1 Lug 2020

Elisa, la mastra birraia che mette in rete i piccoli produttori artigianali

Scritto da: Valentina D'Amora

Fare birre valorizzando i prodotti del territorio e creando una rete di produttori amici che collaborano insieme per il bene comune. Nella piccola frazione di Torza, in provincia di La Spezia, si trovano il Birrificio La Taverna del Vara e la mastra birraia Elisa, che dopo essere “tornata alla terra” ha dato vita a questa attività.

La Spezia - Ho conosciuto Elisa Lavagnino, la mastra birraia e fondatrice del piccolo birrificio Taverna del Vara, con le note di Rino Gaetano in sottofondo, durante uno dei sabati d’estate in cui allestisce un beer garden con spaccio di prodotti locali.

Mi racconta la sua storia nel luppoleto: lavorava come ricercatrice linguistica all’università, poi, dopo un percorso di ricerca in Francia, Elisa decide di tornare nella sua terra, a cui è molto legata. Nel 2015 fonda l’azienda agricola che coltiva luppolo e inizia a produrre birre che ricordano il suo territorio, a partire dai nomi: oltre a chiamarsi come i paesi della valle, richiamano anche gli ingredienti impiegati nella preparazione, dalla Suvero alla Lampo, un’inedita birra al lampone. E se in val di Vara tutti ormai conoscono la “birra di Elisa”, significa che il suo entusiasmo ha contaminato le birre e la sua reputazione.

elisa
Elisa, mastra birraia e fondatrice del piccolo birrificio Taverna del Vara

Il birrificio si sviluppa nella vecchia azienda di famiglia: dove dal dopoguerra fino ai primi del 2000 i nonni preparavano spume e rivendevano acqua in bottiglia, oggi vengono spillate queste birre dalla filiera cortissima. Tutti coloro che oggi lavorano nel birrificio amano il contatto diretto con le persone ed è proprio nelle relazioni che hanno posto le vere radici dell’attività.

«Come vedi – sorride Elisa – sono una chiacchierona ed è semplicemente così che siamo riusciti a creare una rete informale di piccoli produttori come noi, che ci forniscono alcune delle materie prime con cui realizziamo le nostre birre, come le castagne, il farro, i lamponi o il miele». Una rete itinerante che viaggia anche per festival e sagre locali.

WhatsApp Image 2020 07 01 at 05.41.53
Elisa durante uno dei mercatini di prodotti locali

Durante il lockdown hanno naturalmente rallentato la produzione, ma sono riusciti comunque a “galleggiare”, grazie a qualche spedizione e alle consegne a domicilio che li hanno portati a viaggiare tra Genova e La Spezia per consegnare le loro “birrette” fin sulla porta di casa di chi voleva spezzare la monotonia della quarantena.

Il piccolo birrificio di Elisa si trova a Torza, in Val di Vara, valle dichiarata biologica nel levante ligure, sulla statale 523, che collega l’Emilia con la costa ligure. Vi consiglio un salto a farle visita durante i beer garden del sabato: troverete un ambiente godibile, tra tavoli in legno colorati (e un’amaca!), per provare le sue birre, apprezzando la musica dal vivo in sottofondo. E la compagnia di Elisa.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Villarè: a Messina la fattoria urbana che fa scuola di imprenditoria etica
Villarè: a Messina la fattoria urbana che fa scuola di imprenditoria etica

Boccia-cosi duci, dalla ricetta misteriosa di un panettone una passione si trasforma in progetto
Boccia-cosi duci, dalla ricetta misteriosa di un panettone una passione si trasforma in progetto

Filo.sofia: “Attraverso i nostri capi in bamboo cerchiamo di diffondere la sostenibilità mentale”
Filo.sofia: “Attraverso i nostri capi in bamboo cerchiamo di diffondere la sostenibilità mentale”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il problema della siccità non è scomparso – #661

|

Mouloud, la bottega tessile nata sulle isole Eolie tra tradizione e sostenibilità ambientale e sociale

|

Baskin, il basket più bello e più inclusivo in cui atleti disabili e non giocano insieme

|

Ashoka fellow: è aperta la chiamata per innovatori e innovatrici sociali da inserire nella rete

|

La scuola condivisa che esce dalle mura scolastiche: a Chieri un nuovo patto di collaborazione

|

È tutto pronto per il Carnevale di Scampia, fra fermento sociale e ingiustizie burocratiche

|

Capire l’India contemporanea

|

Dalla sintesi fra oriente e occidente alla rivoluzione dell’educazione: il futuro secondo Sujith Ravindran – Meme! #43