Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
1 Giu 2020

Persone, famiglie e comunità: l’innovazione di CIFA per i suoi 40 anni

Scritto da: Roberto Vietti

Cifa compie quarantanni e per questo importante anniversario continua ad evolvere, incentrando sempre più il suo operato sulle persone, coinvolgendole in prima persona in progetti sull'ambiente, l'educazione, la migrazione, la non discriminazione e lo sviluppo di servizi per le famiglie.

È un compleanno speciale quello festeggiato da Cifa, Centro Internazionale per l’infanzia e la famiglia. Quaranta candeline per celebrare l’esperienza e la maturità che ha saputo accumulare in questi anni d’intenso lavoro e allo stesso tempo per rilanciarsi con tante novità sul futuro.

Cifa è una organizzazione non governativa (ONG) che nasce a Torino nel 1980, con l’obiettivo di trovare famiglia a tanti bambini abbandonati. Parliamo di numeri importanti: l’organizzazione infatti ha lavorato con più di 5.000 coppie che hanno accolto a loro volta 5.000 bambini e bambine. Oltre a questo ha garantito l’accesso all’istruzione e alla formazione professionale di circa 60.000 giovani, sviluppando in parallelo percorsi educativi sui diritti umani e sull’ambiente, in cui poter dare spazio alle loro capacità in un contesto protetto e sicuro.

Sito web di Cifa

Un percorso entusiasmante, che è dunque giusto celebrare anche e soprattutto in vista degli importanti cambiamenti che l’organizzazione si presta a realizzare per il domani.

Nel tempo, infatti, l’impegno di Cifa è evoluto, passando da un focus inizialmente orientato sui bambini a un’ottica più ampia, in grado di occuparsi non solo della fragilità dei piccoli ma impegnandosi concretamente per l‘ambiente, l’educazione, la migrazione, la non discriminazione e lo sviluppo di servizi per le famiglie.

Ambiti di intervento di CIFA

Ecco perché, a quarantanni dalla sua nascita, Cifa si trasforma: da Cifa for children a Cifa for people. D’altronde, i giovani che ha seguito li ha visti crescere, maturare e diventare adulti, occupandosi di loro, delle loro famiglie e delle loro comunità. In una parola delle persone. Parliamo di un’organizzazione che continua a occuparsi dei bambini ma che ora lavora anche per i giovani affinché possano diventare gli attori di un futuro sostenibile da un punto di vista ambientale, economico e sociale.

Per tutte queste ragioni si è così giunti a ridefinire e riposizionare l’organizzazione con quella che gli esperti di economia definiscono una nuova brand identity che ha, tra l’altro, visto la creazione di un nuovo logo, più moderno e giovane, in grado di rappresentare al meglio l’operato di Cifa. Assieme al logo, è stato lanciato il nuovo sito web, che vi invitiamo a esplorare per meglio comprendere e approfondire i diversi progetti in divenire.

Progetto #Sostenibilmente

Tra i diversi progetti portati avanti da Cifa segnaliamo Hatetrackers, nato per combattere l’hate speech online in Italia attraverso l’educazione alle fake news, che coinvolge attivamente i giovani e le scuole nelle operazioni di tracciamento dei discorsi d’odio diffusi nel Web e Sostenibilmente, progetto di educazione ambientale, che porta i temi dello sviluppo sostenibile e dell’impatto ambientale nelle scuole italiane, con la creazione di laboratori didattici, spettacoli teatrali ed eventi culturali e che ha visto Italia Che Cambia tra i soggetti coinvolti nella sua realizzazione.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’agricoltura indiana nel caos! – Io Non Mi Rassegno #264

|

Progetto Happiness: in viaggio intorno al mondo alla ricerca della felicità

|

Irene, la pittrice che dipinge gli sguardi delle donne vittime di violenza

|

Undici proposte per salvare i nuovi centri culturali a rischio chiusura

|

WhO RU: la scoperta della Rigenerazione Urbana giunge alla seconda fase

|

What Women Want: uno scambio di doni tra sconosciute per sentirci più vicine

|

Alessandro Ricci, l’artista che dipinge con lo smog per denunciare l’inquinamento

|

Il sogno di due giovani del Casentino diventa esempio virtuoso per le acquacolture nel mondo