Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
15 Lug 2020

Storie di piccoli produttori resistenti ai tempi del Covid-19

Italia che Cambia è mediapartner di “Forza della natura”, una docu-serie dedicata alle storie di sette produttori locali che operano tra le Marche e l'Emilia Romagna e che durante i tempi difficili del Covid-19 non si sono fermati. Abbiamo intervistato i registi, Lorenzo Malavolta e Lucia Mauri, insieme LUMA video.

“Vogliamo dare voce a chi, nonostante tutte le paure e le difficoltà, sta portando avanti quotidianamente la propria attività a testa alta, dimostrando l’importanza di coltivare il nostro futuro”. Nasce da qui per iniziativa di due giovani registi l’idea di realizzare la docu-serie “Forza della natura”, di cui Italia che Cambia è mediapartner. La serie vede come protagonisti piccoli produttori locali che lavorano a stretto contatto con la natura, che si stanno prendendo cura dei campi e dei propri animali nonostante le difficoltà del periodo. “Sono loro una forza della natura!”, ci dicono Lorenzo e Lucia, che abbiamo intevistato.

Potete presentarvi?
Siamo Lorenzo Malavolta e Lucia Mauri, insieme LUMA video, e siamo un duo di filmmaker specializzato nel realizzare contenuti video dal taglio documentaristico e storytelling. Da anni, lavoriamo fianco a fianco per la produzione di video che raccontano le storie di persone, aziende e artigiani.

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

ATTIVATI

Come nasce il progetto Forza della natura e di cosa si tratta?
La docu-serie “Forza della natura” è nata dalla nostra voglia di raccontare le storie di sette piccole attività agroalimentari che durante il periodo difficile dovuto al Covid-19 non si sono mai fermate. Continuare a dedicarsi ai propri campi e prendersi cura dei propri animali anche durante la quarantena non è stata una scelta, ma una necessità, anche perché la natura non ci aspetta, va curata e rispettata giorno dopo giorno.

Presso la Biopastoreria

A che punto sono le riprese e come stanno andando?
Le riprese sono quasi concluse, mancano giusto gli ultimi due episodi che filmeremo nelle Marche la prossima settimana. Solitamente passiamo una giornata intera insieme ai protagonisti del video così da immergerci al massimo nella loro realtà e capire il messaggio che vogliono trasmettere attraverso il loro lavoro. A fine giornata, nonostante la stanchezza, ci sentiamo davvero rigenerati e riconoscenti verso queste persone che ci hanno dedicato il loro tempo. Ancora ci sorprendiamo di come sia possibile decidere di aprirsi a due completi estranei raccontando la propria storia, i pensieri più profondi e le proprie speranze per il futuro. Ci sentiamo molto fortunati e non lo daremo mai per scontato.

Perché avete scelto di non avere sponsor e di autofinanziare il progetto?
Forza della natura è nata come un’autoproduzione per diversi motivi. Primo fra tutti, la voglia di renderci utili in questo periodo difficile dovuto al Coronavirus, raccontando a modo nostro questo momento storico e trasmettendo un messaggio di speranza verso il futuro. In più, volevamo farlo in fretta, senza dover per forza avere degli sponsor per avviare il progetto e renderlo realtà. Abbiamo comunque deciso di dare alle persone la possibilità di dirci grazie per il nostro lavoro attraverso piccole donazioni, nella pagina Sostienici del nostro sito.

Chi sono i protagonisti degli episodi e come li avete selezionati?
I protagonisti sono piccole attività agroalimentari fra Marche e Emilia Romagna, le nostre rispettive regioni d’origine. Abbiamo coinvolto aziende agricole biologiche, micro-caseifici, apicoltori e vivai. Il filo conduttore fra tutte queste realtà è sicuramente la filosofia che portano avanti, fatta di rispetto per la natura, forti legami con il territorio e valori come la biodiversità e la sostenibilità, che mettono in pratica attraverso il loro lavoro.

Con l’apicoltore Luca Bianchi

Che valore ha a vostro avviso il racconto di queste storie di piccoli produttori in questo particolare momento storico?
Le storie di questi piccoli produttori ci fanno fermare a riflettere su una realtà diversa dalla dimensione caotica in cui molti di noi vivono tutti i giorni. Ci fanno riscoprire i ritmi lenti, i tempi scanditi dalla natura, i lavori con le mani immerse nella terra e a contatto con gli animali.

Ci fanno anche capire quanto sia importante come consumatori sostenere e affidarci alle produzioni locali (che spesso abbiamo dietro casa senza nemmeno saperlo), conoscere i prodotti che mangiamo e i produttori che ci sono dietro, sapere come lavorano e quali prodotti utilizzano o non utilizzano.

Durante le riprese vi ha colpito qualcosa in particolare?
Quello che ci ha colpito di più è stato entrare a contatto con un mondo così diverso dal nostro, anche lavorativamente parlando, ma allo stesso tempo sentirlo così vicino ai nostri valori.

Inoltre, abbiamo avuto la percezione che queste persone siano tranquille, in pace. Certo, lavorano tantissimo, ma non gli pesa, perché fanno qualcosa di bello che li fa stare bene. È come se avessero capito qualcosa in più dalla vita, un senso più grande che li ha fatti scegliere di vivere a contatto con la natura.

Presso l’azienda Coste del Sole

Dove e in che modalità verrà pubblicata la docu-serie?
Gli episodi della docu-serie escono ogni venerdì alle 12:00 sul sito forzanatura.it, ma anche sul nostro canale Youtube e su IGTV. Dal 3 luglio al 14 agosto, ogni settimana faremo scoprire al pubblico una nuova storia.

Cosa potete dirci di LUMA video e dei vostri precedenti lavori?
Il bello del nostro lavoro è che è in continua evoluzione: da un lato, collaboriamo con aziende e agenzie per supportarli nella promozione strategica online e offline, ma allo stesso tempo, coltiviamo progetti personali in cui crediamo.

Nel 2018 è nata Le mani di Milano, la nostra prima docu-serie che racconta le storie di nove giovani che hanno lasciato la loro città e un lavoro sicuro per seguire la propria passione e diventare artigiani nella città meneghina, mentre a fine 2019 abbiamo organizzato una campagna crowdfunding per la produzione di Intrecci Etici, il nostro documentario sulla moda etica e sostenibile in Italia.

Noi crediamo che il video sia un mezzo importantissimo per poter trasmettere messaggi positivi di cambiamento. Quello che vogliamo fare attraverso il nostro lavoro è stimolare le persone a riflettere sul mondo e ad agire per cambiare le situazioni che gli stanno strette.

Leggi tutti gli articoli sui protagonisti della docu-serie Forza della Natura

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Città o paesi, dove abiteremo in futuro? – Io Non Mi Rassegno #234

|

Paolo Pallavidino: “Vado a vivere sotto i ponti per affrontare le mie paure”

|

Il Visual Garden di Ilaria: “Cambio vita e lancio un progetto per valorizzare il centro storico di Genova”

|

La scuola italiana è in crisi, ma un aiuto può arrivare dall’homeschooling

|

Il turismo responsabile che in Campania sostiene l’impegno sociale

|

Un’altra politica esiste già. Incontro con Marco Boschini ed i Comuni Virtuosi – Dove eravamo rimasti #1

|

Un sogno di comunità per riportare in vita il borgo rurale di Oscata

|

La sfida di Marco: si licenzia e fa il fotografo freelance… anche per suo figlio