATA
Letture e nuovi progetti per piccoli spettatori con la compagnia NATA

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Germania, un governo “semaforo”? – #417

|

Il diritto dei bambini all’aria pulita: le strade scolastiche come antidoto a traffico e inquinamento

|

Fuga dalla città. Una seconda vita sulle colline piacentine

|

Assamil: una delle comunità più giovani d’Italia cresce e cerca una nuova casa

|

Re-sisters: l’arte e la cultura per dire no alla violenza sulle donne

|

Il primo Asilo nel Bosco altoatesino, dove le maestre sono la neve e la pioggia

|

La storia di Esma, il musicista che ha lasciato la città per vivere e cantare la campagna

|

Camilla Rossi, educatrice: “Attivismo quotidiano, educazione e messa in discussione per combattere la violenza contro le donne”