7 Apr 2020

Raccontarsi al mondo con una favola: letture dalla quarantena

Scritto da: Luca Deias

Al via un'iniziativa tesa a narrare e riflettere "se stessi", a livello culturale o personale, attraverso una fiaba, una poesia o una filastrocca. La condivisione, in un momento storico come quello attuale, può aiutare a sentirsi più vicini: ecco che nasce l'iniziativa "Le favole del mondo", che mette in luce storie - in più lingue - proposte con dei brevi video dagli ambasciatori Rebirth/Terzo Paradiso e dallo staff di Cittadellarte.

Biella - Non esistono limiti, ostacoli, barriere: nemmeno la quarantena da Covid-19 può fermare la forza delle parole. Dalle lettere di carta al mondo digitale la sostanza non cambia. Differiscono gli strumenti ma non le potenzialità di superare ogni confine reale o virtuale. Se è vero che uccide più la lingua della spada, lo è altrettanto che una frase può rivoluzionare la storia dell’umanità (I have a dream di Martin Luther King vi dice qualcosa?). Ecco che, in questo periodo di distanza sociale, anche una chiusura nelle proprie mura domestiche può portare a un’apertura.

Favole dal mondo

Cittadellarte, attraverso il coordinatore del progetto Rebirth Saverio Teruzzi, ha lanciato l’iniziativa Le favole dal mondo, che porta gli ambasciatori del Terzo Paradiso e i “cittadini” della Fondazione Pistoletto ad animare i social network con una serie di filmati ad hoc. I contributi sono liberi: ogni partecipante sta proponendo fiabe, poesie e filastrocche; non importa se siano voce di un altro autore o produzioni letterarie proprie. Ciò che conta è condividere un testo che si ritiene significativo, preferibilmente rivolto a un target di giovanissimi. Quello che rende globale la dimensione dell’iniziativa, inoltre, non è solo la modalità “online” – per una volta la tecnologia sta limitando le distanze e avvicinando le persone – ma il fatto che i filmati vengono proposti nella lingua madre dei partecipanti.

L’iniziativa è già giunta già al decimo episodio: sono stati pubblicati video in finlandese, ebraico, urdu, spagnolo e italiano, ma a breve – spoiler – saranno condivise storie in tedesco, arabo e bosniaco.

Favole dal mondo2 1

«La nascita de “Le favole dal mondo” – ha argomentato ai nostri microfoni Saverio – ha in sé le caratteristiche del rapporto duale, dell’1+1=3, base del segno-formula del Terzo Paradiso. Ero alla ricerca di contenuti che potessero fornire strumenti utili sia all’attività degli ambasciatori Rebirth sia alle famiglie in un momento completamente nuovo e inatteso dove #iorestoacasa era divenuto preminente e fondamentale. Poi, l’ambasciatrice Iole D’Agostino mi ha mandato un video che la riprende mentre legge una favola, attività di didattica a distanza diretta alla scuola per l’infanzia. Il mettere insieme il tutto ne è stata una logica conseguenza.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Nasce così “Le favole dal mondo”, con la richiesta agli ambasciatori del Terzo Paradiso e allo staff di Cittadellarte di regalare uno strumento ai genitori attraverso il web e i social, leggendo, raccontando o recitando una favola che fa parte del loro vissuto, delle loro tradizioni e culture, laddove possibile nella loro lingua madre».

Articoli simili
Meraki: «Dopo un brutto incidente abbiamo cambiato vita e ora celebriamo l’amore nei suoi piccoli gesti quotidiani»
Meraki: «Dopo un brutto incidente abbiamo cambiato vita e ora celebriamo l’amore nei suoi piccoli gesti quotidiani»

Ricominciamo 2021: il Casentino riparte all’insegna di arte, musica e natura
Ricominciamo 2021: il Casentino riparte all’insegna di arte, musica e natura

L'archeologo dei giocattoli, Terranave nel laboratorio di Roberto Papetti

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Condannati ad estinguerci (ma è davvero così?) – #424

|

Al via le proteste di Extinction Rebellion Italia per chiedere giustizia climatica

|

A testa alta: “Vaccini e green-pass qual è la verità?” Un appello al mondo della scuola

|

#59 – Sant’Anna di Valdieri: il borgo recuperato dalle donne che credono nella montagna

|

Viviamo il capodanno 2022 in stile comunitario, progettando un ecovillaggio?

|

Alberi autoctoni da ripiantare dopo le feste per un Natale sostenibile

|

La terra dei Piripkura incontattati invasa e distrutta per la produzione di carne

|

L’abete rosso sacrificato per il Natale del Vaticano sta morendo ma “parla” ancora