1 Giu 2020

Persone, famiglie e comunità: l’innovazione di CIFA per i suoi 40 anni

Scritto da: Roberto Vietti

Cifa compie quarantanni e per questo importante anniversario continua ad evolvere, incentrando sempre più il suo operato sulle persone, coinvolgendole in prima persona in progetti sull'ambiente, l'educazione, la migrazione, la non discriminazione e lo sviluppo di servizi per le famiglie.

Torino - È un compleanno speciale quello festeggiato da Cifa, Centro Internazionale per l’infanzia e la famiglia. Quaranta candeline per celebrare l’esperienza e la maturità che ha saputo accumulare in questi anni d’intenso lavoro e allo stesso tempo per rilanciarsi con tante novità sul futuro.

Cifa è una organizzazione non governativa (ONG) che nasce a Torino nel 1980, con l’obiettivo di trovare famiglia a tanti bambini abbandonati. Parliamo di numeri importanti: l’organizzazione infatti ha lavorato con più di 5.000 coppie che hanno accolto a loro volta 5.000 bambini e bambine. Oltre a questo ha garantito l’accesso all’istruzione e alla formazione professionale di circa 60.000 giovani, sviluppando in parallelo percorsi educativi sui diritti umani e sull’ambiente, in cui poter dare spazio alle loro capacità in un contesto protetto e sicuro.

CifaOng1 1
Sito web di Cifa

Un percorso entusiasmante, che è dunque giusto celebrare anche e soprattutto in vista degli importanti cambiamenti che l’organizzazione si presta a realizzare per il domani.

Nel tempo, infatti, l’impegno di Cifa è evoluto, passando da un focus inizialmente orientato sui bambini a un’ottica più ampia, in grado di occuparsi non solo della fragilità dei piccoli ma impegnandosi concretamente per l‘ambiente, l’educazione, la migrazione, la non discriminazione e lo sviluppo di servizi per le famiglie.

CifaOng2
Ambiti di intervento di CIFA

Ecco perché, a quarantanni dalla sua nascita, Cifa si trasforma: da Cifa for children a Cifa for people. D’altronde, i giovani che ha seguito li ha visti crescere, maturare e diventare adulti, occupandosi di loro, delle loro famiglie e delle loro comunità. In una parola delle persone. Parliamo di un’organizzazione che continua a occuparsi dei bambini ma che ora lavora anche per i giovani affinché possano diventare gli attori di un futuro sostenibile da un punto di vista ambientale, economico e sociale.

Per tutte queste ragioni si è così giunti a ridefinire e riposizionare l’organizzazione con quella che gli esperti di economia definiscono una nuova brand identity che ha, tra l’altro, visto la creazione di un nuovo logo, più moderno e giovane, in grado di rappresentare al meglio l’operato di Cifa. Assieme al logo, è stato lanciato il nuovo sito web, che vi invitiamo a esplorare per meglio comprendere e approfondire i diversi progetti in divenire.

CifaOng3
Progetto #Sostenibilmente

Tra i diversi progetti portati avanti da Cifa segnaliamo Hatetrackers, nato per combattere l’hate speech online in Italia attraverso l’educazione alle fake news, che coinvolge attivamente i giovani e le scuole nelle operazioni di tracciamento dei discorsi d’odio diffusi nel Web e Sostenibilmente, progetto di educazione ambientale, che porta i temi dello sviluppo sostenibile e dell’impatto ambientale nelle scuole italiane, con la creazione di laboratori didattici, spettacoli teatrali ed eventi culturali e che ha visto Italia Che Cambia tra i soggetti coinvolti nella sua realizzazione.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Elisa Nicoli: “Autoproduco e parlo di green non per moda ma perché sono i valori a cui mi ispiro”
Elisa Nicoli: “Autoproduco e parlo di green non per moda ma perché sono i valori a cui mi ispiro”

Autosufficienza e consumo critico: ecco come vivere in maniera etica ed ecologica – Un viaggio lungo dieci anni #5
Autosufficienza e consumo critico: ecco come vivere in maniera etica ed ecologica – Un viaggio lungo dieci anni #5

Da Berrino a Lumera, appuntamento al Macrolibrarsi Fest per parlare di stili di vita sostenibili
Da Berrino a Lumera, appuntamento al Macrolibrarsi Fest per parlare di stili di vita sostenibili

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Myanmar, le responsabilità dell’occidente a due anni dal golpe – #663

|

“Mi sono trasferita in campagna per dedicarmi alla terra: qui il tempo passa in modo diverso”

|

Dagli scarti del cacao ai fogli: una nuova carta ecologica sbarca a Genova

|

Il messaggio di nonviolenza di Ghandi settantacinque anni dopo

|

Monte San Primo: i cittadini si mobilitano per salvare la montagna dal business del turismo

|

Capra Libera Tutti, il santuario che salva gli animali dal mattatoio e diffonde la cultura del rispetto

|

Il nuovo progetto discusso dello Ski Dome a Cesana: una pista da sci anche in estate?

|

Bici&Radici: fiori e biciclette per portare bellezza nella metropoli