26 Ago 2020

Festival delle Cose Belle: arte, musica e socialità in mezzo al bosco

Scritto da: Redazione

Due giorni di musica, arte, teatro, yoga e poesia immersi nel bosco di Passolanciano (CH) alla ricerca di nuove forme di socialità consapevole: questo è stato il “Festival delle Cose Belle – Ferragosto Resistente 2020” del collettivo Aware – Bellezza Resistente.

Durante il weekend di Ferragosto, nel cuore della caratteristica località di montagna di Passolanciano, in provincia di Chieti, ha avuto luogo un festival unico nel suo genere: immersi nella natura incontaminata del Parco Nazionale della Majella, più di trecento persone di età diverse si sono date appuntamento per celebrare la bellezza che nasce dal mescolare arti lontane e riflettere insieme su alcuni dei temi più rilevanti dell’attualità internazionale.

È stato il Festival delle Cose Belle del collettivo Aware – Bellezza Resistente, intitolato “Ferragosto Resistente 2020”: un momento di incontro in cui persone e arti diverse, voci e narrazioni lontane, hanno trovato uno spazio di raccordo e di confronto costruttivo. Il tutto nel totale rispetto delle misure igienico-sanitarie in vigore e della natura circostante. A mescolarsi sono state davvero esperienze e ambienti lontani: musica, arte, teatro, yoga, meditazione e poesia. A cucire ogni istante in un unico filo, la volontà di scoprire nuovi cammini di socialità capaci di unirci come individui, soprattutto oggi, soprattutto in questo periodo storico in cui la diffidenza e la paura sembrano aver scavato solchi indelebili sulla pelle indurita delle relazioni sociali.

festival delle cose belle 1

Garantendo sicurezza, prestando ogni cautela, Aware ha aperto uno spazio di incontro reale dove artisti/e e partecipanti hanno potuto vivere momenti di creatività e confronto congiungendo lo sguardo verso un orizzonte finalmente comunitario.

Il weekend è stato una esplosione di colori: il palco allestito tra i faggi del Parco Nazionale della Majella ha ospitato la performance di street-art di Giuseppe Mincone, il quale ha reso omaggio ai protagonisti delle antiche Feste di Augusto, i contadini. A seguire si sono accese le sonorità elettriche di band come The Young Nope e Vie delle Indecisioni, fino ad arrivare al sound elettronico del duo Frank Sinutre. Nella giornata di domenica, ad accompagnare le attività artistiche ci sono stati workshop e momenti di scoperta individuale: lo spazio di consapevolezza e meditazione offerto da Anna Paola Cesarini, il workshop teatrale di Cristina Baldassarre (CTS – Centro Teatro Studi) e l’esperienza di vinyasa yoga curata da Monica Sanjita Verì.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Non sono mancate, infine, occasioni di riflessione su grandi temi di attualità, come la lotta all’omobitransofobia, attraverso, in particolare, la proiezioni del cortometraggio “Irreversibile” di M. De Liberato, e la necessità di una transizione ecologica, grazie ad un intervento curato dal collettivo internazionale ambientalista Extinction Rebellion.

festival delle cose belle 2

Tutti i ricavati sono stati devoluti a favore delle attività sociali e culturali promosse dal collettivo Aware – Bellezza Resistente e dei progetti di sviluppo sostenibile dell’associazione AMKA Onlus, charity partner dell’evento. Per garantire il massimo rispetto delle norme sanitarie, all’ingresso lo staff di Aware – Bellezza Resistente ha provveduto a misurare la temperatura corporea di ogni partecipante e a far firmare le autocertificazioni riguardanti lo stato di salute ottimale. Hanno partecipato come organizzazioni partner Arcigay Chieti, Extinction Rebellion Italia, IAMÈ, 6000 Sardine Abruzzo, One shot production, CheSpettacolo e Old Tower Records.

“Il Festival delle Cose Belle – Ferragosto Resistente 2020 è stato un esperimento unico nel suo genere: nel mezzo della natura abbiamo mescolato stili e ambienti lontani offrendo un esempio virtuoso su come creare sinergia” dichiara Guglielmo Rapino, “i feedback ricevuti dai più di trecento partecipanti sono stati positivi: questo ci rende felice e ci spinge a pensare sin d’ora ad una nuova edizione per l’anno prossimo”.

Articoli simili
Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali
Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

Sosteniamo il TANA, centro artistico e ambientale colpito da un cataclisma
Sosteniamo il TANA, centro artistico e ambientale colpito da un cataclisma

Il cambiamento? Sei tu! Torna Vivi Consapevole Live
Il cambiamento? Sei tu! Torna Vivi Consapevole Live

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente

|

Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore

|

Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia

|

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo