11 Set 2020

Pistaaa: inaugurato il primo anello del percorso ciclabile con realtà aumentata

Scritto da: Luca Deias

Domenica 6 settembre si è tenuta una biciclettata lungo la "Blue way piemontese", la prima ciclovia dotata di segnaletica con informazione aumentata. Per l'occasione sono stati proposti i pannelli promozionali contenenti informazioni sul territorio cambianese e sulle aziende agricole che si trovano nella zona. Ecco tutti i dettagli dell'iniziativa e del progetto all'insegna della sostenibilità e del turismo di prossimità.

Torino - 12 km di percorso, 35 cartelli segnaletici: il progetto Pistaaa, dopo anni di lavori, sta coinvolgendo tutti i 45 Comuni del territorio interessato. Si tratta di un percorso in bici che non è una semplice tratta adibita ad attività sportiva, ma è costruito attorno a un progetto di promozione turistica, identità territoriale e sostenibilità.

Tutto è stato ideato nell’ottica di queste tre parole chiave, a partire dall’itinerario, che è composto prevalentemente da strade bianche, ovvero tratte incontaminate o coltivabili, scelte anche per non cementare nuovo suolo. Dove? Al termine del progetto il percorso si snoderà lungo numerose città piemontesi da Moncalieri a Castelnuovo Don Bosco, estendendosi ai territori della Collina Torinese, Chierese, Pianalto e Basso Monferrato.

Il circuito non è solo a basso impatto ambientale, ma è teso a favorire il turismo di prossimità attraverso arte e tecnologia. Ispirandosi all’equilibrio trinamico del Terzo Paradiso, la cartellonistica propone delle immagini realizzate da artisti locali dedicate al segno-simbolo di Pistoletto che mostrano (nei tre cerchi) dettagli significativi dell’area in cui sono ubicati.

Non solo, in questi strumenti l’arte incontra la tecnologia: oltre all’aspetto divulgativo e al messaggio di sostenibilità che ognuna delle opere trasmette, questa speciale segnaletica fornisce – attraverso l’informazione aumentata e una nuova app per smartphone – informazioni sul luogo in cui il ciclista si trova. Vengono dati, in quest’ottica, i dettagli sui beni del territorio, con nozioni sui patrimoni e i presidi circostanti o consigli su dove dormire e mangiare (come agriturismi o attività agricole), sempre in un’ottica di valorizzazione dei paesi – e dei relativi beni culturali e non – coinvolti nel progetto.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Ma c’è una caratteristica che rende unico questa iniziativa: si tratta della prima ciclovia dotata di segnaletica con informazione aumentata. Semplicemente scaricando l’app Pistaaa sul Play Store – per sistemi operativi Android – e puntando la fotocamera del proprio telefono sul disegno del Terzo Paradiso presente nei cartelli si ricevono informazioni relative a punti di interesse vicini.

Domenica 6 settembre è stato scritto un nuovo capitolo del progetto: da Cambiano è partita una biciclettata di circa 12 km che ha portato fino a Pecetto, con un itinerario ad hoc che ha permesso ai partecipanti di scoprire chiese, zone panoramiche, agriturismi e molto altro. Lungo il percorso, inoltre, l’esperta Martina Gizzi ha illustrato le caratteristiche e curiosità geologiche della zona ed è stata fatta una tappa artistica, presso l’Atelier dello scultore Giovanni Borgarello.

È stata anche la prima biciclettata durante la quale sono stati presentati i nuovi pannelli informativi e, per l’occasione, è stata inaugurata anche la cartellonistica Dalla Collina alla Cascina alla Cava, contenente informazioni inerenti al territorio cambianese e alle aziende agricole che si trovano lungo i percorsi delle sue strade bianche; le grafiche dei cartelli sono state realizzate dagli studenti del dipartimento D.A.D del Politecnico di Torino, nell’ambito del workshop La pagina come racconto visivo dell’anno scolastico 2017/18.

Tra le tante realtà che hanno preso parte al progetto, l’associazione CiòCheVale (insieme al Comune di Cambiano) è sicuramente quella che ha profuso più impegno e idee nel concepimento e nella successiva realizzazione dell’iniziativa. Alberto Guggino, nelle doppie vesti di presidente del sodalizio e ambasciatore Rebirth/Terzo Paradiso, ha ringraziato alcuni soggetti per il supporto fornito: “Un pensiero – ha affermato – va dedicato alla dottoressa Forestale Sara Alonzi, che ha apportato un prezioso contributo sulla documentazione della flora e fauna autoctona. L’aggiornamento al 2020 e l’arricchimento della cartellonistica di Pistaaa, invece, è stato ad opera dell’assessore Daniela Miron con il contributo di Barbara Cavagnero, erborista cambianese”.

Articolo tratto da: Journal Cittadellarte

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Un viaggio a piedi, senza soldi, a caccia di sogni: Darinka Montico e il suo “WalkaboutItalia”

Il Parco Letterario “Emma Perodi”

IT.A.CÀ riparte da Bologna fra trekking, concerti e degustazioni
IT.A.CÀ riparte da Bologna fra trekking, concerti e degustazioni

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Milarepa, il collettivo che recupera i muretti a secco liguri

|

Vinokilo, il mercato circolare di abiti usati venduti al chilo

|

Piantare alberi salverà il mondo, ma attenzione a come lo fate

|

Lightdrop, la piattaforma che sostiene relazioni e territorio, cerca collaboratori

|

Ballottaggi: e ci ostiniamo a chiamarla maggioranza! – Aspettando Io Non Mi Rassegno #4

|

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita