13 Nov 2020

Mangio a Km0, l’app che unisce cittadini e produttori locali

Rendere facilmente disponibili i prodotti genuini e locali e permettere alle persone di riceverli direttamente a casa da chi li produce. Nasce con questo obiettivo e dall'idea di due giovani sviluppatori pugliesi Mangio a Km0, un'app che promuove la filiera corta e un'alimentazione sana e sostenibile, anche e soprattutto ai tempi del covid.

Per chi si impegna ogni giorno a portare sulla propria tavola alimenti locali e genuini e per i produttori locali c’è uno strumento – anzi un’app – in più: Mangio a Km0, l’app di compravendita di prodotti alimentari che nasce per avvicinare i cittadini ai produttori presenti sul proprio territorio.

L’idea che ha dato origine all’app è frutto dell’amicizia fra Giovanni Acquaviva e Vincenzo Valente, sviluppatori e colleghi che, prendendo ogni giorno il treno assieme per raggiungere il luogo di lavoro, si sono ritrovati ad immaginare possibili progetti da portare avanti assieme.

MANGIO KM0
Giovanni Acquaviva e Vincenzo Valente

«Volevamo mettere a disposizione le nostre competenze e realizzare qualcosa di utile per la comunità», ci ha raccontato Giovanni. «Avendo entrambi degli amici produttori che si lamentavano della difficoltà di vendere i propri prodotti siamo giunti a concentrarci su di un mezzo digitale che consentisse ai piccoli produttori di farsi conoscere e ai consumatori di entrare in contatto diretto con le realtà del loro territorio dalle quali acquistare direttamente verdure, carne, formaggi miele e altri alimenti».

L’uscita del PIN, bando della Regione Puglia volto a supportare la realizzazione delle idee dei giovani pugliesi, si è rivelata essere il trampolino di lancio necessario per dare concretezza al progetto di Giovanni e Vincenzo. Poco dopo la vittoria, nel 2018, Mangio a Km0 è riuscita infatti a diventare prima una società a infine un’app.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Disponibile sia su Apple Store che su Play Store, Mangio a Km0 è facile da scaricare e da utilizzare. In fase di registrazione ci si può identificare come consumatori, produttori o responsabili di un GAS.

«Non c’è una selezione da parte nostra», spiega Giovanni. «Abbiamo pensato che questo lavoro potesse essere svolto tramite il meccanismo delle recensioni. Chi acquista può valutare, commentare e recensire il produttore. Allo stesso tempo anche il produttore può recensire il consumatore, la sua affidabilità e correttezza, perché comunque il produttore si prende un impegno quando mette da parte determinati prodotti. Poi, in caso di necessità, c’è anche la possibilità di segnalare produttori o consumatori che hanno comportamenti anomali e in quel caso noi svolgiamo le necessarie verifiche».

tomatoes 2787256 1920

Il contatto fra domanda e offerta avviene direttamente sull’applicazione, anche grazie ad una funzionalità di chat. I produttori possono farsi conoscere dai consumatori della zona mandando loro dei messaggi, decidere in quali zone abilitare la funzionalità di consegna a domicilio, la spesa minima necessaria per la consegna e recentemente è stata attivata anche la gestione delle prenotazioni. Il pagamento, invece, avviene di persona, via contanti, al momento dello scambio.

Ad oggi il team di “Mangio a Km0” si è allargato, includendo anche la social media manager Marilicia di Gioia, mentre Giovanni Acquaviva e Vincenzo Valente continuano a dedicarsi nel tempo libero a far evolvere l’app in base ai feedback ricevuti. «Stiamo lavorando per rendere possibile effettuare i pagamenti anche tramite carta di credito, e stiamo pensando di rendere disponibile “Mangio a Km0” anche tramite il browser».

Con 600 produttori e più di 20 mila utenti, “Mangio a Km0” oggi è presente in tutta Italia. «I produttori sono ancora di più al Sud, mentre i consumatori sono di più al Nord, ma di base c’è sempre qualche produttore in tutta Italia», spiega Giovanni. «Quest’anno, con il covid, il numero dei download è aumentato, specialmente nelle grandi città come Milano, Torino e Roma, dove il contatto con la terra e con chi produce il cibo è più difficile da instaurare abbiamo avuto un boom di iscritti», ha specificato. Un segno, forse, che la voglia di colmare questa distanza non manca.

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
SanremoBio: il consumo consapevole passa attraverso l’alimentazione, il sociale e la cultura
SanremoBio: il consumo consapevole passa attraverso l’alimentazione, il sociale e la cultura

Bagni di foresta nella Basilicata selvaggia: vi raccontiamo la nostra esperienza
Bagni di foresta nella Basilicata selvaggia: vi raccontiamo la nostra esperienza

In Liguria due ostetriche guidano i genitori verso nascite “positive” e percorsi consapevoli
In Liguria due ostetriche guidano i genitori verso nascite “positive” e percorsi consapevoli

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La transizione di Biden svanisce fra petrolio e trivelle? – #554

|

Modicaltra, i cittadini si mettono insieme per rigenerare la città e fermare il consumo di suolo

|

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo

|

Guglielmo Rapino si racconta a I(n)spira-Azioni: “Da anni viaggio per il mondo per difendere i diritti umani” – #13

|

Comunicazione nonviolenta, Covid, Ucraina: in cerca di dialogo in tempo di polarizzazione sociale

|

Eugenio: “Vi racconto la mia esperienza di vita in val Borbera”

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra