3 Nov 2020

Nasce la rassegna stampa che spiega le notizie ai bambini

Scritto da: Redazione

Le notizie della illy: è questo il nome del primo podcast che spiega ai piccoli le notizie dei “grandi”. Ideatrice della rassegna stampa per bambini è la giornalista Ilaria Beretta, convinta che anche i bambini hanno il diritto di conoscere e comprendere le grandi questioni di un mondo che presto sarà il loro.

Che cosa sono il referendum e il reddito di cittadinanza? Come si svolgono le elezioni americane? E cos’è un coprifuoco? Niente paura: ogni sabato ve lo spiega la Illy, la giovane giornalista che ha inventato il podcast della rassegna stampa pensata per i bambini.

Ilaria Beretta detta «Illy», 27 anni, giornalista professionista con all’attivo una serie di collaborazioni soprattutto con periodici destinati a bambini e ragazzi, ha deciso infatti di provare a raccontare anche ai più piccoli (il target è quello compreso tra i 7 e i 12 anni) i fatti di cronaca che di solito vengono riservati solo ai «grandi»: persino quelli più complicati o difficili da spiegare.

«Le notizie della Illy» è una proposta inedita nel panorama italiano dei podcast. Ogni sabato – in una puntata audio di 10 minuti circa – «la giornalista Illy» illustra con linguaggio appropriato alcune notizie apparse durante la settimana sui media, italiani ed esteri, in una specie di rassegna stampa in miniatura. Accanto a fatti curiosi e di costume, in ogni episodio vengono selezionate alcune notizie «importanti» – di politica, esteri, cronaca e sport – nella convinzione che anche i baby-ascoltatori hanno interesse, anzi diritto a conoscere e comprendere le grandi questioni degli adulti: quelle di un mondo che presto sarà il loro.

ilaria beretta rassegna bambini
La giornalista Ilaria Beretta, conduttrice della rassegna stampa per bambini

Non deve stupire dunque che già nelle prime puntate («Le notizie della Illy» è disponibile online dal 19 settembre) si sia parlato ad esempio di referendum costituzionale, migranti, reddito di cittadinanza, virus, guerra, terrorismo e persino ius soli.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

«Siamo arrivati alla settima puntata e per ora il riscontro è molto positivo. L’idea piace. Ho saputo che alcune maestre fanno ascoltare il podcast in classe al lunedì e che si è creata una certa attesa intorno alle notizie di questa “giornalista illy”… Anche gli adulti comunque ascoltano il podcast per conto loro: anzi, alcuni mi hanno detto che in fondo un servizio così – che spiega le notizie nel modo più chiaro possibile – serve, e tanto, anche ai grandi».  

Ovviamente il linguaggio adottato è semplice e immediato, adatto all’età e accompagnato da un sottofondo di musiche accattivanti; ma soprattutto ogni parola o concetto «difficile» viene sempre sciolto in maniera da essere compreso da un pubblico di «under ten».

«Ho ideato il podcast – spiega Ilaria Beretta – pensando ai genitori che, vedendo il tiggì con i figli, spesso non sanno come rispondere alle loro domande di piccoli ascoltatori. Ma il sussidio potrebbe essere efficacemente utilizzato anche dalle maestre in classe per spiegare l’attualità agli alunni. Peraltro non escludo l’interesse pure di un pubblico di “grandi”: chi di noi non desidererebbe avere una spiegazione semplice e chiara, davvero “a prova di bambino”, nel caotico flusso di news che ci tempesta?».

Il podcast è disponibile su SpotifyApple PodcastsGoogle Podcasts oppure sul sito lenotiziedellailly.it. Ogni puntata è accompagnata dai riferimenti degli articoli usati per preparare la rassegna stampa, in modo da favorire eventuali approfondimenti.

Vuoi cambiare la situazione di informazione e comunicazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk
L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk

Informazione costruttiva: perché il giornalismo dovrebbe essere consapevole ogni giorno
Informazione costruttiva: perché il giornalismo dovrebbe essere consapevole ogni giorno

Il giornalismo che vorrei: ecco come le notizie fanno bene (o male) alla società
Il giornalismo che vorrei: ecco come le notizie fanno bene (o male) alla società

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Tremendo terremoto in Afghanistan – #548

|

Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico

|

Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali

|

Siccità: il Piemonte ha sete e chiede lo stato di calamità

|

Ripopolare i borghi: oltre l’utopia ci sono litigi, problemi e possibili soluzioni

|

In Puglia insieme alla Fondazione Vincenzo Casillo alla scoperta del territorio che cambia

|

Cuoche combattenti, il laboratorio culinario dove le donne vittime di violenza riprendono in mano la loro vita

|

L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk