Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
19 Mar 2020

La storia di Gianluca Pagella: da imprenditore ad aggiustatutto in bicicletta – Io faccio così #284

Scritto da: Lorena Di Maria
Intervista di: Lorena di Maria e Paolo Cignini
Video realizzato da: Paolo Cignini

La storia di Gianluca Pagella, ex imprenditore nel mondo delle automobili, nasce da un fallimento: dopo essere rimasto disoccupato e dopo una forte crisi personale decide di rialzarsi e reinventarsi in un nuovo lavoro. In che modo? Divenendo un aggiustatutto in bicicletta. Così, come ha trasformato la sua bici in una cargo bike, ha rivoluzionato la sua vita in un mondo all’insegna della sostenibilità, delle relazioni umani e della lentezza, dimostrando che è sempre possibile ripartire da se stessi.

Ci sono momenti nella vita in cui un singolo evento può cambiare tutto, rimescolando le carte in tavola e proponendoci una nuova partita. Quella che vi raccontiamo oggi è la storia di Gianluca Pagella, che ci dà il benvenuto ad Alessandria, la sua città natale, colpendoci subito con la sua solarità e il carattere esplosivo. La sua storia è una di quelle che ti rimangono impresse perché riescono a sorprenderti e a emozionarti al tempo stesso. È una storia che parla di una rinascita e di un cambiamento nonostante le difficoltà della vita. Fino al 2014 Gianluca aveva lavorato come imprenditore per una grande azienda nel settore delle automobili ma a causa di un fallimento, è stato costretto a chiudere la sua attività.

È stato un duro colpo da affrontare, un boccone troppo amaro da ingoiare: prima il pignoramento della casa, poi la ricerca di un nuovo lavoro come operaio che presto giunge al termine, infine la crisi personale. Così Gianluca si ritrova a quarantott’anni disoccupato, senza possedere più nulla e con grandi difficoltà a rientrare nel mondo del lavoro. Ma come tutte le più belle storie di rinascita, non si dà per vinto e capovolge la sua vita, reinventandosi in un nuovo mestiere: l’”aggiustatutto in bicicletta”.

«Mi sono ritrovato a quarantott’anni disoccupato. A quel punto mi sono chiesto: cosa voglio fare da grande? Non avevo molte idee» ci racconta con un sorriso, a fianco della sua inseparabile cargo bike. Così, grazie ai giusti consigli e un po’ di fantasia ricomincia la sua vita come “Gianaggiusta” spostandosi per le vie di Alessandria su due ruote effettuando piccoli lavori domestici e riparazioni a domicilio come nel caso di mensole, tapparelle, veneziane, rubinetti. All’interno della sua cargo bike custodisce i suoi preziosi attrezzi da lavoro e tutto il materiale necessario per spostarsi e lavorare in libertà da un luogo all’altro.

Un tuttofare, insomma, per ritornare a condividere i rapporti umani, il lavoro manuale, le piccole cose della vita. Proprio come ci racconta nel video, si tratta di una rinascita certamente difficile e faticosa ma fortemente trasformativa. «Ho scelto un lavoro che fosse onesto e mi permettesse di vivere degnamente, di lasciare indietro tutti quegli anni caratterizzati da una vita senza tempo, dove guadagnare e fare business era l’unico obiettivo.

Quando ho chiuso l’attività per il fallimento mi hanno pignorato tutto: case, capannoni, macchine, quasi anche la dignità. L’unica cosa che sono riuscito a conservare è stata la mia vecchia bicicletta, una peugeut verde che mi ero comprato in gioventù coi primi soldi guadagnati. Fortunatamente, non avendo la targa, non me l’hanno potuta portare via e così ho iniziato ad utilizzarla per muovermi, perchè non avevo nient’altro».

E riscoprendo l’immenso valore di una vecchia bicicletta, ciò che contraddistingue la nuova vita di Gianluca è la scelta di non usare più la macchina, vivendo in maniera totalmente ecologica. «Con la bici posso muovermi velocemente, non devo pagare il posteggio e posso arrivare facilmente in qualsiasi luogo». Ma il vero guadagno è avere tempo: per nuove relazioni umane e ritornare alla semplicità della vita. Come ci racconta Gianluca, «Nelle mie giornate lavorative mi capita di andare a casa delle persone e, dopo aver fatto le riparazioni, vengo invitato dai miei clienti a fare quattro chiacchiere e bere un caffè in compagnia».

Ora Gianluca è vicepresidente dell’associazione Fiab – Gliamicidellebici di Alessandria e, insieme a Momo, richiedente asilo e abile meccanico, ha costruito una ciclofficina popolare aperta a tutta la cittadinanza. «Ricominciando da zero ed entrando in una seconda parte della mia vita ho iniziato a fare volontariato, un impegno che non avevo mai preso in considerazione perchè troppo lontano dal mondo che mi ero creato».

All’interno della ciclofficina Gianluca dedica tempo ed energie mettendosi a disposizione degli altri: insegna a donne, uomini e giovani a sporcarsi le mani, riparare la propria bicicletta, sensibilizza all’utilizzo di mezzi alternativi all’auto e trasmette con passione il proprio saper fare.

Come ci confida, «La vita di prima non mi manca. E’ vero quando si dice che troppo denaro corrompe l’anima, perché si finisce per guardare il mondo da una sola e limitante prospettiva. Prima ero così assorbito dal mio lavoro che non avevo più spazio per il resto. E il caso vuole che, proprio nel periodo in cui ero disoccupato, ho incontrato la persona di cui mi sono innamorato e con la quale convivo da anni.

Il messaggio che posso mandare alle persone è che se siete in un momento difficile della vostra vita è importante che non perdiate mai il vostro amor proprio e il rispetto per voi stessi. Siete fermi e dovete partire da capo? Ognuno di noi ha un talento, andate a scavare in quello che siete voi e qualcosa sicuramente troverete. La bellezza di questa nuova vita è per me un ritorno alla lentezza, alla semplicità, ai rapporti umani. E tutto questo… grazie a un fallimento».

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

I “giganti dormienti” del ciclo del carbonio si stanno svegliando? – Io Non Mi Rassegno #240

|

Ragazzi irresponsabili: siamo davvero impotenti di fronte ai cambiamenti climatici? – A tu per tu #7

|

Bambini a contatto con la natura: tutti gli effetti benefici in 10 punti

|

Marco Cappato: “Questa iniziativa può fermare i cambiamenti climatici”

|

La parità di genere ed il linguaggio emotivo siano il cuore di un cambiamento radicale

|

La paura di Lise

|

Il Boschetto: da spazio abbandonato a orto dove si coltivano insieme frutta, verdura e tempo!

|

Covid, scuola e DAD: un sostegno agli studenti in difficoltà per non lasciare indietro nessuno