15 Ott 2020

A Salerno nasce una casa condivisa per papà separati

Nasce a Salerno Ri-vivere insieme, un progetto di housing sociale rivolto a padri separati con difficoltà abitative che verranno inoltre accompagnati in un percorso di sostegno all'autonomia. La struttura potrà ospitare tre papà che qui avranno la possibilità di accogliere anche i figli.

Prende il via a Salerno Ri-vivere insieme, un progetto di housing sociale per padri separati, sostenuto da Fondazione Con Il Sud, e che coinvolge diversi enti del terzo settore nel salernitano, tra cui la cooperativa sociale Il Portico, nella rete di Confcooperative Federsolidarietà Campania. L’abitazione che ospiterà i papà si trova ad Aiello di Baronissi (SA) ed è stata messa a disposizione dall’associazione OASI, capofila della rete.

father 4104952 1920

Il progetto nasce dall’idea di offrire a padri separati con difficoltà socio-abitative servizi di housing sociale, percorsi di accompagnamento e di sostegno all’autonomia, per sperimentare un welfare generativo, in grado di praticare la solidarietà come stile del vivere comune.

«Siamo partiti da un’analisi dei bisogni territoriali e dalla dilagante diffusione di un fenomeno sociale negli ultimi anni, quello dei padri separati con figli che si trovano improvvisamente a vivere una condizione di disagio socio-economico», spiega Annalisa D’Angelo, coordinatrice del progetto e referente della cooperativa sociale il Portico che favorisce percorsi di sostegno alle famiglie e promuove attività socio-educative rivolte a bambini e ragazzi che si trovano a vivere condizioni di disagio socio-ambientale e familiare.

Il progetto è ora nella seconda fase. La prima è stata caratterizzata dal recupero edilizio e dell’arredo dell’immobile. In questa seconda fase si stanno svolgendo attività di promozione territoriale del progetto e percorsi di conoscenza, con persone potenzialmente interessate al progetto e segnalate da associazioni o parrocchie.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

IMG 20200709 1926071

La struttura potrà ospitare tre papà, con la possibilità di accogliere anche i figli. Come spiega Annalisa D’Angelo, infatti, «la situazione che caratterizza e favorisce l’accoglienza nella struttura è quella di vivere un disagio sociale, economico ed umano a causa della separazione volendo favorire la serena frequentazione dei figli, laddove questa non è consentita da un problema abitativo, temporaneo, del papà».

I papà gestiranno in autonomia la casa che prevede spazi fisici comuni per favorire l’auto-mutuo aiuto tra chi sta vivendo una condizione simile. Gli operatori della Cooperativa sociale il Portico, nello specifico, si occuperanno di accompagnare i papà in percorsi di inclusione sociale, di attività abitative territoriali e, in collaborazione con l’Associazione Paideia, avvieranno percorsi di formazione professionale e borse lavoro per soggetti con difficoltà lavorative. L’accoglienza avrà, per ogni persona accolta, la durata massima di 18 mesi nel corso del quale, sarà favorita l’autonomia e un sostegno in un momento di difficoltà.

Articoli simili
Cohousing, l’arte del vivere insieme

Cosa succede se tre famiglie decidono di vivere insieme?

Un cohousing per far crescere l'autonomia dei ragazzi autistici

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”

|

E se il Covid ci avesse indicato la via per risolvere la crisi della scuola italiana?

|

In Piemonte c’è una “foresta condivisa” di cui tutti possono prendersi cura

|

IT.A.CÀ: in viaggio per il levante ligure per riconquistare il diritto a respirare

|

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

|

Te Araroa: un viaggio per sé stessi e gli altri oltre i propri limiti