Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
12 Mar 2021

Falegnameria Cuccagna, il laboratorio sociale aperto a cittadini e migranti

Scritto da: Redazione

All'interno di Cascina Cuccagna, nel cuore di Milano, dall'incontro fra un artigiano del legno e una cooperativa sociale, è nato il progetto di Falegnameria Cuccagna, che accoglierà giovani migranti per consentire loro di imparare un mestiere e diventare autonomi, ma anche cittadini del quartiere, in un percorso che unisce socialità e “saper fare”.

Un’officina dove ragazzi migranti possano formarsi, lavorare e crescere. Un laboratorio aperto a tutti, dove incontrarsi e praticare insieme l’autoproduzione. Un’iniziativa che genera inclusione e dà valore all’accoglienza in luoghi della quotidianità. È la proposta della Cooperativa Sociale Comunità Progetto che intende realizzare una falegnameria sociale alla Cascina Cuccagna di Milano.

Dal 2013 la Cooperativa Sociale Comunità Progetto accoglie in una decina di appartamenti nel quartiere milanese Molise-Calvairate ragazzi migranti tra i 16 e i 21 anni arrivati senza famiglia nel nostro paese. Con la cooperativa svolge un percorso di accompagnamento educativo all’inclusione sociale che li aiuta a costruire relazioni positive a trovare un lavoro e una casa.

Spesso questi ragazzi hanno poco tempo per essere accompagnati in un percorso di integrazione che li porti ad acquisire un’autonomia di vita. Eppure, al compimento dei 18 anni, solo chi ha ricevuto un buon accompagnamento e una formazione lavorativa avrà la possibilità di trovare un’occupazione, costruirsi un futuro e diventare una risorsa per la società.

Da quasi un anno Comunità Progetto ha attivato una sede presso la Cascina Cuccagna. Qui è nata la collaborazione con un falegname che lavora in una piccola officina di 15 metri quadri situata nel giardino della Cascina. Da questo incontro è nata una collaborazione che ha coinvolto un piccolo gruppo di ragazzi migranti. Il loro entusiasmo e la loro partecipazione hanno aperto la strada alla possibilità di realizzare una vera e propria falegnameria che formasse e avviasse al lavoro decine di minori stranieri non accompagnati.

Foto di Alessandro Esposto

Mancando al momento spazi e strumentazioni adeguate per realizzare questo sogno, è nata l’idea di partecipare al bando Crowdfunding Civico del Comune di Milano, una nuova modalità per finanziare progetti sociali e culturali nei quartieri, in collaborazione con gli enti non profit e i cittadini. Tutto questo per realizzare nel giardino di Cascina Cuccagna una struttura in grado di ospitare le attività di una falegnameria sociale: un laboratorio di 40 metri quadri costruito secondo criteri di architettura sostenibile che potrà ospitare sei postazioni lavoro.

Grazie alla guida di un artigiano esperto, i ragazzi che frequenteranno la falegnameria impareranno a produrre arredi su misura, riparare e restaurare mobili, organizzare corsi di riciclo e riuso creativo del legno. In tutte queste attività saranno affiancati dagli educatori di Comunità Progetto, che li aiuteranno a realizzarsi pienamente attraverso l’attività lavorativa, a consolidare competenze relazionali e a sviluppare autonomia.

La falegnameria Cuccagna sarà anche un luogo che tutti potranno frequentare per apprendere l’ABC della falegnameria e praticare l’autoproduzione, il fai-da-te e il riciclo e riuso creativo del legno.

Il progetto è stato selezionato per accedere al crowdfunding civico del Comune di Milano. Attraverso una raccolta fondi dovrà raccogliere i primi 25.000 euro (ovvero il 40% del costo complessivo) necessari a realizzare la struttura che ospiterà la falegnameria. Solo se ce la farà, il comune attiverà un co-finanziamento per il restante 60%. Cliccate qui per partecipare al crowdfunding Falegnameria Cuccagna.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La Francia vieterà alcuni voli interni? – Io Non Mi Rassegno #346

|

A Torino nascerà un bosco urbano per migliorare la vivibilità in città

|

Il “mio” Brasile, così diverso da quello di Bolsonaro

|

La salute pubblica deve diventare un bene comune!

|

CO+: la sottile linea rossa che divide rigenerazione e gentrificazione

|

Il suolo è vita: ecco come rigenerarlo e coltivare cibo sano e nutriente

|

La sfida di EBC: tutela per i corrieri e riduzione dell’impatto ambientale

|

Nuove forme di relazioni, amore e sesso. È ora di riconoscerle! – Amore Che Cambia #1