5 Mar 2020

“Apri gli occhi”: un avvocato in Congo per aiutare chi non può difendersi

Scritto da: Redazione

Guglielmo Rapino, un giovane avvocato italiano, lascia alle spalle una vita di certezze per inseguire il sogno di aiutare gli uomini, le donne e i bambini che, nella Repubblica Democratica del Congo, beneficiano del supporto di AMKA Onlus. Con la sua partenza prende il via la campagna “Apri gli occhi”: un invito a cercare cosa c’è al di là delle nostre sicurezze e scoprire quanto noi, ovunque, possiamo essere cambiamento attivo, quotidianamente.

AMKA Onlus lancia la campagna “Apri gli occhi – In Congo con Ghiom” per la tutela dei diritti di base delle popolazioni che vivono nella regione del Katanga, nella Repubblica Democratica del Congo. Testimonial d’eccezione della campagna è il volontario dell’associazione Guglielmo Rapino, detto Ghiom, abruzzese, classe 1991, cuore immenso, estroso, un po’ folle.

Ghiom pict 3

Chi è Guglielmo? Un sognatore del 2020, la cui vita scorre senza intoppi nei binari di un futuro rassicurante, simile a quella di tanti altri ragazzi della sua età. Il diploma, poi la laurea in giurisprudenza e l’avvio di una promettente carriera da avvocato. Un giorno lo schema si rompe, Guglielmo si ricorda dell’innato istinto a portare giustizia che lo ha indotto a studiare legge e mette sottosopra ogni certezza. Capisce che le quattro mura dello studio legale internazionale non sono sufficienti a contenere questo spirito dirompente e decide di mettersi a disposizione di chi non ha mezzi per difendersi: immigrati, senza dimora, prostitute, i deboli della nostra società.

Per un anno intero vive e presta servizio in una comunità di accoglienza dove collabora come avvocato di strada. Successivamente parte per la Bolivia, dove lavora al fianco dei più deboli, sostenendo i ragazzi di strada nei percorsi di riabilitazione dalla tossicodipendenza e denunciando la violazione dei diritti umani di base, in particolare delle donne.

Guglielmo è ora in partenza per la Repubblica Democratica del Congo, come volontario, dove sosterrà i progetti di AMKA lottando in prima linea per garantire il diritto ad una vita dignitosa alle popolazioni del Katanga. Guglielmo è ora in partenza per la Repubblica Democratica del Congo, come volontario per AMKA Onlus.

GHIOM pict1

«AMKA è una delle organizzazioni che più ha segnato la mia esistenza – spiega Guglielmo – Sono stato in Congo durante il periodo dell’università e da allora il mio pensiero è sempre stato rivolto alle persone ed i luoghi lasciati tra le nuvole di terra rossa. Ho studiato giurisprudenza e lavorato per anni in uno studio legale internazionale, per poi capire che la mia missione fosse tornare tra quei volti e lottare in prima linea per il diritto ad una vita dignitosa. Con Amka avrò l’opportunità di rituffarmi nel Katanga, seguire le attività direttamente sul campo e scoprire l’impatto che in questi anni i progetti hanno avuto sugli sguardi gonfi di speranza incrociati nel 2012. Sarà l’occasione per essere motore di cambiamento utilizzando l’esperienza acquisita al fianco dei più deboli. La campagna si chiama “Apri gli occhi” proprio perché vuole essere un invito per tutti e tutte a cercare cosa c’è al di là delle nostre sicurezze e scoprire quanto noi, ovunque, possiamo essere cambiamento attivo, quotidianamente».

Al viaggio di Guglielmo, che resterà in Congo 5 mesi, è abbinata la campagna “Apri gli occhi – in Congo con Ghiomche ha lo scopo di raccogliere fondi da destinare ai progetti di AMKA in Congo nei settori educazione, tutela della salute, lotta alla malnutrizione, sviluppo delle attività produttive.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Articoli simili
Come trasformare il conflitto con creatività

InNaturaTalk: dal forest bathing ai dialoghi sulla natura
InNaturaTalk: dal forest bathing ai dialoghi sulla natura

Officina dei Beni Comuni: ripartire dall’emergenza per un nuovo welfare di comunità
Officina dei Beni Comuni: ripartire dall’emergenza per un nuovo welfare di comunità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Condannati ad estinguerci (ma è davvero così?) – #424

|

Al via le proteste di Extinction Rebellion Italia per chiedere giustizia climatica

|

A testa alta: “Vaccini e green-pass qual è la verità?” Un appello al mondo della scuola

|

#59 – Sant’Anna di Valdieri: il borgo recuperato dalle donne che credono nella montagna

|

Viviamo il capodanno 2022 in stile comunitario, progettando un ecovillaggio?

|

Alberi autoctoni da ripiantare dopo le feste per un Natale sostenibile

|

La terra dei Piripkura incontattati invasa e distrutta per la produzione di carne

|

L’abete rosso sacrificato per il Natale del Vaticano sta morendo ma “parla” ancora