7 Apr 2020

Raccontarsi al mondo con una favola: letture dalla quarantena

Scritto da: Luca Deias

Al via un'iniziativa tesa a narrare e riflettere "se stessi", a livello culturale o personale, attraverso una fiaba, una poesia o una filastrocca. La condivisione, in un momento storico come quello attuale, può aiutare a sentirsi più vicini: ecco che nasce l'iniziativa "Le favole del mondo", che mette in luce storie - in più lingue - proposte con dei brevi video dagli ambasciatori Rebirth/Terzo Paradiso e dallo staff di Cittadellarte.

Biella - Non esistono limiti, ostacoli, barriere: nemmeno la quarantena da Covid-19 può fermare la forza delle parole. Dalle lettere di carta al mondo digitale la sostanza non cambia. Differiscono gli strumenti ma non le potenzialità di superare ogni confine reale o virtuale. Se è vero che uccide più la lingua della spada, lo è altrettanto che una frase può rivoluzionare la storia dell’umanità (I have a dream di Martin Luther King vi dice qualcosa?). Ecco che, in questo periodo di distanza sociale, anche una chiusura nelle proprie mura domestiche può portare a un’apertura.

Favole dal mondo

Cittadellarte, attraverso il coordinatore del progetto Rebirth Saverio Teruzzi, ha lanciato l’iniziativa Le favole dal mondo, che porta gli ambasciatori del Terzo Paradiso e i “cittadini” della Fondazione Pistoletto ad animare i social network con una serie di filmati ad hoc. I contributi sono liberi: ogni partecipante sta proponendo fiabe, poesie e filastrocche; non importa se siano voce di un altro autore o produzioni letterarie proprie. Ciò che conta è condividere un testo che si ritiene significativo, preferibilmente rivolto a un target di giovanissimi. Quello che rende globale la dimensione dell’iniziativa, inoltre, non è solo la modalità “online” – per una volta la tecnologia sta limitando le distanze e avvicinando le persone – ma il fatto che i filmati vengono proposti nella lingua madre dei partecipanti.

L’iniziativa è già giunta già al decimo episodio: sono stati pubblicati video in finlandese, ebraico, urdu, spagnolo e italiano, ma a breve – spoiler – saranno condivise storie in tedesco, arabo e bosniaco.

Favole dal mondo2 1

«La nascita de “Le favole dal mondo” – ha argomentato ai nostri microfoni Saverio – ha in sé le caratteristiche del rapporto duale, dell’1+1=3, base del segno-formula del Terzo Paradiso. Ero alla ricerca di contenuti che potessero fornire strumenti utili sia all’attività degli ambasciatori Rebirth sia alle famiglie in un momento completamente nuovo e inatteso dove #iorestoacasa era divenuto preminente e fondamentale. Poi, l’ambasciatrice Iole D’Agostino mi ha mandato un video che la riprende mentre legge una favola, attività di didattica a distanza diretta alla scuola per l’infanzia. Il mettere insieme il tutto ne è stata una logica conseguenza.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Nasce così “Le favole dal mondo”, con la richiesta agli ambasciatori del Terzo Paradiso e allo staff di Cittadellarte di regalare uno strumento ai genitori attraverso il web e i social, leggendo, raccontando o recitando una favola che fa parte del loro vissuto, delle loro tradizioni e culture, laddove possibile nella loro lingua madre».

Articoli simili
L’ultima accademia di Belle Arti attiva sulle Alpi che valorizza il territorio vigezzino
L’ultima accademia di Belle Arti attiva sulle Alpi che valorizza il territorio vigezzino

Kronoteatro: mancano i sostegni e la compagnia ligure pluripremiata è a rischio
Kronoteatro: mancano i sostegni e la compagnia ligure pluripremiata è a rischio

Hisn Al-Giran, l’antico villaggio bizantino rinasce grazie a un gruppo di giovani siciliani
Hisn Al-Giran, l’antico villaggio bizantino rinasce grazie a un gruppo di giovani siciliani

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi