28 Mag 2020

Riusciremo a fare a meno della plastica? – A tu per tu#3

Scritto da: Paolo Cignini

Elisa Nicoli e Chiara Spadaro sono le autrici del volume “Plastica addio. Fare a meno della plastica: istruzioni per un mondo e una vita "zero waste", uscito per Altreconomia. Hanno studiato e approfondito il fenomeno della plastica, cercando di portare a galla il perché della sua diffusione e le amare conseguenze che questo comporta in termini di gestione dei rifiuti e di inquinamento ambientale. L’imperativo che emerge è che dobbiamo assolutamente farne a meno. La notizia incoraggiante è che possiamo cominciare dal nostro quotidiano a ridurre l’utilizzo della plastica, perché il riciclo non è affatto la soluzione ideale nel lungo periodo. Insieme, nella terza puntata di “A tu per tu”, proveremo a capire come fare,con un occhio all’attualità che vede un pericoloso ritorno dell’usa e getta nel nostro quotidiano.

“A tu per tu” è un nuovo format di Italia che Cambia che vuole stampare una fotografia sull’attualità, stimolare la curiosità verso l’inaspettato e proporre ricette per una nuova esplorazione del quotidiano (e non solo). In questa terza puntata del format, in onda ogni mercoledì di fine mese, abbiamo incontrato Chiara Spadaro ed Elisa Nicoli, autrici del volume “Plastica addio. Fare a meno della plastica: istruzioni per un mondo e una vita zero waste”, per Altreconomia.

Le due autrici hanno studiato e approfondito il mondo della plastica, portando a galla il perché della sua diffusione e le amare conseguenze che questo comporta in termini di gestione dei rifiuti e di inquinamento ambientale. L’imperativo che emerge è che dobbiamo assolutamente farne a meno. La notizia incoraggiante è che possiamo cominciare dal nostro quotidiano a ridurre l’utilizzo della plastica, perché il riciclo non è affatto la soluzione ideale nel lungo periodo e perché le implicazioni sulla salute dell’uomo e dell’ambiente non lascia spazio a segnali incoraggianti, se non invertiamo la rotta.

In questo incontro abbiamo inoltre approfondito il complesso e variegato mondo delle bioplastiche, soprattutto per il loro corretto smaltimento che, purtroppo, spesso lascia a desiderare a causa della diversità dei singoli sistemi di smaltimento dei rifiuti dei differenti comuni italiani.
Nella parte finale, occhio alle proposte: come partire dal basso, cioè dalle nostre scelte quotidiane, per poter davvero fare a meno della plastica quando possibile?

Ed infine un occhio anche all’attualità: il coronavirus e le sue conseguenze hanno fatto calare l’attenzione, in questi mesi, riguardo le tematiche della plastica e del rifiuto monouso. Come ci comportiamo nei confronti di guanti e mascherine, che in queste ore stanno già invadendo le nostre spiagge e i cigli delle nostre strade?

Tutte le proposte in questo video

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
I rifiuti e i PFU nei boschi siciliani si “combattono” con informazione e consapevolezza
I rifiuti e i PFU nei boschi siciliani si “combattono” con informazione e consapevolezza

RAEE e riciclo di rifiuti elettronici: a che punto siamo in Italia?
RAEE e riciclo di rifiuti elettronici: a che punto siamo in Italia?

Termovalorizzatore a Gioia Tauro: una questione ancora aperta, ma c’è chi dice no
Termovalorizzatore a Gioia Tauro: una questione ancora aperta, ma c’è chi dice no

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Intelligenza artificiale è fra noi – #634

|

Dal porto di Genova stanno transitando sempre più armamenti: cosa sta succedendo?

|

Una Talent House per coltivare il capitale umano e riscrivere la narrazione delle aree interne – Io Faccio Così #349

|

Coca-Cola è la regina dei rifiuti plastici: cosa fare per fermare le multinazionali inquinanti?

|

Cosa porta sofferenza e cosa porta felicità? Alcune riflessioni sulla ricerca spirituale

|

Tra falafel e cultura, a Palermo Fateh Hamdan si batte per la Palestina e i diritti civili

|

RECUP Roma: “Ridiamo un valore sociale a quel cibo che ha perso valore economico”

|

Il Gridas e il “modello Scampia”: unire le forze per far rinascere le periferie – Dove eravamo rimasti #6