29 Mar 2021

“Rompiamo il muro del pregiudizio, con dolci naturali e consapevoli”

Scritto da: Valentina D'Amora

DolceFusion è una pasticceria completamente vegetale appena nata e unica nel suo genere a Genova. Al primo posto c'è la consapevolezza, sia degli ingredienti che delle preparazioni, molte di approccio crudista e raw.

Genova - Può un dolce essere goloso e anche sano? Da pochissimo tempo, all’interno del ristorante vegano crudista di Genova, InFusion, è nata una pasticceria vegetale che nulla ha da invidiare alle pasticcerie tradizionali. I dolci che escono da questo laboratorio sono bellissimi alla vista e appaganti al gusto, preparati partendo da materie prime non raffinate e di alta qualità, con dolcificanti naturali e burri vegetali artigianali.

I pasticceri sono due uomini: Pier Francesco, ex titolare di Shangri-La a Genova, e Alberto, ex titolare di una gelateria vegana a Chiavari. Si sono conosciuti nel 2017 a Milano, alla scuola dello chef Simone Salvini – la FunnyVeg Academy – per poi ritrovarsi, dopo percorsi professionali diversi ma paralleli, a lavorare gomito a gomito all’interno di un progetto che è molto più di una pasticceria, perché tocca le corde della divulgazione della consapevolezza a più livelli.

L’obiettivo dunque è andare oltre un pregiudizio diffuso che l’arte dolciaria non possa trovare spazio nel mondo dell’alimentazione consapevole. «Da tempo volevamo riuscire a dare vita a una pasticceria diversa, ma comunque soddisfacente – racconta Federica, una dei fondatori dell’associazione, da cui ha preso vita il ristorante». Così, sotto Natale dello scorso anno, è nato il progetto DolceFusion, proprio all’interno di InFusion, con l’obiettivo di creare dolci saporiti e anche nutrienti.

dolce fusiin
Cheesecake raw al pistacchio, base di datteri e mandorle, inserto di gelee ai frutti di bosco, ganache al fondente

CONSAPEVOLEZZA IN CUCINA

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Una pasticceria che rompe gli schemi e che loro stessi definiscono “naturale, integrale, biologica e consapevole”. «La consapevolezza – prosegue Federica – dovrebbe essere un pilastro della vita di tutti, in qualunque ambito del quotidiano. D’altronde, ci nutriamo tre volte al giorno, quindi è importante sapere cosa stiamo mangiando. Chi di noi davvero sa da dove proviene o quando è stato prodotto il cibo di cui si nutre? Chi si sofferma a leggere le etichette di ciò che acquista?». Proprio per questo motivo, tutti gli ingredienti freschi, come frutta e verdura, provengono da produttori locali, che coltivano in modo biologico. Le farine (esclusivamente di farro, mais e riso), invece, oltre ad altri ingredienti come il latte vegetale, arrivano da fornitori italiani, da filiera certificata.

«Per noi questo è un approccio – sottolinea Federica – che ha molto a che fare anche con l’atmosfera che abbiamo cercato di ricreare qui, intrisa di umanità e calore. Siamo un gruppo che condivide un cammino di crescita, condividendo la bellezza a 360°. Studiamo e ricerchiamo nuovi modi di rapportarci tra noi, per questo vogliamo che le persone che vengono a mangiare qui possano sentirsi accolte».

dolce fusion dolce cop
La delizia al limone

Non è un caso che ogni tavolo del locale contenga delle “riflessioni sparse”, per donare spunti anche a chi attende il pranzo: «Ogni nostra azione è un seme. Forse non vediamo ancora il germoglio, ma dentro di noi sappiamo quando stiamo facendo qualcosa di bello, elevante e positivo. Proviamo a essere!».

PROGETTI FUTURI

«Grazie all’esperienza pasticcera di Shangri-La stiamo crescendo molto: la collaborazione si sta sempre più ampliando verso una proposta di pasticceria che include anche dolci per eventi e cerimonie, oltre a creazioni più elaborate. In futuro, l’idea è quella di aprire anche posticino parallelo dove dare vita a un vero punto vendita con tutti i nostri dolci». Gustosi e consapevoli.

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Made in Italy: le etichette di tutti gli alimenti dovranno indicarne la provenienza

La Casella, l’agriturismo olistico apre alle immersioni forestali
La Casella, l’agriturismo olistico apre alle immersioni forestali

Così la PNEI sta rivoluzionando l'approccio alla salute – video#5

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”

|

E se il Covid ci avesse indicato la via per risolvere la crisi della scuola italiana?

|

In Piemonte c’è una “foresta condivisa” di cui tutti possono prendersi cura

|

IT.A.CÀ: in viaggio per il levante ligure per riconquistare il diritto a respirare

|

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

|

Te Araroa: un viaggio per sé stessi e gli altri oltre i propri limiti