Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
29 Mar 2021

“Rompiamo il muro del pregiudizio, con dolci naturali e consapevoli”

Scritto da: Valentina D'Amora

DolceFusion è una pasticceria completamente vegetale appena nata e unica nel suo genere a Genova. Al primo posto c'è la consapevolezza, sia degli ingredienti che delle preparazioni, molte di approccio crudista e raw.

Può un dolce essere goloso e anche sano? Da pochissimo tempo, all’interno del ristorante vegano crudista di Genova, InFusion, è nata una pasticceria vegetale che nulla ha da invidiare alle pasticcerie tradizionali. I dolci che escono da questo laboratorio sono bellissimi alla vista e appaganti al gusto, preparati partendo da materie prime non raffinate e di alta qualità, con dolcificanti naturali e burri vegetali artigianali.

I pasticceri sono due uomini: Pier Francesco, ex titolare di Shangri-La a Genova, e Alberto, ex titolare di una gelateria vegana a Chiavari. Si sono conosciuti nel 2017 a Milano, alla scuola dello chef Simone Salvini – la FunnyVeg Academy – per poi ritrovarsi, dopo percorsi professionali diversi ma paralleli, a lavorare gomito a gomito all’interno di un progetto che è molto più di una pasticceria, perché tocca le corde della divulgazione della consapevolezza a più livelli.

Vuoi cambiare la situazione
dell'ambiente in italia?

ATTIVATI

L’obiettivo dunque è andare oltre un pregiudizio diffuso che l’arte dolciaria non possa trovare spazio nel mondo dell’alimentazione consapevole. «Da tempo volevamo riuscire a dare vita a una pasticceria diversa, ma comunque soddisfacente – racconta Federica, una dei fondatori dell’associazione, da cui ha preso vita il ristorante». Così, sotto Natale dello scorso anno, è nato il progetto DolceFusion, proprio all’interno di InFusion, con l’obiettivo di creare dolci saporiti e anche nutrienti.

Cheesecake raw al pistacchio, base di datteri e mandorle, inserto di gelee ai frutti di bosco, ganache al fondente

CONSAPEVOLEZZA IN CUCINA

Una pasticceria che rompe gli schemi e che loro stessi definiscono “naturale, integrale, biologica e consapevole”. «La consapevolezza – prosegue Federica – dovrebbe essere un pilastro della vita di tutti, in qualunque ambito del quotidiano. D’altronde, ci nutriamo tre volte al giorno, quindi è importante sapere cosa stiamo mangiando. Chi di noi davvero sa da dove proviene o quando è stato prodotto il cibo di cui si nutre? Chi si sofferma a leggere le etichette di ciò che acquista?». Proprio per questo motivo, tutti gli ingredienti freschi, come frutta e verdura, provengono da produttori locali, che coltivano in modo biologico. Le farine (esclusivamente di farro, mais e riso), invece, oltre ad altri ingredienti come il latte vegetale, arrivano da fornitori italiani, da filiera certificata.

«Per noi questo è un approccio – sottolinea Federica – che ha molto a che fare anche con l’atmosfera che abbiamo cercato di ricreare qui, intrisa di umanità e calore. Siamo un gruppo che condivide un cammino di crescita, condividendo la bellezza a 360°. Studiamo e ricerchiamo nuovi modi di rapportarci tra noi, per questo vogliamo che le persone che vengono a mangiare qui possano sentirsi accolte».

La delizia al limone

Non è un caso che ogni tavolo del locale contenga delle “riflessioni sparse”, per donare spunti anche a chi attende il pranzo: «Ogni nostra azione è un seme. Forse non vediamo ancora il germoglio, ma dentro di noi sappiamo quando stiamo facendo qualcosa di bello, elevante e positivo. Proviamo a essere!».

PROGETTI FUTURI

«Grazie all’esperienza pasticcera di Shangri-La stiamo crescendo molto: la collaborazione si sta sempre più ampliando verso una proposta di pasticceria che include anche dolci per eventi e cerimonie, oltre a creazioni più elaborate. In futuro, l’idea è quella di aprire anche posticino parallelo dove dare vita a un vero punto vendita con tutti i nostri dolci». Gustosi e consapevoli.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Un po’ di chiarezza sull’acqua radioattiva di Fukushima – Io Non Mi Rassegno #349

|

Curare di più l’ambiente e lo stile di vita per aumentare la longevità sana

|

Dall’ufficio di una multinazionale al frutteto: la storia di Elisabetta e Corrado

|

Mentorship, il progetto che aiuta gli studenti che stanno ai margini

|

“Ex anoressica, ho studiato un modo per aiutare chi soffre di questo male”

|

Una legge per ecovillaggi, cohousing e comunità intenzionali

|

Dall’arte all’intelligenza artificiale, il Nuovo Rinascimento di Sineglossa – Io faccio così #325

|

Covid e lockdown: perché i bambini sono sempre gli ultimi?