5 Nov 2020

I bambini realizzano insegne con messaggi di gentilezza per la comunità

Scritto da: Lorena Di Maria

Si è tenuto la scorsa settimana a San Benigno Canavese il primo cantiere di “Segnali di Gentilezza” durante il quale grandi e piccini hanno realizzato insieme delle insegne con messaggi gentili, da collocare in alcuni punti del comune, in modo da mandare un messaggio di positività e ampliare i comportamenti virtuosi coinvolgendo l’intera comunità.

«Immaginiamo una società in cui i bambini sono al centro delle proprie comunità, educati alla gentilezza e protetti con la gentilezza, per crescere sereni, positivi, equilibrati. Guardiamo al futuro: quando i bambini divenuti adulti garantiranno la continuità di una società solidale e attenta al benessere di tutti». Questo è il sogno della rete comunitaria “Costruiamo Gentilezza” sviluppata dall’Associazione Cor et Amor, la cui missione è diffondere comportamenti virtuosi che i nostri bambini potranno mettere in atto nella società di domani.

Nasce così il primo cantiere della gentilezza, un momento in cui alcune famiglie, insieme ai loro bambini, si sono riunite per costruire una buona pratica collettiva da portare all’intera comunità: quella dei “Segnali di Gentilezza”. È avvenuto lo scorso sabato alla biblioteca del Comune di San Benigno C.se, in provincia di Torino grazie all’Associazione Cor et Amor, la cui missione è accrescere il benessere delle Comunità attraverso azioni di gentilezza e, soprattutto, mettendo i bambini al centro.

Proprio i bambini, per avvicinarli a un’educazione che privilegi un benessere collettivo. Ma sul territorio coinvolge anche tutti coloro che vivono e lavorano con e per i più giovani come genitori, insegnanti, educatori, animatori, enti ed organizzazioni che operano a favore dell’infanzia, fornendo strumenti per diffondere una nuova cultura.

I coordinatori del cantiere sono Luca Nardi, esperto in giochi della gentilezza e Paolo Stenech, artigiano e grafico. Due “progettisti di gentilezza” che, in un momento difficile come quello che stiamo vivendo, si stanno impegnando a portare un messaggio di positività e benessere.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Durante il cantiere i partecipanti hanno creato frasi gentili e, con la forza delle parole, vogliono contribuire a motivare i cittadini che le leggeranno, ad agire con maggior gentilezza per aumentare il benessere della comunità. Piccole e semplici frasi che vogliono, con la loro forza, fare la differenza. Alcuni cartelli hanno riportato le frase “aiutiamoci tutti e sarà più semplice” oppure “un gesto gentile tira l’altro, inizia tu!” o ancora “se vedi qualcuno in difficoltà porgigli la mano con un sorriso.”

Le frasi, scritte su dodici segnali in legno, sono state colorate dalle famiglie e saranno collocate, appena le disposizioni lo consentiranno, in alcuni punti strategici del comune di San Benigno C.se. Perché il benessere di una comunità parte dall’impegno delle singole persone e dai loro, talvolta semplici, gesti.

Come ci ricorda l’associazione, infatti, «la gentilezza è agire. Una pratica di gentilezza ripetuta più e più volte diventa un’abitudine. In questo modo se ogni individuo agisce abitualmente con gentilezza, le comunità potranno essere più accoglienti e tutti i cittadini più felici».

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Arrivano i “Custodi del Suolo” che si prendono cura della terra
Arrivano i “Custodi del Suolo” che si prendono cura della terra

Azioni Generative, la piattaforma per scambiare buone pratiche
Azioni Generative, la piattaforma per scambiare buone pratiche

The Black Bag: “Puliamo spiagge e boschi e insegniamo ad amare la Natura”
The Black Bag: “Puliamo spiagge e boschi e insegniamo ad amare la Natura”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Ha senso il bonus acqua? – Io Non Mi Rassegno #391

|

Nasce il “Muratore di valle” che recupera le borgate alpine

|

Benedetta Altichieri: storia di una relazione tra culture differenti – Amore che Cambia #11

|

La malnutrizione, Sylvie e i suoi piccoli occhi scuri e vuoti

|

Climate Space: arte, cinema e musica per celebrare i 5 elementi naturali

|

L’economista Paolo Collini: serve un Recovery Plan sostenibile e per i giovani

|

Torna il Cammino delle Panchine, per ripartire dopo la pandemia

|

Centro Kratas, un’oasi spirituale ed ecologica tra i monti Sicani