Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
13 Nov 2020

Mangio a Km0, l’app che unisce cittadini e produttori locali

Rendere facilmente disponibili i prodotti genuini e locali e permettere alle persone di riceverli direttamente a casa da chi li produce. Nasce con questo obiettivo e dall'idea di due giovani sviluppatori pugliesi Mangio a Km0, un'app che promuove la filiera corta e un'alimentazione sana e sostenibile, anche e soprattutto ai tempi del covid.

Per chi si impegna ogni giorno a portare sulla propria tavola alimenti locali e genuini e per i produttori locali c’è uno strumento – anzi un’app – in più: Mangio a Km0, l’app di compravendita di prodotti alimentari che nasce per avvicinare i cittadini ai produttori presenti sul proprio territorio.

L’idea che ha dato origine all’app è frutto dell’amicizia fra Giovanni Acquaviva e Vincenzo Valente, sviluppatori e colleghi che, prendendo ogni giorno il treno assieme per raggiungere il luogo di lavoro, si sono ritrovati ad immaginare possibili progetti da portare avanti assieme.

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

ATTIVATI

Giovanni Acquaviva e Vincenzo Valente

«Volevamo mettere a disposizione le nostre competenze e realizzare qualcosa di utile per la comunità», ci ha raccontato Giovanni. «Avendo entrambi degli amici produttori che si lamentavano della difficoltà di vendere i propri prodotti siamo giunti a concentrarci su di un mezzo digitale che consentisse ai piccoli produttori di farsi conoscere e ai consumatori di entrare in contatto diretto con le realtà del loro territorio dalle quali acquistare direttamente verdure, carne, formaggi miele e altri alimenti».

L’uscita del PIN, bando della Regione Puglia volto a supportare la realizzazione delle idee dei giovani pugliesi, si è rivelata essere il trampolino di lancio necessario per dare concretezza al progetto di Giovanni e Vincenzo. Poco dopo la vittoria, nel 2018, Mangio a Km0 è riuscita infatti a diventare prima una società a infine un’app.

Disponibile sia su Apple Store che su Play Store, Mangio a Km0 è facile da scaricare e da utilizzare. In fase di registrazione ci si può identificare come consumatori, produttori o responsabili di un GAS.

«Non c’è una selezione da parte nostra», spiega Giovanni. «Abbiamo pensato che questo lavoro potesse essere svolto tramite il meccanismo delle recensioni. Chi acquista può valutare, commentare e recensire il produttore. Allo stesso tempo anche il produttore può recensire il consumatore, la sua affidabilità e correttezza, perché comunque il produttore si prende un impegno quando mette da parte determinati prodotti. Poi, in caso di necessità, c’è anche la possibilità di segnalare produttori o consumatori che hanno comportamenti anomali e in quel caso noi svolgiamo le necessarie verifiche».

Il contatto fra domanda e offerta avviene direttamente sull’applicazione, anche grazie ad una funzionalità di chat. I produttori possono farsi conoscere dai consumatori della zona mandando loro dei messaggi, decidere in quali zone abilitare la funzionalità di consegna a domicilio, la spesa minima necessaria per la consegna e recentemente è stata attivata anche la gestione delle prenotazioni. Il pagamento, invece, avviene di persona, via contanti, al momento dello scambio.

Ad oggi il team di “Mangio a Km0” si è allargato, includendo anche la social media manager Marilicia di Gioia, mentre Giovanni Acquaviva e Vincenzo Valente continuano a dedicarsi nel tempo libero a far evolvere l’app in base ai feedback ricevuti. «Stiamo lavorando per rendere possibile effettuare i pagamenti anche tramite carta di credito, e stiamo pensando di rendere disponibile “Mangio a Km0” anche tramite il browser».

Con 600 produttori e più di 20 mila utenti, “Mangio a Km0” oggi è presente in tutta Italia. «I produttori sono ancora di più al Sud, mentre i consumatori sono di più al Nord, ma di base c’è sempre qualche produttore in tutta Italia», spiega Giovanni. «Quest’anno, con il covid, il numero dei download è aumentato, specialmente nelle grandi città come Milano, Torino e Roma, dove il contatto con la terra e con chi produce il cibo è più difficile da instaurare abbiamo avuto un boom di iscritti», ha specificato. Un segno, forse, che la voglia di colmare questa distanza non manca.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La svolta amara sul caso Regeni – Io Non Mi Rassegno #265

|

Boscopiano: un gruppo di giovani realizza il sogno di far rivivere la propria valle

|

Pace, inclusione e solidarietà: l’impegno di Melagrana per la tutela dei diritti umani

|

The Great Reset, il futuro prossimo. Come la crisi del Covid potrebbe cambiare il mondo

|

Progetto Happiness: in viaggio intorno al mondo alla ricerca della felicità

|

Irene, la pittrice che dipinge gli sguardi delle donne vittime di violenza

|

Undici proposte per salvare i nuovi centri culturali a rischio chiusura

|

Savona si attiva dal basso fra orti urbani, buone pratiche e attivismo ambientale #2