10 Mar 2021

Le Susine: quando cibo e cura di corpo e anima passano per una casa privata

Emilia e Alice ci parlano del loro progetto Le Susine, uno spazio che sorgerà all'interno della loro abitazione in cui proporranno un home restaurant e una serie di servizi e attività volte a generare consapevolezza, curando anima e corpo e valorizzando i prodotti naturali e del territorio.

Salva nei preferiti

Sulle colline fuori dalla città di Bologna, a Loiano, c’è una casa un po’ speciale, immersa nella natura. È la casa di Emilia ed Alice, che presto diventerà Le Susine, un progetto sfaccettato che includerà una family farm, un home restaurant, uno spazio di ricerca erboristica e tanto altro ancora.

«Fin da quando abbiamo messo piede qui ci è stato chiaro che avremmo dovuto far qualcosa in questo luogo. Qualcosa che mettesse in relazione la terra, i nostri lavori e le nostre passioni, per prenderci cura delle persone, nutrire l’anima», hanno raccontato Emilia Marcello – mediatrice in Costellazioni Familiari e Sistemiche, counselor olistica e naturopata – e Alice Rasetti – fotografa e videomaker che nel corso della sua vita ha toccato vari ambiti lavorativi, dal teatro, alla ristorazione, fino all’agricoltura.

È nata così l’idea di aprire le porte di casa e partire da un home restaurant, nel quale proporre miscellanee dei piatti delle loro terre d’origine – la Sardegna e l’Abruzzo – e rivisitazioni dei piatti del territorio emiliano. Il tutto rispettando i criteri di un’alimentazione naturale, studiando gli accostamenti giusti e usando ingredienti genuini, coltivati e realizzati da loro stesse o da contadini e artigiani del cibo di fiducia, come Irene Conti, di cui vi avevamo già raccontato qui, e lo chef Vittorio Curcio.

le susine 3
Alice Rasetti

«Il nostro desiderio è che gli ingredienti e i prodotti che useremo siano frutto di un lavoro fatto con passione e nel rispetto della terra. E a chi verrà a trovarci vorremmo raccontare i nostri piatti, le scelte che abbiamo fatto pensando a loro. In alcune occasioni, magari, accordarci in anticipo per proporre dei menù pensati su misura», ha spiegato Emilia.

Cene e apericene preparate con cura, accompagnate da tramonti, musica e bellezza saranno dunque il primo passo dell’avventura di Le Susine e per chi volesse prendere ancor più confidenza con il cibo, con le sue origini, le preparazioni, i significati e le emozioni che scaturisce, nei week-end Emilia e Alice ospiteranno workshop di cucina e di alimentazione naturale. «Vorremmo partire dalle cose semplici, dal basso, dalla terra, dall’alimentazione, per poi arrivare alla cura della persona a tutto tondo», ha raccontato Emilia.

le susine 5
Emilia Marcello

Ci sarà spazio dunque per affacciarsi ai prodotti erboristici, frequentare seminari di costellazioni familiari, partecipare a giornate di art-therapy e a workshop sulla crescita personale. «Desideriamo che le persone possano venire qui e nutrirsi, nel corpo e nell’anima. Un luogo di cura, insomma, nel quale incontrarci, incontrarsi, fare rete», ha spiegato Alice.

Per riuscire a trasformare la loro casa in un home restaurant e accogliere le persone che vorranno frequentare Le Susine, Emilia e Alice hanno tuttavia bisogno di ampliare gli spazi costruendo un patio nel giardino, adatto all’estate come all’inverno. Ecco dunque, su Ideaginger, il loro crowdfunding, che si propone di arrivare a raccogliere 5mila euro entro il 3 aprile. «Attualmente stiamo realizzando oleoliti e preparando la terra – hanno riportato Emilia e Alice – e con l’arrivo della primavera speriamo che, oltre alla natura, anche il nostro progetto esploda di vita».

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Oasi in ospedale WWF, a Palermo il primo spazio verde del progetto
Oasi in ospedale WWF, a Palermo il primo spazio verde del progetto

Mindful eating: l’approccio a un’alimentazione consapevole promosso da Marina e Paola
Mindful eating: l’approccio a un’alimentazione consapevole promosso da Marina e Paola

A Reggio Calabria parte un percorso formativo pionieristico per la cura della SLA
A Reggio Calabria parte un percorso formativo pionieristico per la cura della SLA

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Papua Nuova Guinea, la frana, la tragedia e i 2000 morti di cui non si parla – #939

|

Viola Walk Home, l’app che “accompagna” le persone per farle sentire più sicure

|

Riverberi, a Milano il festival della sostenibilità per diffondere il cambiamento

|

Oasi in ospedale WWF, a Palermo il primo spazio verde del progetto

|

Tra le case abbandonate, il cortometraggio ambientato nei vecchi borghi fantasma dell’Appennino

|

Salviamo il fiume Sarno: continua la lotta per la bonifica del fiume più inquinato d’Europa

|

Arriva Equa, l’app che ti dice quanto è sostenibile un prodotto

|

Scalo Sogni: il viaggio in solitaria di Ettore Campana arriva sulle vette del Caucaso

string(9) "nazionale"