Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
1 Lug 2020

Elisa, la mastra birraia che mette in rete i piccoli produttori artigianali

Scritto da: Valentina D'Amora

Fare birre valorizzando i prodotti del territorio e creando una rete di produttori amici che collaborano insieme per il bene comune. Nella piccola frazione di Torza, in provincia di La Spezia, si trovano il Birrificio La Taverna del Vara e la mastra birraia Elisa, che dopo essere “tornata alla terra” ha dato vita a questa attività.

Ho conosciuto Elisa Lavagnino, la mastra birraia e fondatrice del piccolo birrificio Taverna del Vara, con le note di Rino Gaetano in sottofondo, durante uno dei sabati d’estate in cui allestisce un beer garden con spaccio di prodotti locali.

Mi racconta la sua storia nel luppoleto: lavorava come ricercatrice linguistica all’università, poi, dopo un percorso di ricerca in Francia, Elisa decide di tornare nella sua terra, a cui è molto legata. Nel 2015 fonda l’azienda agricola che coltiva luppolo e inizia a produrre birre che ricordano il suo territorio, a partire dai nomi: oltre a chiamarsi come i paesi della valle, richiamano anche gli ingredienti impiegati nella preparazione, dalla Suvero alla Lampo, un’inedita birra al lampone. E se in val di Vara tutti ormai conoscono la “birra di Elisa”, significa che il suo entusiasmo ha contaminato le birre e la sua reputazione.

Vuoi cambiare la situazione
del lavoro in italia?

ATTIVATI

Elisa, mastra birraia e fondatrice del piccolo birrificio Taverna del Vara

Il birrificio si sviluppa nella vecchia azienda di famiglia: dove dal dopoguerra fino ai primi del 2000 i nonni preparavano spume e rivendevano acqua in bottiglia, oggi vengono spillate queste birre dalla filiera cortissima. Tutti coloro che oggi lavorano nel birrificio amano il contatto diretto con le persone ed è proprio nelle relazioni che hanno posto le vere radici dell’attività.

«Come vedi – sorride Elisa – sono una chiacchierona ed è semplicemente così che siamo riusciti a creare una rete informale di piccoli produttori come noi, che ci forniscono alcune delle materie prime con cui realizziamo le nostre birre, come le castagne, il farro, i lamponi o il miele». Una rete itinerante che viaggia anche per festival e sagre locali.

Elisa durante uno dei mercatini di prodotti locali

Durante il lockdown hanno naturalmente rallentato la produzione, ma sono riusciti comunque a “galleggiare”, grazie a qualche spedizione e alle consegne a domicilio che li hanno portati a viaggiare tra Genova e La Spezia per consegnare le loro “birrette” fin sulla porta di casa di chi voleva spezzare la monotonia della quarantena.

Il piccolo birrificio di Elisa si trova a Torza, in Val di Vara, valle dichiarata biologica nel levante ligure, sulla statale 523, che collega l’Emilia con la costa ligure. Vi consiglio un salto a farle visita durante i beer garden del sabato: troverete un ambiente godibile, tra tavoli in legno colorati (e un’amaca!), per provare le sue birre, apprezzando la musica dal vivo in sottofondo. E la compagnia di Elisa.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Acque contaminate, impollinatori in pericolo e scampi tritaplastica – Io Non Mi Rassegno #177

|

La tana di Jo: letture e movimento per crescere in natura

|

Fianco a fianco: “Aiutiamo i ragazzi stranieri a realizzarsi in Italia”

|

Pensa 2040: “Costruiamo una rete di buone pratiche contro le mafie”

|

Al via Ecofuturo: “Salviamo il pianeta e l’economia con le eco-innovazioni!”

|

Il Mio Nido di Treviglio: rivoluzionare la scuola a partire da 0 anni! – Scuola che Cambia #7

|

Si conclude la prima parte di IT.A.CÀ, il festival del turismo responsabile

|

Sei anni di energia rinnovabile, etica, sostenibile: ènostra festeggia con sconti e promozioni