Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
15 Ott 2020

A Salerno nasce una casa condivisa per papà separati

Nasce a Salerno Ri-vivere insieme, un progetto di housing sociale rivolto a padri separati con difficoltà abitative che verranno inoltre accompagnati in un percorso di sostegno all'autonomia. La struttura potrà ospitare tre papà che qui avranno la possibilità di accogliere anche i figli.

Prende il via a Salerno Ri-vivere insieme, un progetto di housing sociale per padri separati, sostenuto da Fondazione Con Il Sud, e che coinvolge diversi enti del terzo settore nel salernitano, tra cui la cooperativa sociale Il Portico, nella rete di Confcooperative Federsolidarietà Campania. L’abitazione che ospiterà i papà si trova ad Aiello di Baronissi (SA) ed è stata messa a disposizione dall’associazione OASI, capofila della rete.

Il progetto nasce dall’idea di offrire a padri separati con difficoltà socio-abitative servizi di housing sociale, percorsi di accompagnamento e di sostegno all’autonomia, per sperimentare un welfare generativo, in grado di praticare la solidarietà come stile del vivere comune.

Vuoi cambiare la situazione
dell'abitare in italia?

ATTIVATI

«Siamo partiti da un’analisi dei bisogni territoriali e dalla dilagante diffusione di un fenomeno sociale negli ultimi anni, quello dei padri separati con figli che si trovano improvvisamente a vivere una condizione di disagio socio-economico», spiega Annalisa D’Angelo, coordinatrice del progetto e referente della cooperativa sociale il Portico che favorisce percorsi di sostegno alle famiglie e promuove attività socio-educative rivolte a bambini e ragazzi che si trovano a vivere condizioni di disagio socio-ambientale e familiare.

Il progetto è ora nella seconda fase. La prima è stata caratterizzata dal recupero edilizio e dell’arredo dell’immobile. In questa seconda fase si stanno svolgendo attività di promozione territoriale del progetto e percorsi di conoscenza, con persone potenzialmente interessate al progetto e segnalate da associazioni o parrocchie.

La struttura potrà ospitare tre papà, con la possibilità di accogliere anche i figli. Come spiega Annalisa D’Angelo, infatti, «la situazione che caratterizza e favorisce l’accoglienza nella struttura è quella di vivere un disagio sociale, economico ed umano a causa della separazione volendo favorire la serena frequentazione dei figli, laddove questa non è consentita da un problema abitativo, temporaneo, del papà».

I papà gestiranno in autonomia la casa che prevede spazi fisici comuni per favorire l’auto-mutuo aiuto tra chi sta vivendo una condizione simile. Gli operatori della Cooperativa sociale il Portico, nello specifico, si occuperanno di accompagnare i papà in percorsi di inclusione sociale, di attività abitative territoriali e, in collaborazione con l’Associazione Paideia, avvieranno percorsi di formazione professionale e borse lavoro per soggetti con difficoltà lavorative. L’accoglienza avrà, per ogni persona accolta, la durata massima di 18 mesi nel corso del quale, sarà favorita l’autonomia e un sostegno in un momento di difficoltà.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

I “giganti dormienti” del ciclo del carbonio si stanno svegliando? – Io Non Mi Rassegno #240

|

Ragazzi irresponsabili: siamo davvero impotenti di fronte ai cambiamenti climatici? – A tu per tu #7

|

Bambini a contatto con la natura: tutti gli effetti benefici in 10 punti

|

Marco Cappato: “Questa iniziativa può fermare i cambiamenti climatici”

|

La parità di genere ed il linguaggio emotivo siano il cuore di un cambiamento radicale

|

La paura di Lise

|

Il Boschetto: da spazio abbandonato a orto dove si coltivano insieme frutta, verdura e tempo!

|

Covid, scuola e DAD: un sostegno agli studenti in difficoltà per non lasciare indietro nessuno