13 Mag 2020

Gatta Nera, verso la nascita di una nuova comune libertaria

Proseguono i lavori per l'apertura di Gatta Nera. Sorgerà in provincia di Modena e sarà una comune libertaria fondata sui principi dell'autosufficienza, della sovranità alimentare e della condivisone. L'obiettivo è quello di costruire passo a passo modi di vivere differenti.

Modena, Emilia-Romagna - Nella bassa Modenese, culla del movimento anarchico e di tante figure di rilievo del movimento libertario di inizio ‘900, sta per nascere una nuova comune libertaria: Gatta Nera.

Scopo primario dello spazio sarà trasportare nel quotidiano le pratiche sperimentali che da otto anni Stella Nera di Modena porta avanti, costruendo passo a passo modi di vivere differenti rispetto a quelli imposti dal sistema capitalistico. Dunque solidarietà e complicità del vivere comune come risposta all’individualismo e alla disgregazione a cui siamo abituati e, a livello materiale, autosostentamento attraverso un progetto agricolo e laboratori di autoproduzione, lasciando spazio aperto a tutte le proposte che vorranno confluire. Non mancheranno poi una sala prove e un nuovo spazio dove organizzare iniziative sociali e di festa comune.

gatta nera 1

Il collettivo che porterà avanti il progetto è attualmente composto da una ventina di persone. «Ci sono cuochi e cuoche, agricoltori e agricoltrici, elettricisti, artisti e artiste musicali… Qualcuno fa teatro, altri yoga», ci ha raccontato Manuel, uno dei fondatori del progetto e produttore del nodo modenese di Genuino Clandestino Alimentazione Ribelle.

La comune, tuttavia, non è da intendersi come luogo chiuso, dove solo alcuni potranno godere “di certe possibilità, ma al contrario, si cercherà di dare un’equa distribuzione delle possibilità dello spazio a tutti e tutte” – si legge nel comunicato di nascita della comune – e “quando non ci sarà più posto per fare ciò, avvieremo nuovamente una campagna pubblica per l’apertura di una seconda casa comune”. Nella comune, inoltre, vi sarà la possibilità di trovare ospitalità continua, per tutti coloro che vorranno attraversare il progetto e partecipare alle iniziative organizzate.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

gatta nera 2

A causa del Coronavirus i tempi dei lavori di ristrutturazione dello stabile che diventerà il cuore di Gatta Nera si sono allungati e dunque anche l’inagurazione è stata spostata a settembre. Chi volesse contribuire alla realizzazione del progetto può sostenere la campagna di crowdfunding lanciata da Gatta Nera e una volta ripresa la libera uscita delle persone dalle restrizioni Covid-19 verranno pubblicate delle giornate di lavori pubblici a cui è possibile unirsi.

Vuoi cambiare la situazione
dell'abitare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
RIVE 2019, torna il raduno degli ecovillaggi italiani

Gli ecovillaggi propongono ascolto e pratiche di condivisione per superare questa crisi
Gli ecovillaggi propongono ascolto e pratiche di condivisione per superare questa crisi

GEN EU 2019, in Toscana il raduno europeo degli ecovillaggi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”

|

E se il Covid ci avesse indicato la via per risolvere la crisi della scuola italiana?

|

In Piemonte c’è una “foresta condivisa” di cui tutti possono prendersi cura

|

IT.A.CÀ: in viaggio per il levante ligure per riconquistare il diritto a respirare

|

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

|

Te Araroa: un viaggio per sé stessi e gli altri oltre i propri limiti