22 Apr 2020

La Portineria di Comunità che aiuta il quartiere e “spaccia” cultura

Scritto da: Lorena Di Maria

La Portineria di Comunità nasce a Torino per essere un punto di riferimento per la comunità. Il suo scopo è mettere in contatto persone che vivono nello stesso quartiere rendendo possibile l’incontro e lo scambio tra competenze e bisogni, facendo in modo che chi ha bisogno possa essere aiutato nelle piccole ma grandi faccende quotidiane.

Torino - «Conosci qualcuno di fiducia che possa aiutarmi a…?». Quante volte, alle prese con piccoli problemi quotidiani, ci è capitato di fare questa domanda. A volte senza giungere a una soluzione abbiamo finito con l’arrangiarci da soli, altre volte, arrendendoci, abbiamo chiamato specialisti, investito soldi ed energie. Eppure, spesso la soluzione è più semplice e vicina a noi di quanto pensiamo. Prendiamo l’esempio di un condominio e delle persone che lo abitano: quante competenze e abilità diverse ogni singola persona può offrire e mettere al servizio dei propri vicini? Centinaia, probabilmente. E se estendessimo la riflessione al quartiere in cui viviamo?In quel caso diventerebbero potenzialmente… infinite!

E proprio a un passo da casa, o meglio, a un passo dalla propria porta, in ogni comunità vivono e crescono “saperi” grazie alle abilità e alle capacità delle persone che ne fanno parte. Spesso però questi saperi sono sconosciuti e si finisce per non valorizzare il grande potenziale che hanno.

Portineria di comunità6

Da questo presupposto nasce a Torino la “Portineria di Comunità“, un luogo fisico, virtuale e itinerante che “spaccia cultura” e che nasce per aiutare e far risparmiare tempo a chi tempo non ne ha. È un luogo di incontro e di scambio in cui ricevere l’aiuto di cui si ha bisogno per svolgere le faccende quotidiane e, allo stesso tempo, è uno strumento per aiutare gli altri.

«Le case non sono tutte uguali e nelle case non siamo tutti uguali. Non abbiamo tutti le stesse opportunità: dall’accesso al wifi all’attenzione che possiamo dare ai nostri figli aiutandoli coi compiti. La Portineria vuole provare a colmare quei divari che proprio un’emergenza come questa non fa che evidenziare». È quanto afferma Chiara Saraceno, presidente della Rete Italiana di Cultura Popolare, come riportato sulla nota stampa del progetto.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

E come ogni portineria che si rispetti, i suoi protagonisti sono proprio i portinai, che si occupano di aiutare le persone a trovare soluzioni per risolvere le piccole faccende quotidiane. Tra queste aiutano i cittadini a trovare un aiuto per le piccole commissioni alla posta, per fare la spesa al supermercato o per dare un supporto informatico. Forniscono aiuto per i compiti a casa, offrono un supporto psicologico e traduzioni in lingua straniera.

Portineria di Comunità1

Il progetto è stato ideato dalla Rete Italiana di Cultura Popolare, cofinanziato dall’Unione Europea – Fondi Strutturali di Investimento Europei – Programma Operativo Città Metropolitane 2014-2020; in partenariato con l’ Ufficio Pastorale Migranti e Nessuno è Straniero.

La “portineria” ha come obiettivo mettere in rete le risorse commerciali, professionali, artigianali e del terzo settore, del territorio affinché diventino fornitori primari di beni, favorendo la partecipazione alla costruzione di un progetto di comunità. Chi è interessato può diventare “portinaio di comunità” per aiutare chi ne ha bisogno, specialmente in questo momento delicato che stiamo affrontando.

Come si legge sulla pagina facebook, «Quando iniziammo a pensare alla “Portineria di Comunità” sognavamo uno spazio che fosse un luogo un po’ magico, dove potere trovare ciò che si cercava: persone, servizi, cultura, oggetti e affinità. Poi è arrivato questo strano periodo, dove la pandemia ci ha costretti a chiuderci nelle nostre case, per chi ha la fortuna di avere una casa. Ed è nata così la primavera de “Lo spaccio di cultura”, un portale che in questo periodo offre servizi completamente gratuiti. Fino a quando tutto questo non passerà».

Portineria di Comunità8

Quest’esperienza virtuosa va quindi a sommarsi alle diverse iniziative avviate in altre città italiane come il bar “Portineria 14”, pensato a Milano da un gruppo di amiche per rispondere alle varie esigenze quotidiane degli abitanti della zona, oppure il progetto della portineria di quartiere di Matera o ancora il Caffè Bistrot Letterario Portineria 21 di Bari, di cui vi abbiamo parlato nei precedenti articoli.

Sono tutti progetti che nascono dalla considerazione che una comunità di prossimità debba essere valorizzata a partire dalle buone relazioni che in essa si riescono a coltivare, mettendo in atto azioni di welfare di comunità capaci di generare attività sociali, culturali ed economiche che aiutino le persone a sentirsi più a casa.

Articoli simili
In Sardegna nascono due comunità energetiche rinnovabili
In Sardegna nascono due comunità energetiche rinnovabili

Busket, la start-up che sostiene e mette in rete i panificatori artigianali
Busket, la start-up che sostiene e mette in rete i panificatori artigianali

Mettersi nei panni dell’altro, il modo migliore per risolvere i conflitti
Mettersi nei panni dell’altro, il modo migliore per risolvere i conflitti

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza