Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
25 Mag 2020

Facciamo sentire la nostra voce: al via l’iniziativa “Arte dell’equilibrio

Cittadellarte ha invitato utenti e lettori digitali a riflettere sulla vita che ci attende post pandemia. Cambieremo o non cambieremo? E se sì, come? Cosa potremo concretamente fare per dirigerci verso un equilibrio di prosperità sostenibile? A partire da queste domande e altre ispirate alla canzone dei Subsonica dedicata al Terzo Paradiso, le risposte offrono un determinante impulso collettivo al progetto di rinascita e di trasformazione sociale responsabile. Michelangelo Pistoletto e Paolo Naldini hanno presentato l’iniziativa attraverso un video-intervento e un docu-film: vi proponiamo i filmati.

“Facciamo sentire la nostra voce”: così Michelangelo Pistoletto ha invitato ambasciatori Rebirth, collaboratori e partner di Cittadellarte, utenti e lettori digitali a prendere parte alla nuova iniziativa corale di ripartenza e rinascita – dopo la pandemia del Coronavirus – intitolata “Arte dell’equilibrio”. Il direttore Paolo Naldini aveva già ampiamente illustrato il dietro le quinte e le peculiarità di questo progetto nell’articolo “Dalla pandemia alla pan-demopraxia“.

L’iniziativa si è rivolta in particolare a tutti i soggetti attivi nella propria comunità come pratica e pensiero di prosperità sostenibile. Ispirandosi alla canzone dei Subsonica dedicata al Terzo Paradiso, il progetto è partito da una serie di domande chiave: “Come abiterai? Come imparerai? Come comunicherai? Come ti esprimerai? Come farai ogni cosa che farai?”. Chi ha risposto ha fatto riferimento dagli spunti (“algoritmi”) illustrati nel testo di Naldini: il senso dell’equilibrio (rappresentato dal Terzo Paradiso), l’Arte della Demopraxia e l’attività di ricerca intesa come diritto e gioia per ogni singolo individuo. Non solo, il direttore di Cittadellarte ha anche realizzato un docu-film (che vi proponiamo a fine articolo) dove teatralizza quanto scritto nel suo articolo, offrendo un linguaggio differente.

Michelangelo Pistoletto ha invitato a sua volta a riflettere sul passaggio epocale che stiamo attraversando: Lo spazio-tempo vuoto lasciato dalla pandemia Covid-19 come occasione per offrire un determinante impulso al progetto di rinascita e di trasformazione sociale responsabile e sostenibile. «Sono da poco rientrato a casa – queste le parole di Michelangelo Pistoletto nel filmato registrato alcuni giorni dopo il ritorno alla sua abitazione – e in quello spazio-tempo vuoto che ho passato in ospedale ho riflettuto sul passaggio epocale che stiamo attraversando e di come la pandemia del Coronavirus sia l’occasione di un determinante impulso al progetto di rinascita che insieme coltiviamo: Rebirth nel segno del Terzo Paradiso.

Perché così possa essere, dobbiamo fare conoscere, ora più che mai, i metodi e le pratiche del Terzo Paradiso. Mi rivolgo a Cittadellarte e agli ambasciatori e alle ambasciate Rebirth: potete ispirare altri ad attivarsi direttamente, secondo la filosofia della demopraxia, all’interno della propria organizzazione e a praticare l’impegno di un equilibrio trinamico per la trasformazione della società in senso responsabile, come individui e nello stesso tempo come membri attivi di una comunità di pratica. Mi rivolgo a tutti, attraverso la canzone che i Subsonica hanno dedicato al Terzo Paradiso».

Tante sono state le domande che sono state poste, come spunti di riflessione per immaginare il futuro post covid che ci aspetta: Come sorriderai? Che aria respirerai? Come ti vestirai? Quale lingua parlerai? Come saluterai? Come lavorerai? In che cosa crederai? Quali sogni sognerai? Come ti nutrirai? Cosa ricorderai? Cosa penserai? Cosa produrrai? Come ti divertirai? Su cosa ti impegnerai? Come comunicherai? Dove abiterai? Come curerai? Come giudicherai? Cosa acquisterai? Cosa venderai? Come viaggerai? Cosa offrirai? Chi incontrerai? Come agirai? Che decisione prenderai?

Come offrire il proprio contributo all’iniziativa? Rispondendo attraverso un’interpretazione personale alle domande formulate nella canzone che nel 2014 i Subsonica hanno dedicato al Terzo Paradiso, si potrà condividere la propria personale riflessione sulle pratiche (i modi e i metodi) per avviare una rinascita in chiave di responsabilità e impegno nel post Coronavirus.
Ognuno, a seconda della propria personale esperienza e professionalità, potrà focalizzarsi su un tema specifico.
Ecco, di seguito, tutte le domande. Le risposte dovranno pervenire a pandemopraxia@cittadellarte.it; in caso di dubbi o informazioni è possibile scrivere allo stesso indirizzo mail.

Articolo tratto da: Journal Cittadellarte

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Lo strano caso dei cereali al cipollotto (e altre storie) – Io Non Mi Rassegno #179

|

L’Italia contadina si ribella alle monocolture delle multinazionali

|

Capitale Sociale, nasce una scuola per imparare a riprogettare il futuro

|

Pronti alla vera contaminazione?

|

Una vecchia edicola diviene portineria di comunità

|

Il riciclo della plastica segna il riscatto di una comunità in Etiopia

|

La tana di Jo: letture e movimento per crescere in natura

|

Fianco a fianco: “Aiutiamo i ragazzi stranieri a realizzarsi in Italia”