Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
28 Mag 2020

Riusciremo a fare a meno della plastica? – A tu per tu#3

Scritto da: Paolo Cignini

Elisa Nicoli e Chiara Spadaro sono le autrici del volume “Plastica addio. Fare a meno della plastica: istruzioni per un mondo e una vita "zero waste", uscito per Altreconomia. Hanno studiato e approfondito il fenomeno della plastica, cercando di portare a galla il perché della sua diffusione e le amare conseguenze che questo comporta in termini di gestione dei rifiuti e di inquinamento ambientale. L’imperativo che emerge è che dobbiamo assolutamente farne a meno. La notizia incoraggiante è che possiamo cominciare dal nostro quotidiano a ridurre l’utilizzo della plastica, perché il riciclo non è affatto la soluzione ideale nel lungo periodo. Insieme, nella terza puntata di “A tu per tu”, proveremo a capire come fare,con un occhio all’attualità che vede un pericoloso ritorno dell’usa e getta nel nostro quotidiano.

“A tu per tu” è un nuovo format di Italia che Cambia che vuole stampare una fotografia sull’attualità, stimolare la curiosità verso l’inaspettato e proporre ricette per una nuova esplorazione del quotidiano (e non solo). In questa terza puntata del format, in onda ogni mercoledì di fine mese, abbiamo incontrato Chiara Spadaro ed Elisa Nicoli, autrici del volume “Plastica addio. Fare a meno della plastica: istruzioni per un mondo e una vita zero waste”, per Altreconomia.

Le due autrici hanno studiato e approfondito il mondo della plastica, portando a galla il perché della sua diffusione e le amare conseguenze che questo comporta in termini di gestione dei rifiuti e di inquinamento ambientale. L’imperativo che emerge è che dobbiamo assolutamente farne a meno. La notizia incoraggiante è che possiamo cominciare dal nostro quotidiano a ridurre l’utilizzo della plastica, perché il riciclo non è affatto la soluzione ideale nel lungo periodo e perché le implicazioni sulla salute dell’uomo e dell’ambiente non lascia spazio a segnali incoraggianti, se non invertiamo la rotta.

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

ATTIVATI

In questo incontro abbiamo inoltre approfondito il complesso e variegato mondo delle bioplastiche, soprattutto per il loro corretto smaltimento che, purtroppo, spesso lascia a desiderare a causa della diversità dei singoli sistemi di smaltimento dei rifiuti dei differenti comuni italiani.
Nella parte finale, occhio alle proposte: come partire dal basso, cioè dalle nostre scelte quotidiane, per poter davvero fare a meno della plastica quando possibile?

Ed infine un occhio anche all’attualità: il coronavirus e le sue conseguenze hanno fatto calare l’attenzione, in questi mesi, riguardo le tematiche della plastica e del rifiuto monouso. Come ci comportiamo nei confronti di guanti e mascherine, che in queste ore stanno già invadendo le nostre spiagge e i cigli delle nostre strade?

Tutte le proposte in questo video

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La repressione cinese degli Uiguri – Io Non Mi Rassegno #217

|

Largo all’immaginazione e alla libera creatività: le scuole steineriane di Vallebona

|

Gli assorbenti lavabili e solidali che promuovono l’integrazione e la salute di tutte le donne

|

Sebastiano, il giovane contadino che per cambiare il mondo coltiva la terra

|

In Italia si mappano i borghi per chi vuole vivere e lavorare in montagna

|

Comunità energetiche rinnovabili: una via per la transizione? – A tu per tu #6

|

Diffondere informazione positiva e gentilezza: arriva il Festival Mezzopieno!

|

Lucia Cuffaro e l’autoproduzione, la ricetta quotidiana per una società più giusta e resiliente