3 Nov 2020

Nasce la rassegna stampa che spiega le notizie ai bambini

Scritto da: Redazione

Le notizie della illy: è questo il nome del primo podcast che spiega ai piccoli le notizie dei “grandi”. Ideatrice della rassegna stampa per bambini è la giornalista Ilaria Beretta, convinta che anche i bambini hanno il diritto di conoscere e comprendere le grandi questioni di un mondo che presto sarà il loro.

Che cosa sono il referendum e il reddito di cittadinanza? Come si svolgono le elezioni americane? E cos’è un coprifuoco? Niente paura: ogni sabato ve lo spiega la Illy, la giovane giornalista che ha inventato il podcast della rassegna stampa pensata per i bambini.

Ilaria Beretta detta «Illy», 27 anni, giornalista professionista con all’attivo una serie di collaborazioni soprattutto con periodici destinati a bambini e ragazzi, ha deciso infatti di provare a raccontare anche ai più piccoli (il target è quello compreso tra i 7 e i 12 anni) i fatti di cronaca che di solito vengono riservati solo ai «grandi»: persino quelli più complicati o difficili da spiegare.

«Le notizie della Illy» è una proposta inedita nel panorama italiano dei podcast. Ogni sabato – in una puntata audio di 10 minuti circa – «la giornalista Illy» illustra con linguaggio appropriato alcune notizie apparse durante la settimana sui media, italiani ed esteri, in una specie di rassegna stampa in miniatura. Accanto a fatti curiosi e di costume, in ogni episodio vengono selezionate alcune notizie «importanti» – di politica, esteri, cronaca e sport – nella convinzione che anche i baby-ascoltatori hanno interesse, anzi diritto a conoscere e comprendere le grandi questioni degli adulti: quelle di un mondo che presto sarà il loro.

ilaria beretta rassegna bambini
La giornalista Ilaria Beretta, conduttrice della rassegna stampa per bambini

Non deve stupire dunque che già nelle prime puntate («Le notizie della Illy» è disponibile online dal 19 settembre) si sia parlato ad esempio di referendum costituzionale, migranti, reddito di cittadinanza, virus, guerra, terrorismo e persino ius soli.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all'Italia che Cambia

Ti è piaciuto questo contenuto? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

«Siamo arrivati alla settima puntata e per ora il riscontro è molto positivo. L’idea piace. Ho saputo che alcune maestre fanno ascoltare il podcast in classe al lunedì e che si è creata una certa attesa intorno alle notizie di questa “giornalista illy”… Anche gli adulti comunque ascoltano il podcast per conto loro: anzi, alcuni mi hanno detto che in fondo un servizio così – che spiega le notizie nel modo più chiaro possibile – serve, e tanto, anche ai grandi».  

Ovviamente il linguaggio adottato è semplice e immediato, adatto all’età e accompagnato da un sottofondo di musiche accattivanti; ma soprattutto ogni parola o concetto «difficile» viene sempre sciolto in maniera da essere compreso da un pubblico di «under ten».

«Ho ideato il podcast – spiega Ilaria Beretta – pensando ai genitori che, vedendo il tiggì con i figli, spesso non sanno come rispondere alle loro domande di piccoli ascoltatori. Ma il sussidio potrebbe essere efficacemente utilizzato anche dalle maestre in classe per spiegare l’attualità agli alunni. Peraltro non escludo l’interesse pure di un pubblico di “grandi”: chi di noi non desidererebbe avere una spiegazione semplice e chiara, davvero “a prova di bambino”, nel caotico flusso di news che ci tempesta?».

Il podcast è disponibile su SpotifyApple PodcastsGoogle Podcasts oppure sul sito lenotiziedellailly.it. Ogni puntata è accompagnata dai riferimenti degli articoli usati per preparare la rassegna stampa, in modo da favorire eventuali approfondimenti.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La questione del bacio non consensuale a Biancaneve – Io Non Mi Rassegno #363

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5

|

Futuro Sospeso: riattivare le vecchie ferrovie per rilanciare le aree interne

|

Tassare l’economia del distanziamento, per un mondo d’incontri

|

Giornata Mondiale della Decrescita: una buona vita per tuttə!

|

Santa Rosalia: a Palermo un festino alternativo per animare le periferie