29 Giu 2020

I Negozi di Sampierdarena: rilanciare le botteghe per ridar vita al quartiere

Scritto da: Valentina D'Amora

Dopo il lockdown due fotografi genovesi hanno deciso di realizzare un book fotografico dedicato ai negozi di Sampierdarena, caratteristico e popoloso quartiere di Genova dal variegato tessuto commerciale. L'obiettivo è quello di promuovere il rilancio e la riqualificazione della zona attraverso un progetto di unione e solidarietà che ha già coinvolto più di cento negozianti.

Genova - Sampierdarena è un quartiere policromatico, dalle innumerevoli sfaccettature e che conserva il suo aspetto rurale, con stradine e scalinate che attraversano orti e frutteti e portano ai sentieri per i forti Crocetta e Tenaglie. Una delle zone più popolose della città, in cui ribolle un notevole melting pot culturale e in cui si trova uno dei simboli di Genova, la Lanterna, il faro funzionante più antico del mondo e il più alto del Mediterraneo.

PuntoLabGENOVA
Autoscatto dei fotografi Ilaria Murtas e Stefano Seria

Qui, dopo il lockdown, sono molte le imprese che hanno dovuto fare i conti con una crisi economica senza precedenti, che s’è aggiunta ai disagi, anche logistici, del crollo del Ponte Morandi. «Quest’emergenza sanitaria ci ha messi tutti alla prova – raccontano Ilaria Murtas e Stefano Seria, due dei titolari dello studio fotografico PuntoLab – ma ci ha fatto capire quanto sia importante restare uniti». Da questo pensiero è nato “I Negozi di Sampierdarena – #resistiamoinsieme”, un progetto che unisce la solidarietà alla voglia di raccontare, per immagini, le realtà di qualità di questo quartiere genovese. L’equipe di fotografi, da fine maggio, si sposta all’interno dell’area municipale, immortalando tutte le attività e i negozi che hanno deciso di unirsi all’iniziativa per promuovere al meglio la zona.


«Il punto di forza di Sampierdarena, che ha un enorme potenziale, è proprio il suo variegato tessuto commerciale – spiega Stefano – che va dalle botteghe storiche, dalla forte tradizione, a quelle più giovani e innovative».

Panettieri, giocattolai, estetiste, parrucchieri, vinai, baristi, designer, tappezzieri, arredatori, albergatori, ristoratori, gelatai e molti altri. In 107 hanno già aderito all’iniziativa e credono che, nonostante le avversità, l’unione faccia la forza. Ed è importante farlo sapere a tutta la città.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Basilisco
Il panificio Il Basilisco, vincitore della puntata genovese di PizzaHero – La sfida dei forni

Così è nato l’hashtag “#rEsistiamoinsieme”, allegato a tutte le fotografie finora pubblicate sulla pagina Facebook dello studio. Perché mai come ora esistere è sinonimo di resistere, e solo insieme si potrà rincominciare.

Chiunque desideri può farsi ritrarre gratuitamente dai fotografi, che concorderanno un appuntamento per lo scatto. «Pensavamo da tempo di imbarcarci in questa avventura per aiutare Sampierdarena, per molti un quartiere da evitare», sorride Ilaria. Poi c’è stato il lockdown. Al momento della riapertura, i fotografi si sono guardati e si sono detti: «È questo il momento».

E da un giorno all’altro, Ilaria e Stefano hanno iniziato a percorrere le vie del quartiere, “bussando a ogni negozio”, con una bella proposta in tasca e tanto entusiasmo nel cuore.

«Abbiamo fotografato gli esercizi commerciali all’interno, ma, soprattutto, volevamo immortalare i negozianti, perché sono le persone a fare il quartiere». E, scorrendo le foto dell’album, si vedono innumerevoli sorrisi, anche sotto la mascherina.

È sufficiente uno scatto per riqualificare un quartiere in difficoltà? Certamente no, ma stanno diventando sempre più numerose le iniziative volte a risollevare la zona dalla crisi economica e dal declino. E vedere la passione con cui questi ragazzi desiderano fare rete, dopo mesi in cui siamo rimasti isolati, azzerando ogni rapporto umano, sottolinea l’importanza di dimostrare la propria vicinanza agli altri, dal vivo, non filtrati da uno schermo. Perché nessuno si salva da solo.

Vuoi cambiare la situazione
dell'imprenditoria in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Imprenditori sovversivi: lavorare meno, ma meglio

Orme nel Parco: in Calabria il III° raduno delle imprese eretiche

NATworking: la rete dedicata a chi vuole lavorare in natura
NATworking: la rete dedicata a chi vuole lavorare in natura

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Milarepa, il collettivo che recupera i muretti a secco liguri

|

Vinokilo, il mercato circolare di abiti usati venduti al chilo

|

Piantare alberi salverà il mondo, ma attenzione a come lo fate

|

Lightdrop, la piattaforma che sostiene relazioni e territorio, cerca collaboratori

|

Ballottaggi: e ci ostiniamo a chiamarla maggioranza! – Aspettando Io Non Mi Rassegno #4

|

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita