Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
5 Nov 2020

I bambini realizzano insegne con messaggi di gentilezza per la comunità

Scritto da: Lorena Di Maria

Si è tenuto la scorsa settimana a San Benigno Canavese il primo cantiere di “Segnali di Gentilezza” durante il quale grandi e piccini hanno realizzato insieme delle insegne con messaggi gentili, da collocare in alcuni punti del comune, in modo da mandare un messaggio di positività e ampliare i comportamenti virtuosi coinvolgendo l’intera comunità.

«Immaginiamo una società in cui i bambini sono al centro delle proprie comunità, educati alla gentilezza e protetti con la gentilezza, per crescere sereni, positivi, equilibrati. Guardiamo al futuro: quando i bambini divenuti adulti garantiranno la continuità di una società solidale e attenta al benessere di tutti». Questo è il sogno della rete comunitaria “Costruiamo Gentilezza” sviluppata dall’Associazione Cor et Amor, la cui missione è diffondere comportamenti virtuosi che i nostri bambini potranno mettere in atto nella società di domani.

Nasce così il primo cantiere della gentilezza, un momento in cui alcune famiglie, insieme ai loro bambini, si sono riunite per costruire una buona pratica collettiva da portare all’intera comunità: quella dei “Segnali di Gentilezza”. È avvenuto lo scorso sabato alla biblioteca del Comune di San Benigno C.se, in provincia di Torino grazie all’Associazione Cor et Amor, la cui missione è accrescere il benessere delle Comunità attraverso azioni di gentilezza e, soprattutto, mettendo i bambini al centro.

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

ATTIVATI

Proprio i bambini, per avvicinarli a un’educazione che privilegi un benessere collettivo. Ma sul territorio coinvolge anche tutti coloro che vivono e lavorano con e per i più giovani come genitori, insegnanti, educatori, animatori, enti ed organizzazioni che operano a favore dell’infanzia, fornendo strumenti per diffondere una nuova cultura.

I coordinatori del cantiere sono Luca Nardi, esperto in giochi della gentilezza e Paolo Stenech, artigiano e grafico. Due “progettisti di gentilezza” che, in un momento difficile come quello che stiamo vivendo, si stanno impegnando a portare un messaggio di positività e benessere.

Durante il cantiere i partecipanti hanno creato frasi gentili e, con la forza delle parole, vogliono contribuire a motivare i cittadini che le leggeranno, ad agire con maggior gentilezza per aumentare il benessere della comunità. Piccole e semplici frasi che vogliono, con la loro forza, fare la differenza. Alcuni cartelli hanno riportato le frase “aiutiamoci tutti e sarà più semplice” oppure “un gesto gentile tira l’altro, inizia tu!” o ancora “se vedi qualcuno in difficoltà porgigli la mano con un sorriso.”

Le frasi, scritte su dodici segnali in legno, sono state colorate dalle famiglie e saranno collocate, appena le disposizioni lo consentiranno, in alcuni punti strategici del comune di San Benigno C.se. Perché il benessere di una comunità parte dall’impegno delle singole persone e dai loro, talvolta semplici, gesti.

Come ci ricorda l’associazione, infatti, «la gentilezza è agire. Una pratica di gentilezza ripetuta più e più volte diventa un’abitudine. In questo modo se ogni individuo agisce abitualmente con gentilezza, le comunità potranno essere più accoglienti e tutti i cittadini più felici».

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’agricoltura indiana nel caos! – Io Non Mi Rassegno #264

|

Progetto Happiness: in viaggio intorno al mondo alla ricerca della felicità

|

Irene, la pittrice che dipinge gli sguardi delle donne vittime di violenza

|

Undici proposte per salvare i nuovi centri culturali a rischio chiusura

|

Savona si attiva dal basso fra orti urbani, buone pratiche e attivismo ambientale #2

|

WhO RU: la scoperta della Rigenerazione Urbana giunge alla seconda fase

|

What Women Want: uno scambio di doni tra sconosciute per sentirci più vicine

|

Alessandro Ricci, l’artista che dipinge con lo smog per denunciare l’inquinamento