29 Set 2020

Genova e “Il ponte silenzioso”. Riflessioni di due anni dopo

Scritto da: Valentina D'Amora

Nato dal desiderio di fare qualcosa di concreto, ma durevole, per un territorio lacerato, nel tempo questo libro è diventato uno strumento di elaborazione psicologica della tragedia, ma anche di finanziamento di due progetti locali rivolti ai bambini e ai ragazzi della Valpolcevera.

Genova - Ripercorrere la storia di questo libro non è semplice. Quando è crollato il ponte Morandi mi trovavo in campagna da un’amica, in Val Borbera: un luogo di silenzio e di pace, dove si chiacchiera coi vicini di casa, si aspetta l’apertura del piccolo bar del paese e si gioca a ping-pong e volano. E dove i cellulari non prendono. Il posto perfetto per un ferragosto lontano dal caos.

La notizia del crollo ci arriva da una chiamata sul telefono fisso, unica nostra finestra sulla “realtà”. Ricordo la corsa in paese a chiedere informazioni agli altri abitanti. «Mia moglie è infermiera – ci spiega uno dei vicini di casa – l’hanno chiamata subito dall’ospedale San Martino, è in viaggio proprio adesso. La situazione è drammatica, ma si sa ancora poco». Era poco dopo mezzogiorno. Difficile descrivere quelle sensazioni. Credo che “smarrimento” sia un termine sufficientemente vago da raccogliere la paura, la confusione e l’incredulità che ci ha investito in quei minuti e nei giorni successivi.

Serena Russo 29 ottobre 2018
Foto di Serena Russo

Dal giorno del mio rientro a Genova, il 18 agosto, con la mia bimba di appena un anno in braccio, continuava a ronzarmi in testa una domanda: cosa posso fare di concreto per la mia città? E poi: come si può tenere traccia di tutte le reazioni sull’accaduto e trovarle in un unico posto?

Da lì, l’idea di dare vita a un “libro – diario”, completamente solidale, a sostegno di progetti sul territorio. Ho iniziato così a raccogliere testimonianze di ogni tipo, soccorritori, sfollati, abitanti di Certosa, sopravvissuti. Settimana dopo settimana, i pensieri si accumulavano, fino a novembre, quando leggo un pensiero di Nadia Porfido, psicologa, che paragonava il ponte Morandi ad un arto fantasma. Questa immagine mi colpisce molto, la contatto per chiederle di donarmi le sue parole. Oltre a essere autrice di questa testimonianza, partecipa attivamente al progetto: cataloga tutte le testimonianze raccolte, per dare un “senso” a quel filo rosso che lega le storie che sono state inserite nel libro, percorrendo un ideale iter che tutti, in qualche modo, intraprendono durante un lutto o un evento profondamente spiacevole. 

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Un modo per fornire strumenti di elaborazione a chi, esattamente come noi, ne era sprovvisto, pervaso da un senso di sbigottimento che non ci ha lasciato per diversi mesi.

BookCopertina 1

Chi ha acquistato il libro sa che il ricavato è stato devoluto a Un villaggio per crescere, di cui abbiamo parlato qui, e Progetto 4G Giovani Generazioni in Gioco per la Governance, della cooperativa Coopssee, che ha coinvolto decine di giovani in attività di tutela del territorio, per la sua bonifica, manutenzione e valorizzazione.

5

In ultimo, “Il Ponte silenzioso” è un libro che parla di Valpolcevera, che qui è stato scritto e impaginato, da un grafico di Certosa, Matteo Pulina, che ha saputo rendere il bisogno di silenzio con una grafica pulita, ma loquace. E qui è stato stampato: la casa editrice KC, la prima tipografia ecologica in Liguria, oltre a stampare a basso impatto ambientale, porta avanti un progetto formativo che coinvolge i detenuti della Casa Circondariale di Pontedecimo, grazie alla collaborazione del Ministero della Giustizia.

E, a due anni di distanza dal crollo, ricevere il messaggio di un lettore che trova per caso questo libro e contatta l’editore per comunicargli la sua commozione e fargli i complimenti per il coraggio, mi dà ulteriore conferma che quell’idea che mi balenò in mente il 18 agosto per rendermi utile, pur non potendo distribuire fisicamente beni di prima necessità agli sfollati, fu giusta.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente

|

Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore

|

Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia

|

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo